Italia, settimana clou per il nuovo governo

L'attenzione verrà posta alla persona a cui verrà affidato l'incarico dal presidente della Repubblica.

Luigi Di Maio, leader of Italy's anti-establishment Five Star Movement

Dopo l’elezione dei presidenti e dei capigruppo delle Camere, non resta che attendere ora il 3 aprile, quando inizieranno ufficialmente le consultazioni. Al termine delle consultazioni, spetterà al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, affidare l’incarico di formare un governo alla persona che avrà più possibilità di essere sostenuto da una solida maggioranza in Parlamento.

A mese dal voto, che ci ha regalato un Parlamento “appeso” (hung Parliament), potremmo avere degli sviluppi importanti. Le trattative intense degli ultimi giorni e la dinamica del voto dei presidenti delle Camere sembrerebbero aprire a uno spiraglio per un’alleanza tra il Movimento 5 Stelle e la Lega, anche se rimane da dirimere la questione con Forza Italia e Fratelli d’Italia, che fanno parte della coalizione di Centrodestra.

Se i due partiti non riuscissero ad accordarsi restano aperte altre ipotesi, la cui probabilità però si riduce con il passare dei giorni. Una di queste è di un governo di minoranza del Centrodestra guidato da una figura moderata scelta da Forza Italia e Lega. In caso di totale disaccordo, non escludiamo si possa avere anche un governo tecnico, come accaduto in passato. Tendiamo ad escludere per il momento un ritorno alle urne nei prossimi mesi, anche perché è difficile che la situazione possa cambiare.

Sinora i mercati finanziari non sembrano essere stati influenzati dalle elezioni italiane, anche perché sono stati distratti da altri fattori di carattere internazionale, come il protezionismo invocato da Trump, le scelte di politica monetaria della Bce e i problemi del comparto tech.

Le recenti aste BTp sono state ben comprate e i rendimenti hanno ripreso a scendere, probabilmente guidati dall'indebolimento delle aspettative inflattive. Nonostante lo spread BTp-Bund sia rimasto sostanzialemente invariato tra i 125-140 punti base, rimane piuttosto ampio il medesimo differenziale con la Spagna, segnale che una qualche minima influenza sta emergendo con il passare dei giorni.

Abbiamo ulteriormente ridotto le possibilità di un impatto sui mercati dall'esito sul prossimo esecutivo. Continuiamo a credere che gli effetti li vedremo nel lungo periodo, dato che un governo senza una solida maggioranza potrebbe rallentare o impedire il processo di riforme e rendere il paese più fragile nel caso di una prossima crisi.

Nel brevissimo solo un governo Lega-M5S potrebbe portare gli asset italiani sotto pressione, anche se l'impatto potrebbe essere limitato.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Le basi del trading

  • Errori tecnici comuni

    La psicologia è un elemento chiave del trading finanziario e il modo in cui percepite e reagite nei confronti del trading può essere determinante per il vostro successo. In questo modulo analizziamo alcuni elementi della psicologia del trading e identifichiamo gli errori comuni ai quali prestare attenzione.

  • Dividendi

    Senza azioni non esisterebbe alcun mercato azionario, l'elemento vitale per qualsiasi economia nazionale. Scoprite come la negoziazione di titoli consente alle società di espandersi e svilupparsi, rappresentando allo stesso tempo un'importante fonte di guadagno per gli investitori privati e i grandi capitali.

  • Leva e margine

    In questa sezione vi presentiamo la nostra piattaforma per il trading online, PureDeal, e vi spieghiamo i vantaggi di operare con i CFD su un vasto numero di mercati. Tratteremo anche gli Stop e i Limiti e il funzionamento del trading con i prodotti a leva.

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.