Fed: tassi fermi, focus sulla riduzione di bilancio. Powell: quale politica per il 2019?

Nuovo corso della Federal Reserve: una conferenza stampa per ogni meeting. Atteso l'intervento di Jerome Powell: tassi d'interesse fermi; da sciogliere il nodo riduzione bilancio. Linea più accomodante? Dollaro a ribasso...

Fonte: Bloomberg

Prima riunione del nuovo corso della Federal Reserve: a partire da questo mese, la banca centrale americana terrà dopo ogni meeting del comitato esecutivo federale (Fomc) una conferenza stampa, che allinei gli operatori al ritmo della linea politica dell’istituto centrale. Una linea più dura tende ad apprezzare il dollaro, valuta madre della più influente economia al mondo; una politica più accomodante porta invece alle vendite sul conio. Come si muoverà il mercato? Per il momento, l'aspettativa è di un approccio wait and see...

Tassi invariati: quali saranno le parole di Powell?

E’ proprio alle parole del governatore Jerome Powell che si rivolgerà l’attenzione dei mercati (ore 20:30 di questa sera), che già prevedono la conferma di un livello dei tassi d’interesse stabile (tra il 2,25 ed il 2,5%), in attesa di conoscere quale sarà la linea politica seguita dalla Fed nel corso dell’anno.

Il 2019 si è aperto con diverse sfide all’orizzonte, a partire dal rallentamento della crescita economica mondiale, fino ad arrivare agli effetti legati alla guerra commerciale sino-americana voluta da Donald Trump. Dopo aver rialzato il costo del denaro quattro volte nel 2018, la Fed ha fatto intendere di volersi prendere una pausa dalla politica restrittiva finora seguita, arginando l’eventualità che livelli inferiori di produttività globale, calo della domanda e fine degli effetti della riforma fiscale repubblicana, possano rallentare eccessivamente la spinta del mercato americano.

Meeting Fed: attenzione al bilancio federale

In cima alla lista degli osservati speciali appare la consistenza del bilancio della Federal Reserve: a partire dalla fine del 2014 l’istituto americano ha interrotto l’espansione del proprio bilancio, bloccando l’acquisto di nuovi titoli e reinvestendo i soli assets in scadenza. Se prima dello scoppio della Grande crisi finanziaria (e dell’attuazione delle tre fasi di quantitative easing che hanno fatto seguito ad essa) il bilancio federale si attestava poco sotto ai mille miliardi di dollari (un trillion), dieci anni dopo lo stesso dato presentava una consistenza pari a 4,5 mila miliardi, 3,5 trillions in più.

A partire dal 2018, la Federal Reserve ha quindi avviato un processo di quantitative tightening, limitando il riacquisto dei titoli in scadenza ad un ritmo di 50 miliardi di dollari al mese (con una riduzione di bilancio attesa per l’anno 2019 tra i 500 e i 600 miliardi di dollari). La domanda, ora, è se Jerome Powell deciderà di tener fede al piano originale o se devierà da tale progetto. Qualche indicazione a riguardo arriva dai listini americani.

S&P500, Nasdaq e Dow a favore della linea accomodante

Nel periodo compreso tra l’inizio di ottobre 2018 e la Vigilia di Natale, l’indice S&P500 ha perso circa il 20% del proprio valore, l’indice Nasdaq il 23% e l’indice Dow Jones il 19%. A partire dall’avvio del 2019, quando la Fed si è detta possibilista circa l’eventualità di rallentare il ritmo di restringimento della politica monetaria, i tre panieri hanno portato a casa rispettivamente rialzi dell’8%, dell’8,4% e dell’8%, lanciando un segnale difficilmente ignorabile sia dall’istituto centrale, che dal Presidente americano, favorevole ad una linea più accomodante, a sostegno dell’economia locale.

La parola, a Jerome Powell (live alle ore 20:30 sui canali della Federal Reserve).

Trova un articolo

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sul forex

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sulle azioni

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

Scopri di più sugli indici

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.