Wall Street nuovi record in attesa delle trimestrali

Domani alzeranno il velo sui conti del quarto trimestre le prime banche.

bg_wall street new 1
Fonte: Bloomberg

Non si arresta il rally dei listini statunitensi, che ripartono con nuovi massimi storici oggi dopo la pausa (la prima del 2018!) di ieri. I timori sullo stop agli acquisti di Treasury da parte della Cina sembrano essere rientrati, dopo la smentita delle autorità cinesi. Rimangono però dei dubbi al riguardo, visto che Trump continua a criticare il forte deficit commerciale tra le prime due economie del mondo.

Non sembrano sortire effetti neanche le preoccupazioni del Canada che, secondo quanto riportato da Reuters, teme un passo indietro degli Usa riguardo agli accordi NAFTA (North American Free Trade Agreement).

Gli investitori snobbano tutto ciò e sembrano attendere con trepidazione la partenza della stagione delle trimestrali, che vedrà protagoniste domani i colossi di Wall Street JPMorgan, Wells Fargo e Black Rock. Secondo i dati Reuters, le aziende dell'S&P500 potrebbero registrare un aumento medio degli utili dell'11,8%, grazie soprattutto al comparto energetico. Se confermato sarebbe il tasso di crescita più alto da 5 anni. Il forward P/E sull'indice azionario più importante del mondo è a 18,4, decisamente sopra la media storica. Un elemento questo che non sembra impensierire gli operatori.

Crediamo che la recente approvazione della riforma fiscale possa tradursi nel brevissimo termine in un'accelerazione dell'attività economica e un rialzo dell'azionario, grazie soprattutto ai programmi di buyback che molte aziende adotteranno.

Insomma, nonostante le scosse che arrivano dal comparto fixed income, non sembra essere ancora il momento di vendere l'azionario made in Usa.

Per l'S&P500 il prossimo target è a 3.000 punti, livello che potrebbe essere raggiunto entro il primo trimestre.

 

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.