Azioni Eni in forte rialzo, ottimismo per i contatti Putin-Trump

Il cane a sei zampe torna ai livello pre-lunedì nero e supera i 9 euro per azione, dopo indiscrezioni secondo cui i presidenti di Usa e Russia sarebbero in contatto per circoscrivere il crollo del prezzo del petrolio

Dopo che, in nottata, il prezzo del petrolio ha minacciato di scendere al di sotto dei 20 dollari al barile, il rimbalzo delle ultime ore ha portato con sé un’ondata di vendite sui titoli petroliferi, primo tra tutti sul listino italiano Eni, che ha guadagnato oltre il 5%.

Come sta succedendo al prezzo del petrolio?

A spingere al rialzo il prezzo del petrolio ha contribuito soprattutto una telefonata, annunciata già ieri, tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin.

I due avrebbero discusso della possibilità di un incontro ufficiale tra i rispettivi funzionari dei dipartimenti dell’energia, per moderare la caduta libera del prezzo del greggio scatenata dall’aumento della produzione ad opera dell’Arabia Saudita – è la risposta di Riad al rifiuto, da parte della Russia, di continuare ad aderire ai tagli alla produzione stabiliti in sede Opec lo scorso dicembre.

Non è la prima volta che Trump cerca di fare da intermediario. Giorno dopo giorno, però, la posta in gioco si è fatta sempre più alta: la guerra dei prezzi rischia di deflagrare proprio nel momento in cui gli Stati Uniti devono fronteggiare l’aggravarsi dell’emergenza Covid-19, con relative conseguenze economiche.

Sono stati gli stessi produttori di petrolio ad appellarsi a Trump, messi in crisi sia dal drastico calo della domanda (tre miliardi di cittadini in tutto il mondo sono in lockdown: non viaggiano, non lavorano e non si spostano), sia dalla drastica svalutazione del greggio, che li costringe ad ammassare scorte che, almeno per le prossime due settimane, resteranno ferme.

L’unica soluzione per gli Usa, dunque, sembra essere stata quella di entrare a forza nelle vicende interne dell’Opec+, da una parte cercando una quadra con la Russia di Putin, dall’altra continuando a fare pressioni sul governo saudita, senza il cui placet di fatto nessuna decisione verrà mai adottata dall’Opec nella sua interezza. Secondo gli analisti, tra le ipotesi al vaglio degli Usa ci sarebbe quella di alleggerire le sanzioni sulle compagnie petrolifere russe, come Rosneft, per convincere Mosca a prendere parte alle trattative.

Come si stanno muovendo le azioni Eni?

Stamattina, le azioni Eni hanno osservato un rialzo dell’8,75%, per poi assestarsi intorno a quota 9 euro per azione.

Il titolo aveva subito nei giorni scorsi pesanti ribassi, vittima allo stesso tempo del calo della domanda di petrolio dovuta all’emergenza coronavirus e alla guerra dei prezzi tra Russia e Arabia Saudita, toccando un minimo (il 16 marzo) di 6,26 euro per azione.

Oggi invece ha recuperato i livelli raggiunti l’ultima volta all’inizio del mese, il 9 marzo, giorno in cui è crollato insieme alla maggior parte dei titoli di Piazza Affari nel momento in cui la Borsa di Milano ha registrato il suo minimo storico.

Quali altri titoli stanno osservando rialzi?

D’altra parte, per l’intero Ftse Mib quella di oggi è una sessione al rialzo, sulla scia dei dati macro arrivati dalla Cina (in lento e graduale ritorno ai ritmi quotidiani, dopo aver passato la fase più acuta della pandemia).

L’indice di Milano ha subito un calo a metà sessione dopo la pubblicazione dello studio di Confindustria secondo cui la crisi coronavirus costerà all’Italia il 6% del Pil 2020 – e ciò nell’ipotesi in cui la situazione inizi a tornare alla normalità entro maggio. Al momento, il Ftse Mib viaggia leggermente sopra la parità e guadagna lo 0,11%. A segnare il rialzo più forte è proprio Eni, insieme ad Atlantia (+6,43%) e Buzzi Unicem (+2,79%).

Scopri come fare trading sulle azioni Eni e altri mercati con IG.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Cogli le opportunità del mercato azionario

Vai long o short su migliaia di titoli globali.

  • Aumenta la tua esposizione nel mercato con la leva
  • Spread a partire da solo 0,1% sui principali indici globali
  • Fai trading con i CFD direttamente nel book di negoziazione con accesso diretto al mercato

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading