Inside bar

Uno dei pattern di Price Action più semplici da vedere sul grafico sono proprio le cosidette “inside bar”.

In Price Action, le inside bar, anche chiamate “inside day”, sono quelle candele che sono totalmente avvolte dal massimo e minimo precedente: formano quindi una compressione di volatilità nei prezzi che può sfociare in direzionalità nei gironi successivi.

Spesso, una inside bar nel timeframe daily si traduce in un triagolo nei timeframe più piccoli intraday.

Alcuni esempi di inside bar:

Le inside day ci indicano, quindi, una sorta di indecisione o di stallo dei prezzi prima di una continuazione di tendenza o inversione. Spesso, si vengono a creare su livelli importanti alla fine di un movimento direzionale, ma altre volte si creano proprio proprio prima di un forte break out che conferma la forte direzionalità dei prezzi di un certo mercato.

In linea generale, sarebbe più corretto tradarli al break out del massimo/minimo della barra precedente la inside, ovvero la barra chiamata outside o mother bar, questo perché si andrebbe a confermare la violazione della compressione che ha tenuto all’interno per uno o piu candele il mercato.

Io, la utilizzo solamente su chiari livelli di prezzo, sia in trend che contro trendk ma diventa molto più interessante quando ci troviamo di fronte ad una inside bar creatasi su timeframe a barre settimanali, visto che questo ci può permettere di attendere il break out e seguire, sia sul timeframe settimanale che sul grafico giornaliero, l’evolversi del mercato ottimizzando entry, stop loss e target di profitto.

Qui sotto alcuni esempi:

La coppia AUD/USD su timeframe settimanale ci sta indicando che al break out della mother bar o outside bar  barra prima della inside bar) può avvenire un movimento direzionale, ecco che posso optare per entrare direttamente su timeframe settimanale oppure attendere delle confere di segnali della stessa direzione su daily chart nelle settimane successive.

Nota bene: se operiamo sul grafico giornaliero, non si deve operare sulla barra della domenica sera, perché quella, per me, non è una inside bar, ma deve essere inserita nella sessione del lunedì.

Preferisco, quindi, fare trading o avere informazione dalle inside su grafici a barre settimanali, informazioni molto utili per le giornate di trading successive.

Tendo a fare trading in trend nel momento che il prezzo si trova in tendenza, usando in modo molto semplice la EMA 21, quindi cercando il break del minimo, se siamo in un mercato che quota sotto la media, e cercando, invece, il breakout del massimo, se il mercato sta sopra la EMA.

Esempio di EUR/USD su chart settimanale:

L’ultima inside è da tradare sempre solamente se avviene il breakout del minimo della mother bar e sempre solamente short visto il trend.

Cercherò il trade contro trend solo nel momento in cui io abbia un prezzo molto esteso e lontano dalla EMA 21 e che tocca un livello chiave statico (orizzontale) importante.

Qui, un esempio sempre sul cambio EUR/USD che in zona chiave 1.2500 aveva mostrato una base di consolidamento con una inside: in questo caso andrò a ricercare il break out del massimo della mother bar per un’operazione rialzista.

Partecipa ai nostri webinar

Vai al calendario e scegli l'argomento che ti interessa approfondire insieme ai nostri esperti, tra cui Arduino Schenato.

Cosa aspetti? Apri un conto

Aprire un conto è totalmente gratuito e in pochi minuti sarai pronto a fare trading.

Contattaci

Siamo disponibili dal lunedì al venerdì, dalle 09:00 alle 19:00 (CET) al numero verde:

800 897 582

In alternativa puoi scriverci all'indirizzo email italiandesk@ig.com

Conto demo

Esplora la nostra piattaforma di trading pluripremiata, attraverso il nostro conto demo gratuito.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.