Disoccupazione Usa: richieste ancora record ma la curva rallenta, Dow Jones sotto la parità

Oltre 2,4 milioni di cittadini americani hanno inoltrato una richiesta di disoccupazione, trend in calo ma le cifre restano da record, per un totale di 39 milioni. Fermo il cambio EUR/USD mentre l’indice Dow Jones apre a -0,1%

La curva si appiattisce, ma la serie di dati record continua. Nella settimana che si è conclusa lo scorso 16 maggio, sono stati in 2,438 milioni i cittadini americani che, per la prima volta, hanno compilato la richiesta per un sussidio di disoccupazione.

Il trend si conferma in calo rispetto al dato della settimana scorsa, che per altro è stato rivisto al ribasso (da 2,98 milioni a 2,69, a causa di errori nel conteggio delle richieste pervenute soprattutto in Connecticut), ma comunque manca le previsioni degli analisti, che speravano in massimo 2,4 milioni.

Come si presenta in panorama istituzionale Usa?

La media delle ultime quattro settimane, tradizionalmente più utile per edulcorare il dato dagli eventi straordinari, segna una variazione di 3,04 milioni, a fronte del dato precedente (anch’esso rivisto al ribasso) di 3,5 milioni.

La curva torna dunque a scendere, ma il totale dei disoccupati resta comunque senza precedenti negli Usa, a 36,8 milioni: negli Stati Uniti la crisi coronavirus ha provocato la perdita del lavoro per un cittadino su cinque.

A registrare il numero maggiore di richieste è stata la California, con circa 246 mila domande inoltrate (213 mila in più rispetto alla scorsa settimana). Seguono lo stato di New York (227 mila), Florida (224 mila) e Georgia (177 mila).

Il gap tra le domande e le sovvenzioni

Il volume delle richieste di disoccupazione rilasciato dal Department of Labor è un indice dello stato di salute dell’economia Usa; ma, con le attività economiche in lenta riapertura e il lancio delle sovvenzioni statali, gioca un ruolo anche il numero di quelle effettivamente accolte.

Se il totale delle richieste di sussidio non tiene conto di chi, dall’inizio della crisi (quando i disoccupati arrivarono a superare oltre sei milioni in una sola settimana) un lavoro l’ha trovato, fa fede il numero delle richieste continue, ovvero di coloro che, dopo aver inoltrato la prima domanda, proseguono con la richiesta dell’indennità di disoccupazione: la settimana scorsa sono state oltre 25 milioni, in rialzo rispetto alla precedente (22,55 milioni).

Quali prospettive per il futuro?

Il numero delle richieste continue si lega strettamente alla riapertura delle attività economiche: più lentamente avviene quest’ultima, più sale la probabilità che le perdite temporanee di lavoro diventino definitive, rendendo sempre più difficile per gli Usa far abbassare il tasso di disoccupazione.

Stime non ancora ufficiali calcolano che a maggio la disoccupazione possa raggiungere oltre il 20%, in rialzo rispetto al dato (già allarmante) del mese scorso, al 14,7%.

Quali sono i supporti federali?

Martedì scorso il presidente della Fed Jerome Powell e il segretario del Tesoro Stephen Mnuchin sono stati chiamati a rispondere in Senato delle misure di supporto all’economia Usa di fronte alla crisi scatenata dal coronavirus. Tra le altre, l’accento è caduto anche sul Paycheck Protection Programm, che prevede prestiti alle aziende così che possano continuare a pagare gli stipendi di chi, a causa delle restrizioni imposte per il contenimento del virus e del calo della domanda che ne è derivato, è costretto a restare a casa

Mnuchin ha difeso il programma, dopo le denunce sui ritardi nello stanziamento dei fondi e sulle modalità con cui questi sono stati distribuiti – i sussidi sono stati elargiti in ordine di richiesta, con grandi multinazionali che avrebbero dunque beneficiato prima ancora delle piccole e medie imprese, anello debole del sistema.

Come ha reagito il dollaro?

Il dato, seppur leggermente più alto, non si discosta troppo dalle attese degli analisti e il dollaro non solo non ne risente, ma segna anche un leggeri rafforzamento, abbastanza per azzerare quasi del tutto le perdite sull’euro (il cambio EUR/USD viaggia sulla parità, a 1,098).

Aprono invece frazionati gli indici di New York, con il Dow Jones che segna un ribasso dello 0,11%.

Apri un conto reale con IG per iniziare a fare trading sul Dow Jones.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Volatilità sui mercati

Fai trading con IG su oltre 17.000 mercati.

  • Spread competitivi: spread da 0,8 punti sugli indici, da 0,6 sul forex e da 0,1 su materie prime
  • Stop garantiti: imposta un livello a cui chiudere la posizione per tutelarti da eventuali gap di mercato e slippage
  • Turbo24: scegli la tua leva e il rischio con un prodotto quotato, liquido e trasparente, disponibile H24

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.