Come prevedere l'andamento Forex

Prevedere la direzione futura del mercato forex non è facile. I trader tuttavia, hanno a loro disposizione sempre più strumenti e risorse. In questo articolo andremo a vedere gli strumenti base di cui si servono per prevedere l’andamento forex e i tassi di cambio.

Forex market
Source: Bloomberg

Il mercato delle valute, più comunemente conosciuto come forex, è quello con più scambi al mondo. In una sola giornata vengono scambiati più di 5.000 miliardi di dollari di controvalore contro un centinaio di miliardi di azioni negoziate in tutto il mondo. Il merito non è solo delle maggiori banche che gestiscono la maggior parte delle negoziazioni sul forex, ma anche delle imprese e dei privati che ogni giorno continuano a negoziare valute in tutto il mondo.

I movimenti sul mercato forex sono influenzati da due fattori chiave: domanda e offerta, che vengono a loro volta influenzati dal sentiment del mercato. Quest’ultimo è condizionato poi da un’infinita lista di fattori, anche perché l’umore degli investitori è altamente sensibile al flusso di notizie, ai dati macro e agli altri sviluppi mondiali.

Scopri di più i vantaggi del trading con il forex.

Gli investitori possono contare oggigiorno su molti più strumenti di trading che permettono loro di attuare una serie di strategie diverse, tali da acquisire più vantaggi sul mercato. Anche questo rende il mercato del forex ancor più competitivo.

In questo articolo andremo a vedere e analizzare diversi strumenti finanziari dei quali gli investitori possono servirsi e strategie che possono intraprendere quando fanno trading sul forex.

Quale approccio dovrebbero adottare gli investitori per prevedere l’andamento forex?

Prima di decidere quale approccio adottare, gli investitori devono definire le basi della loro strategia e decidere quali coppie di valute negoziare. Il maggior volume di negoziazioni del mercato forex è concentrato sui cross valutari, come EUR/USD, GBP/USD e USD/JPY, anche se alcuni credono sia opportuno focalizzarsi su altre coppie forex, meno popolari.

Un altro fattore importante è l’orizzonte temporale che si intende utilizzare. Molti trader di brevissimo termine preferiscono evitare qualsiasi movimento drastico dei prezzi che potrebbe verificarsi durante la notte e pertanto chiudono le loro posizioni prima della fine della giornata. La mattina dopo tornano ad operare. Questo approccio si chiama day trading. Altri invece preferiscono mantenere le posizioni aperte per un periodo più lungo, tipicamente per 14 giorni, conosciuto come swing trading. Un altro tipo di trader è quello che opera su un orizzonte più lungo e che mantiene le posizioni aperte per mesi e addirittura anni cercando di astenersi da qualsiasi reazione se il mercato va su o giù.

Scopri di più su day trading and swing trading

In realtà non tutti gli approcci alla negoziazione su forex sono di tipo proattivo, ovvero quando i trader sono convinti di sapere dove una certa valuta sia diretta. Esistono anche approcci reattivi, nei quali gli operatori rispondono ai movimenti di prezzo. Tra questi rientrano il momentum trading, quando i trader credono che un notevole movimento di prezzo stia per dare inizio a un nuovo trend di lungo termine, e il trading range, quando si aspettano che i prezzi si muoveranno all’interno di determinati supporti e resistenze, senza un trend definito.

Scopri di più come ottimizzare il tuo trading

Previsioni l’andamento Forex: analisi fondamentale forex contro analisi tecnica forex

Per farsi un’idea verso che direzione si sta dirigendo il mercato forex e avere una visione globale su quali cross valutari siano i più adatti per fare trading, possiamo utilizzare due diverse tipologie di analisi: quella fondamentale o quella tecnica. L’analisi fondamentale è un metodo di valutazione dei prezzi che si basa sugli eventi e sui dati macro, nonché su ogni altro aspetto che possa influenzare l’economia di un Paese. L’analisi tecnica, invece, permette di studiare e prevedere le variazioni di prezzo sui mercati finanziari attraverso l’analisi storica dei grafici dei prezzi.

In breve, l’analisi fondamentale si pone l’obiettivo di trovare il valore reale basandosi su fattori esterni che guidano i movimenti del prezzo. Si concentra su fattori che influenzano il prezzo, e non sul prezzo in sé. L’analisi tecnica si pone invece l’obiettivo di studiare la domanda e l’offerta, concentrandosi solo sul prezzo e ignorando altri fattori.

Scopri di più come funziona il trading con il forex.

Come usare l’analisi fondamentale forex per prevedere i movimenti forex?

  • Crescita economica: la performance dell’economia di uno Stato, incentrata su dati come Prodotto Interno Lordo (PIL), che stabilisce se l’economia è in crescita o in calo, e se sì, in che misura. Se l'economia di uno Stato è in fase di sviluppo, questo si traduce nel rafforzamento della valuta perché attrae gli investitori, i quali devono usare la valuta locale per comprare le azioni oppure altri asset finanziari appartenenti a quel Paese.
  • Inflazione: quanto più il prezzo dei beni e dei servizi aumenta in uno Stato, tanto la politica monetaria ne risulta influenzata. La migliore misura dell’inflazione è indice dei prezzi al dettaglio (RPI) e indice dei prezzi al consumo(CPI)
  • Tasso d’interesse: il commercio internazionale ha un impatto sulle valute. La valuta di un Paese può essere influenzata dalle esportazioni; per esempio, un calo delle esportazioni spesso si traduce in un deprezzamento della valuta nazionale. Se gli investitori e i trader ritirano i soldi da un certo mercato, o viceversa aumentano gli investimenti, tutto questo ha un impatto notevole sulla valuta del paese.
  • Occupazione e salario: il livello di occupazione può essere correlato alla complessiva forza di un’economia e le fluttuazioni in occupazione sono importanti.
  • Geopolitica: in aggiunta ai dati economici, gli sviluppi geopolitici giocano un ruolo importante nel mercato del forex. Dato che la valuta rappresenta uno Stato, il suo tasso di cambio è influenzato dalle politiche di governo e dalle relazioni internazionali.

Come usare un calendario economico per prevedere l’andamento Forex

Fortunatamente per i forex trader c’è un modo semplice per stare al passo con i cambiamenti e prepararsi agli eventi che muovono il prezzo delle valute.

IG ha progettato un calendario economico dedicato al trading sul forex che traccia tutti gli eventi che dovrebbero essere presi in considerazione.

Il calendario riporta quando saranno annunciati i più importanti dati macroeconomici, oltre che altri eventi, come riunioni politiche o i discorsi dei presidenti delle maggiori Banche centrali, ad esempio della Federal Reserve (Fed), la Banca Centrale Europea (BCE), la Banca d’Inghilterra (BoE) e la Banca del Giappone (BoJ).

Bisogna ricordare che diverse economie sono guidate da differenti fattori. Così se alcuni dati economici sono importanti in uno Stato, possono non esserlo altrove. Per esempio, poiché l’economia del Regno Unito è dominata dai servizi, questo settore influisce sensibilmente sul PIL, mentre in Cina, dove l’economia si basa sulla manifattura, lo stesso dato potrebbe non avere molto peso.

Scopri di più sui cross valutari.

Il concetto alla base dell’analisi tecnica è che i prezzi possano ripetere i movimenti passati. Gli analisti tecnici credono che i grafici permettano di avere diverse informazioni sul futuro movimento dei prezzi, segnalando anche eventuali cambiamenti del sentiment del mercato. Lo scopo è quello di identificarli prima che accadano per poter sfruttare l’opportunità in tempo.

L’analisi tecnica è più usata nelle strategie a breve termine, come il day trading o lo swing trading. Anche se esistono una serie infinita di strumenti per fare analisi tecnica, quelli più comuni sono: il prezzo d’apertura, il massimo, il minimo e il prezzo di chiusura.

Quali strumenti tecnici vengono utilizzati per prevedere l'andamento forex?

Per prevedere l’andamento futuro dei tassi di cambio utilizzando l’analisi tecnica, i trader utilizzano dei pattern e dei segnali dallo storico del grafico. Vi sono una varietà di strumenti che prevedono i modelli e segnali.

