Indici europei frazionati, oggi occhi puntati sul Recovery Fund

È la giornata della presentazione del piano per la ripresa dell’economia europea, presentato dalla Commissione europea nel pomeriggio. Azionari europei in rialzo ad eccezione di Piazza Affari, che perde lo 0,26%

Come si prospetta la giornata in Europa?

Oggi gli occhi degli operatori sono puntati al piano per un Recovery fund, che la Commissione Europea annuncerà nel primo pomeriggio. Le aspettative sono per una soluzione di compromesso tra le richieste di Francia e Germania (500 miliardi in finanziamenti a fondo perduto) e quelle dei paesi del Nord Europa (Austria, Olanda, Svezia e Danimarca) che chiedono invece un sistema basato su prestiti.

Atteso in mattinata anche il discorso della presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde, che si esprimerà dopo la pubblicazione, avvenuta ieri, della Financial stability review e in vista della prossima riunione della Bce, il prossimo 4 giugno.

Rilevano anche i buoni dati macro arrivati negli ultimi giorni dalla Germania (dove sia la fiducia delle imprese sia quella dei consumatori sono aumentate più del previsto, sebbene restino a minimi record) e dagli Usa (dove ieri i dati sulle vendite di nuove case hanno registrato un incremento dello 0,6% a 623 mila unità rispetto alle 619 mila unità di marzo), che fanno sperare in una ripresa economica più rapida del previsto.

Al momento, gli indici europei viaggiano frazionati: Parigi guadagna lo 0,60%, Francoforte lo 0,69%, Madrid e Londra arrivano all’1,13%; sotto la parità invece Piazza Affari, che scende dello 0,26% a 17.814,84 punti dopo un’apertura positiva, spinta al ribasso da DiaSorin (-5,99% a 185,2 euro) e Nexi (-6,4% a 14,33 euro).

Cosa sta succedendo tra Usa e Cina?

Da una parte la prospettiva di ulteriori supporti fiscali del governo giapponese alla propria economia, la terza al mondo dopo Usa e Cina, dall’altra le tensioni che negli ultimi giorni hanno contrapposto proprio queste ultime due riguardo alla nuova legge sulla sicurezza nazionale allo studio del parlamento cinese (che minaccia l’autonomia di Hong Kong) hanno guidato la sessione di mercato asiatica, con chiusure contrastanti.

Il Nikkei guadagna lo 0,70% e il Topix lo 0,96%, spinti dalla prospettiva di un pacchetto di aiuti governativi da 1.100 miliardi di dollari, destinati a spese dirette per imprese e famiglie colpite dagli effetti della pandemia di coronavirus. Si tratta della seconda misura adottata dal governo giapponese in questo senso. In totale, Tokyo ha messo a disposizione fondi aggiuntivi equivalenti al 40% del suo Pil.

Altro discorso per i mercati cinesi, che chiudono al di sotto della parità dopo l’ultima battuta sulla questione Hong Kong. Ieri il presidente Usa Donald Trump ha annunciato di essere pronto a prendere provvedimenti contro la Cina entro la fine della settimana qualora questa non ritorni sui suoi passi. Le tensioni si sono tradotte in una perdita dello 0,34% sulla Borsa di Shanghai, mentre Shenzhen perde l’1,38% e China A50 lo 0,42%.

Sale il dollaro con gli operatori cinesi che si rifugiano nel biglietto verde davanti all’escalation di minacce, con il Dollar Index che viaggia a quota 99,13. Il cambio EUR/USD scende a 1,0957, quello GBP/USD 1,2294 e il cross USD/JPY raggiunge quota 107,478.

In calo anche il petrolio, con il Wti che perde l’1,63% e torna a quota 33,79 dollari al barile mentre il Brent scende a 35,60 dollari al barile. Tra le materie prime tocca una menzione anche all’oro che è tornato a sfiorare i 1,700 dollari l’oncia (il minimo da due settimane) salvo poi risalire nelle prime ore di contrattazioni in Europa a quota 1,708 dollari /oz.

Apri un conto reale con IG per iniziare a fare trading sugli indici.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Scopri le opportunità di trading

Con IG Bank puoi andare long o short su oltre 17,000 mercati.

Scegli la nostra piattaforma pluripremiata per fare trading con spread ridotti su indici, azioni, materie prime e molto altro.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading