Apple alla gogna commerciale. Qualcomm: violazione brevetti. Stop alla vendita iPhone in Cina

Mercati turbolenti, Wall Street negativa. Pesano tensioni commerciali Usa-Cina e rischio rallentamento crescita globale. Sullo sfondo, l'incognita Brexit. Male Apple, accusata da Qualcomm di violazione brevetti. Titolo di Cupertino: -28% in due mesi

Apple
Fonte Bloomberg

Avvio di settimana negativo per i listini americani che, lasciatisi alle spalle la peggior settimana dal marzo 2017 ed in linea con le principali borse mondiali, perde oggi ulteriore terreno. A pesare sui mercati, diverse questioni delicate, tra cui il rischio di rallentamento della crescita mondiale (specie quelle ad oriente), il futuro della Brexit (dentro o fuori l’Unione europea) ed il rinnovo delle tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti, complicato dal mandato d’arresto statunitense della figlia del fondatore di Huawei, accusata di aver violato le sanzioni americane all’Iran.

Sotto i riflettori del mercato a stelle e strisce, tuttavia, torna ad esserci Apple.

A circa un’ora dall’apertura delle contrattazioni, l’indice Dow Jones si lascia indietro lo 0,7%; lo S&P500 perde attorno allo 0,5%; il Nasdaq si muove poco al di sotto della neutralità, gravato dalla variazione negativa di Apple.

Con un ribasso superiore ai due punti percentuali, la società di Cupertino è tornata oggi sui livelli di fine aprile, in area $165. Il titolo, due mesi fa, quotava in zona $230. A trascinare nuovamente a ribasso il colosso tech, oltre all’acuirsi delle tensioni tra Pechino e Washington, ambedue determinate a non compiere passi indietro sul fronte commerciale (e sulla leadership mondiale), il blocco preliminare delle importazioni e vendite di iPhone in Cina richiesto da Qualcomm ad un tribunale cinese.

La ragione? La violazione di due brevetti.

Mentre Apple procede a ribasso, dichiarando in nota la prosecuzione regolare della propria attività di offerta di smartphone sul mercato ("i modelli restano disponibili"), Qualcomm guadagna di attorno al 3%.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.