Riapertura frontiere extra-Ue, azioni comparto aereo in rosso

Via libera per i viaggi in 15 paesi dove l’andamento del Covid-19 sembra sotto controllo – nella lista non compaiono gli USA: danno all’economia italiana per 1,8 miliardi di euro

I cittadini europei tornano a viaggiare anche al di fuori dell’area Schengen. Da oggi ripartono infatti i voli per 15 paesi esterni all’Unione Europea, dopo la decisione presa a maggioranza nella riunione che da giovedì scorso ha riunito il Coreper, il Comitato dei Rappresentanti Permanenti all’Unione Europea dei singoli stati membri, interno al Consiglio Europeo.

Via libera dunque ai voli per Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del Sud, Thailandia, Tunisia, Uruguay. Gli arrivi dalla Cina saranno soggetti alla condizione di reciprocità, mentre grandi assenti sono gli Stati Uniti, ancora alle prese con una recrudescenza della pandemia di Covid-19 che ha provocato lo stop all’allentamento delle misure di lockdown in diversi stati, tra cui California e Florida.

In base a quali condizioni sarà possibile viaggiare?

Si tratta in realtà di una semplice raccomandazione: la decisione finale sull’apertura o meno ai voli extra-Ue spetta ai singoli governi, che potranno agire in considerazione della situazione epidemiologica dei paesi in questione.

D’altra parte, si tratta proprio dello stesso criterio utilizzato per stilare la lista dei 15 paesi verso cui riaprire le frontiere: numero dei nuovi casi negli ultimi 14 giorni inferiore alla media Ue (considerando ogni 100 mila abitanti), andamento stabile o decrescente della curva dei contagi negli ultimi 14 giorni, adeguati strumenti per tracciare e monitorare i casi di Covid-19.

I viaggiatori in arrivo in Italia dovranno osservare un periodo di quarantena fiduciaria, mentre nel testo del decreto firmato oggi dal ministro della Salute Roberto Speranza si aggiungono anche i “motivi di studio” tra le ragioni per cui si potrà rientrare nel nostro paese – oltre a comprovate esigenze lavorative, i motivi di salute e l'assoluta urgenza.

Quanto pesa sull’economia l’esclusione degli Usa?

Si tenta così un nuovo, piccolo passo al ritorno alla normalità, atteso soprattutto dal settore del turismo che, ormai a stagione avviata, teme ancora un crollo record dei ricavi provenienti dall’estero.

A tal proposito ha sollevato non pochi mal di pancia la decisione di escludere, per il momento, i voli in arrivo dagli Stati Uniti. Le cifre della pandemia negli States continuano di certo a preoccupare, con oltre 2,69 milioni di casi registrati e 129 mila vittime dall’inizio della pandemia, che non accenna ad allentare la presa.

Dall’altra parte, tra luglio, agosto e settembre Coldiretti stima 1,8 miliardi di mancati introiti derivanti dalla spesa dei turisti Usa, che in Italia rappresentano circa il 29% dei vacanzieri non europei, con 1,4 milioni di presenze stimate. Lo stop riguarda anche la Russia, con la perdita di 400 mila turisti.

L’aumento del turismo interno a malapena sarà in grado di compensare le perdite. Secondo Coldiretti si sposteranno (per breve tempo) circa 34 milioni di italiani, il 13% in meno rispetto all’ultima misurazione.

Scopri come fare trading sulle azioni e altri mercati con IG

Come si stanno muovendo le azioni delle compagnie aeree?

La parziale riapertura delle frontiere non ha tuttavia aiutato al rialzo il settore europeo viaggi e compagnie aeree: l’indice paneuropeo Eurosotxx Travel&leisure segna un ribasso dell’1,18%, scendendo a 161,94 punti, mentre quello relativo alle compagnie aeree perde l’1,26%, a 204 punti.

Tra le compagnie europee sprofonda Airbus, che perde il 3,79% e scende a 61,10 euro dopo l’annuncio, rilasciato ieri, di voler tagliare circa 15 mila posti di lavoro (l’11% della forza lavoro totale) in seguito al calo dell’attività causato dal lockdown – circa 55 miliardi di euro, una contrazione di oltre il 40%.

Giù anche la britannica Ryanair, a -1,70% e British Airways, che perde il 4,01%. Male in Germania anche Lufthansa, che perde il 4,34% e scene a 8,55 euro.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Cogli le opportunità del mercato azionario

Vai long o short su migliaia di titoli globali con i CFD.

  • Aumenta la tua esposizione sul mercato con la leva
  • Spread a partire dallo 0,1%
  • Fai trading con i CFD direttamente nel book di negoziazione con accesso diretto al mercato

Vedi un'opportunità sulle azioni?

Prova il trading senza rischi con il nostro conto demo.

  • Accedi al tuo conto demo
  • Apri una posizione
  • Scopri se le tue previsioni erano corrette

Vedi un'opportunità sulle azioni?

Non perdere la tua occasione e passa a un conto reale.

  • Fai trading su una vasta selezione di azioni
  • Analizza i mercati e opera con grafici veloci ed intuitivi
  • Leggi le ultime notizie direttamente dalla piattaforma

Vedi un'opportunità sulle azioni?

Non perdere la tua occasione. Effettua il login e apri la tua posizione.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading