Eur/Usd, pull back in corso

Il dollaro cerca di recuperare terreno verso le principali valute mondiali.

bg_eurusd_1084361
Fonte: Bloomberg

Dollaro in cerca di riscatto in questo inizio di settimana, dopo il forte deprezzamento degli ultimi giorni. Ormai tra Usa ed Europa è in atto una vera e propria guerra valutaria, dopo le indicazioni del segretario al Tesoro, Steven Mnuchin, a Davos a cui ha cercato di opporsi il numero uno della Bce, Mario Draghi, durante la conferenza stampa di politica monetaria.

Ad alimentare il recupero del biglietto verde sembrerebbero essere due fattori principali:

  1. uno di carattere tecnico, dovuto all'ipervenduto generatosi negli ultimi giorni;
  2. uno di carattere intermarket, causato dal balzo dei rendimenti sui Treasury che inizia a richiamare l'attenzione degli investitori offshore.

Nonostante tutto, crediamo che il cambio non abbia terminato ancora la sua corsa. Abbiamo un target collocato a 1,27 per l'anno in corso.

Nel breve termine, un pull back potrebbe vedere come livello di supporto area 1,23 e 1,2150. Su entrambi i livelli passano due ritracciamenti di Fibonacci interessanti, su cui il mercato potrebbe tornare. Il supporto strategico interessante passa sulla trend line che unisce i minimi crescenti degli ultimi tre mesi, in transito ora a 1,1930. E' questo il livello su cui il cambio potrebbe tornare a rimbalzare.

Indicazioni rialziste si avrebbero solo con un superamento di 1,25, con primo obiettivo 1,26.

EURUSD29gen
Fonte: piattaforma IG

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.