Per scoprire di più: lista completa di indicatori e strumenti grafici che puoi usare con IG

Identificare i trend per prevedere l’andamento forex

Esistono tre tipi di trend: rialzista, ribassista, o laterale. Per esempio, se gli analisti tecnici si aspettano l’inizio di un trend rialzista, vuol dire che il tasso di cambio ha appena cominciato a salire e dovrebbe continuare ancora. Nella negoziazione sul forex l’inizio di un trend rialzista per una valuta equivale all’inizio di un trend ribassista per l’altra. Nel caso del cross GBP/USD, per esempio, la sterlina si apprezza, mentre il dollaro si deprezza.

Vi è una varietà di strumenti che possono essere utilizzati come parte dell’analisi tecnica per identificare i trend, ma quelli maggiormente utilizzati sono quelli che ruotano attorno alla media mobile:

  • La media mobile: è lo strumento più utilizzato nella determinazione dei trend. La media mobile calcola la media dei prezzi su un determinato periodo di tempo. Per esempio, la media mobile a 20 giorni è il tasso medio su 20 giorni, e si aggiorna ogni giorno. Al 21 esimo giorno, il primo giorno (quello più datato) viene escluso dai calcoli.
  • Il MACD: prende in considerazione una media mobile a breve termine e una media di lungo periodo. I trader attendono che la media a breve termine incroci a rialzo la media di lungo periodo, eventualità questa che aprirebbe a un trend rialzista.

Scopri di più

Verifica la forza e la stabilità dei trend per prevedere l’andamento forex

Identificare i trend è utile, ma non basta per carpirlo pienamente. In effetti, gli investitori dovrebbero usare anche altri strumenti per verificare la forza di un trend e la sua volatilità.

Alcuni degli strumenti più utilizzati sono:

  • Ichimoku: è un indicatore che non solo identifica un trend, ma definisce i livelli di supporto e resistenza per verificare la sua forza o il momentum
  • Indicatore RSI: è un indicatore che non solo identifica un trend, ma definisce i livelli di supporto e resistenza per verificare la sua forza o il momentum.
  • Indicatore ATR: Misura la volatilità di un trend, ma non l’identifica. ATR è un tipo di media mobile che mette a confronto i massimi e i minimi di un cross valutario in un determinato periodo di tempo con i prezzi di chiusura.
  • Deviazione standard: la deviazione standard è un metodo di misurazione della variazione dei prezzi, con la speranza di identificare le volatilità futura di un prezzo.
  • Bande di Bollinger: sono composte da una media mobile dei prezzi, che si trova nel mezzo di un canale delimitato da una banda superiore e una inferiore. Ciascuna banda rappresenta la deviazione standard dalla media mobile del mercato. Quando il tasso di cambio si muove fuori dalla banda, si presuppone che prosegua nella direzione della rottura.

Uso di un approccio econometrico per prevedere l’andamento forex

I trader, pur avendo una varietà di strumenti a disposizione per migliorare la loro analisi tecnica, devono tenere a mente che ciascuno di essi serve a uno scopo diverso e ciascuno ha un suo limite. Ecco perché dovrebbero utilizzarli insieme, solo così si riesce a ottenere un’immagine precisa e chiara.

L’approccio econometrico è quello più utilizzato. I modelli econometrici variano da strategia a strategia, dato che i trader possono scegliere i diversi fattori che secondo loro influenza maggiormente il tasso di cambio.

Uso dell’approccio della relativa forza economica per prevedere l’andamento del forex

Molti dati economici che possono innescare dei movimenti bruschi nel mercato forex sono interconnessi tra di loro. La crescita del PIL, il tasso d’inflazione e i salari influenzano la politica monetaria delle Banche centrali. Le politiche fiscali possono invece impattare sul commercio o sui flussi di capitale (come per esempio la guerra commerciale del Presidente USA, Donald Trump, con la Cina).

Prevedere in che direzione si muoverà il tasso di cambio attraverso lo stato di salute della sua economia viene chiamato ‘approccio della forza economica relativa’. Quest’approccio non è in grado però di prevedere quale sarà il tasso di cambio, ma permette ai trader di decidere dove pensano si dirigeràa: in alto o in basso.

