Che Fed sarà nel 2018?

Si scalda la corsa alla presidenza della Banca centrale Usa quando mancano pochi mesi al termine del mandato della Yellen.

bg_janet_yellen_1446114
Fonte: Bloomberg

Mancano pochi mesi al termine del mandato di Janet Yellen (3 febbraio 2018) e gli operatori già si interrogano su chi sarà il suo successore alla guida della Banca centrale statunitense. Nonostante negli ultimi mesi le possibilità di un suo secondo mandato siano cresciute, la questione rimane ancora aperta, soprattutto dopo Jackson Hole. In quell’occasione, infatti, la numero uno della Fed ha elogiato l’attuale impianto regolamentare del sistema finanziario statunitense, suscitando il malessere di Trump e tra le fila dei repubblicani, da sempre contrari alla Dodd-Frank introdotto nel 2010.

Dato che la sua riconferma dovrebbe passare lo scoglio del Senato a maggioranza repubblicana, le probabilità di una sua riconferma a nostro avviso rimangono contenute intorno al 30%. Non è detto poi che la Yellen stessa accetti un secondo mandato, visti i punti di disaccordo con l'amministrazione Trump.

Oltre alla Yellen, il nome più gettonato rimane Gary Cohn, capo consigliere economico di Trump, con il quale di recente ci sono stati dei dissidi dopo i fatti di Charlottesville. Per ora la questione rimane in sospeso. Probabilmente solo una sua vittoria in tema di riforma fiscale, attesa per la fine dell'anno, potrebbe permettergli di guadagnarsi nuovamente i consensi del presidente per una sua candidatura a capo della Federal Reserve. Nonostante la figura di Gary Cohn abbia una forte impronta politica, rimane molto vicino alle idee della Yellen, sostenendo una politica monetaria di normalizzazione dei tassi. Al momento, però, non sembra avere più chance della Yellen di sedere alla poltrona della presidenza della Fed.

Il restante 40% viene ripartito tra Kevin Warsh, John Taylor e Glenn Hubbard, con una lieve prevalenza per il primo. Tutte e tre le figure sono più inclini a un atteggiamento da falco rispetto alla Yellen.

Il nodo Fed presenta aspetti più complessi. Non è solo la presidenza ad essere vacante. Con le recenti dimissioni del vice presidente del Consiglio direttivo della Fed (Board of Governors), Stanley Fischer, sono quattro le posizioni vacanti all’interno del Board. Trump ha così l'opportunità di costruire un consiglio direttivo della Fed a forte tendenza politica.

Non bisogna dimenticare, poi, che da febbraio ci sarà la consueta rotazione tra i governatori dei 12 distretti della Federal Reserve. Nel dettaglio, fermo restando la presenza di Dudley (Fed di New York), ci saranno Evans (Fed di Chicago), Kashkari (Fed di Minneapolis), Kaplan (Fed di Dallas) e Harker (Fed di Philadephia) che lasceranno il posto a Bostic (Fed di Atlanta), Williams (Fed di San Francisco), Mester (Fed di Cleveland) e al sostituto della Fed di Richmond, dopo le dimissioni di Lacker dell’aprile scorso.

L'ago della bilancia del FOMC subirà quindi un leggero spostamento verso un atteggiamento più hawkish rispetto a quello corrente. Se aggiungiamo delle nomine del Board of Governors, compresa quella del presidente, più inclini a un atteggiamento aggressivo, si comprende come la politica monetaria possa subire una "scossa" il prossimo anno.

I mercati per ora non sembrano essere troppo turbati e sperano ancora nella possibilità di una conferma della Yellen, elemento questo che servirebbe a moderare le spinte dei falchi che si apprestano a volare sulla Federal Reserve.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Le basi del trading

  • Grafici principali

    Scoprite come gli analisti utilizzano i grafici per studiare il comportamento degli investitori e comprendere i pattern del mercato. Imparate a usare i vari tipi di grafici e a identificare i pattern di prezzo in formazione.

  • Che cos'è la vendita allo scoperto?

    La vendita allo scoperto consente ai trader di ottenere un profitto in un mercato ribassista o di proteggere gli investimenti esistenti. Scoprite come e perché la vendita allo scoperto può diventare il componente chiave di una strategia di trading equilibrata.

  • Perchè usare un piano di trading?

    Un piano di trading è uno strumento che vi consente di definire chiaramente i vostri obiettivi e vi aiuta a conseguirli. In questo modulo spieghiamo come redigere e implementare un piano personale.

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.