Spotify: dopo l’avvio boom di ieri forte discesa, vendite su comparto tech

Anche Spotify segue l'andamento negativo del settore tecnologico

Spotify-IPO-Hero-1

Era stato un esordio brillante per il gruppo svedese della musica in streaming. Spotify aveva aperto la prima seduta al New York Stock Exchange a 165,90 dollari per azione con una capitalizzazione di mercato di 29,5 miliardi di dollari (il prezzo di riferimento era pari a 132 dollari), diventando la terza più grande IPO del settore hi-tech dopo Alibaba e Facebook. Una quotazione particolare per il gruppo fondato in Svezia da Daniel Ek e Martin Lorentzon. E’ stata, infatti, una vendita di azioni esistenti senza emettere quindi nuove azioni.

Il risultato straordinario di Spotify in Borsa è legato al timing della quotazione arrivata in un momento di forti turbolenze per il settore tecnologico dopo lo scandalo del Datagate di Facebook che ha appesantito i corsi di tutte le imprese del comparto. Osservando l’andamento delle ultime tre settimane Amazon ha perso il 18%, Netflix il 17%, Google/Alphabet il 15% e Apple il 10%. Ovviamente il peggiore è Facebook con la perdita di 20 punti percentuali passando da 185 dollari (valore registrato il 19 marzo) a 150 dollari.

Già ieri tuttavia il titolo dopo l’esuberante avvio ha perso terreno seguendo il debole andamento dell’intero comparto tecnologico chiudendo la prima sessione a 149 dollari per azione. L’avvio della seconda seduta a New York è ancora molto debole a 140 dollari, in forte ribasso rispetto alle quotazioni del giorno precedente ma tuttavia ancora leggermente superiore al prezzo di riferimento.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.