Uso della parità di potere d’acquisto per prevedere l’andamento del forex

La parità di potere d’acquisto (PPP) tenta di individuare quale dovrebbe essere il tasso di cambio tra due Paesi e si basa sull’assunto che il prezzo degli stessi beni o servizi sia uguale.

Il miglior esempio è quello del famoso indice Big Mac. Esso misura il prezzo del Big Mac di MacDonald in diversi Paesi in tutto il mondo. L’idea è quella di individuare quale dovrebbe essere il tasso di cambio affinché un Big Mac costi 5,00 dollari negli Usa e 4,50 euro in Europa, in modo tale che abbia lo stesso valore. In questo caso, il tasso di cambio EUR/USD necessario sarebbe di $1,11. Se il tasso di cambio è più basso o più alto di quello individuato, secondo l’approccio PPP, è probabilmente sottovalutato o sopravalutato.

Uso dell’tasso d’interesse di parità e del reale tasso d’interesse per prevedere forex

La parità dei tassi d’interesse (IRP) è molto simile al PPP. L’unica differenza è che invece di valutare il prezzo dello stesso bene in diversi paesi, esso si focalizza sul fatto che i rendimenti di un asset finanziario siano gli stessi, una volta aggiustati per il livello dei tassi d’interesse.

Lo stesso avviene per il modello del tasso d’interesse reale (RIR) che si basa sul principio secondo cui un Paese con un tasso d’interesse più alto vedrà la sua valuta apprezzarsi contro una valuta con un minore tasso d’interesse, perché i tassi d’interesse più alti attraggono gli investimenti stranieri e aumentano la domanda per la valuta locale.

Uso della teoria della bilancia dei pagamenti e del modello di mercati finanziari per prevedere l’andamento forex.

Questi due modelli si basano sul flusso degli scambi commerciali e degli investimenti tra i diversi Paesi che impattano sul tasso di cambio. Il concetto alla base della teoria della bilancia dei pagamenti è che la valuta di uno Stato si deprezzerà se importa più beni e servizi di quelli che esporta, mentre si apprezzerà in caso contrario.

Il modello del mercato è simile, ma si concentra solo sul flusso degli investimenti stranieri dentro e fuori dagli Stati. Esso assume però che i livelli più alti degli investimenti stranieri fanno apprezzare la valuta mentre un livello più basso provoca il suo deprezzamento.

Dato che il forex è negoziato over-the-counter (OTC), avere i dati sui volumi è pressoché impossibile. Vi sono comunque altri modi per analizzare il sentiment del mercato. Uno di questi è guardare ai dati sui Future, che permette di avere delle previsioni sul futuro tasso di cambio. Se il prezzo future del cambio è nettamente diverso dal prezzo a pronti vuol dire che il sentiment è ottimista o pessimista.

Lo strumento più utilizzato a tal fine è il Commitment of Traders report pubblicato dal Commodity Futures Trading Commission (CFTC), il quale descrive in dettaglio posizioni short o long intraprese dagli investitori sui Future.

Scopri di più quali fattori influenzano il forex?

Conclusione: gli investitori hanno bisogno di tutti gli strumenti disponibili per poter negoziare sul mercato forex

L’ammontare degli strumenti e dei dati di cui si ha bisogno per fare trading può sembrare effettivamente opprimente per coloro che vogliono soltanto tastare il terreno, ma è proprio questo il motivo per cui è ancor più importante avvalersi di ogni strumento a vostra disposizione, poiché gli altri milioni di trader su forex nel mondo molto probabilmente li utilizzano. L’analisi tecnica è una conoscenza base per la maggior parte dei trader che operano su forex e i fattori principali che influenzano questo mercato, per esempio i dati relativi alla crescita, sono facilmente accessibili da tutti.

L’analisi fondamentale è in effetti spesso criticata per il cosiddetto ’cammino aleatorio’, nel quale i commentatori cercano di associare una storia nuova o un flusso di dati ad un movimento del prezzo precedente senza sapere realmente se questo ha causato quel movimento o meno. L’analisi tecnica invece viene usata da altri sul mercato e non può dare ai trader nessun vantaggio competitivo di per sé.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.