Usd/Jpy guarda pericolosamente ai minimi di aprile

Il cambio continua ad essere penalizzato dalle crescenti incertezze sulla politica statunitense.

bg_japanese_traders_1217749
Fonte: Bloomberg

Dal 17 luglio scorso le vendite sono proseguite inesorabilmente sul dollaro statunitense. Per il cambio USD/JPY, la rottura del supporto a 111,00 e i successivi test come resistenza a questo livello hanno confermato l’impostazione ribassista che sta puntando ora ai minimi di aprile, in area 108,15-108,00. Il raggiungimento di tale livello sembra essere quindi ormai inevitabile.

Cosa aspettarsi?

L’acuirsi della crisi politica negli Usa e il ritorno delle tensioni geopolitiche potrebbero portare il cambio sotto questo supporto strategico di medio/lungo periodo, complice anche un contestuale rafforzamento dello yen. Questa eventualità configurerebbe i massimi di maggio e luglio scorsi (a 114,50) come un doppio massimo. In tal caso, i target più interessanti sono collocati sulla trend line ascendente che unisce i minimi di settembre 2012 con quelli del 2016, ora in transito a 105,70. Non è detto che finisca qui. Un supporto più importante passa intorno ad area 102, livello su cui il cross ha oscillato lo scorso anno nei mesi precedenti il voto statunitense.

Eventuali rimbalzi vedono come primissima resistenza 109,70, anche se per scacciare il pericolo di nuovi imminenti cali il cambio dovrebbe posizionarsi sopra 111,00, massimi delle ultime due settimane. Difficile prospettare al momento un ritorno sui massimi di luglio.

usdjpy_6

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.