La guida completa al trading con i ritracciamenti di Fibonacci

I ritracciamenti di Fibonacci sono da sempre considerati come dei livelli affidabili per un trading di successo. In questo articolo analizzeremo alcune strategie per capire il funzionamento di questa nota sequenza numerica.

Fonte: Bloomberg

Cosa sono i rintracciamenti di Fibonacci?

I ritracciamenti di Fibonacci sono uno strumento di analisi tecnica che utilizza percentuali e linee orizzontali disegnate sui grafici dei prezzi per identificare le possibili aree di supporto e resistenza.

Generalmente i mercati non si muovono lungo delle linee rette, ma sono caratterizzati da movimenti oscillatori intorno a una trend line. Queste oscillazioni altro non sono che dei movimenti temporanei di prezzo in controtendenza rispetto alla direzione del trend principale e sono noti come pull back o ritracciamenti.

I ritracciamenti di Fibonacci permettono proprio di identificare delle possibili aree dove i prezzi possono trovare temporaneo supporto o resistenza. I livelli di questo indicatore si basano sul principio matematico del rapporto aureo ideato dal matematico toscano Leonardo Pisano, detto Fibonacci.

La sequenza per il rapporto aureo è 0, 1, 1, 2, 3, 5, 8, 13, 21, 34, 55, 89, 144 e così via, dove ogni numero è la somma dei due numeri che lo precedono. Secondo il rapporto aureo, vengono identificati una serie di valori percentuali che potrebbero indicare dei livelli di supporto e resistenza.

I livelli più noti – e che troverete di default su ogni piattaforma di trading – sono: 23,6%, 38,2%, 50%, 61,8% e 100%. Ce ne sono anche altri, meno noti come il 76,4%. Ad ogni modo, quasi tutte le piattaforme oggigiorno permettono di settare dei livelli personalizzati sui grafici.

Un’immagine può aiutare a chiarire i dubbi. Dall’immagine sotto è possibile vedere il grafico giornaliero del cambio EurUsd durante una fase discendente. Il trend quindi è ribassista, ovvero inclinato verso il basso, e il cambio è passato da 1,24 a 1,15 nell’arco di poche settimane. Impostando l’indicatore di Fibonacci sul massimo e trascinandolo fino al minimo compaiono tutti i ritracciamenti di Fibonacci. Un trader può così identificare le aree dove il cambio può trovare resistenza in fase di rimbalzo e, quindi, dove potrebbero ripartire le vendite.

Nel caso di specie, sul secondo ritracciamento (38,2%) si può osservare come i prezzi trovino resistenza e le vendite ripartano violentemente (candela rossa).

sss

Potremmo dire che i ritracciamenti di Fibonacci sono usati dai trader per identificare il grado in cui un mercato si muoverà contro il suo trend principale. Tornando all’esempio sopra, il rimbalzo poteva essere più importante e puntare anche al 50% o al 61,8%. Di norma se il mercato ritraccia più del 61,8% il trend potrebbe essere a rischio inversione. Quindi si tende a dare molta importanza a quest’ultimo livello. Nella maggior parte dei casi, il ritracciamento va dal 23,6% al 38,2%.

L’identificazione di queste aree è utile ai trader in quanto può aiutarli a decidere quando aprire, oltre che a indicare possibili stop e limiti per le loro operazioni.

L’esempio sopra prende in considerazione un trend ribassista. Ovviamente vale lo stesso nel caso di un trend rialzista. In questo secondo caso, i livelli di Fibonacci andranno a costituire dei supporti interessanti su cui è possibile operare in caso di pull back.

Come usare Fibonacci nel trading?

Abbiamo già detto che i livelli di Fibonacci indicano ai trader quando è il momento opportuno per aprire o chiudere una posizione. Quindi i ritracciamenti di Fibonacci possono essere molto efficaci se usati correttamente. Tuttavia, questi richiedono un alto livello di comprensione per essere usati efficacemente. Il semplice disegno di linee su un grafico di prezzo in corrispondenza delle percentuali di Fibonacci probabilmente non darà risultati positivi, a meno che i trader non sappiano che cosa stanno cercando. Di conseguenza, i trader principianti dovrebbero fare attenzione quando usano i ritracciamenti di Fibonacci per essere sicuri che un calo del prezzo di un asset sia un pull back temporaneo e non un'inversione permanente.

Alcuni trader ritengono che i ritracciamenti di Fibonacci siano una profezia che si auto-realizza: dato che molti trader usano i ritracciamenti di Fibonacci come strumento di analisi tecnica, è probabile che ottengano gli stessi risultati. Ciò significa che gli ordini tendono a riunirsi intorno agli stessi livelli di prezzo, il che potrebbe spingere il prezzo nella direzione desiderata. Questa tesi è in parte vera, anche se molti trader oggigiorno si servono di più indicatori prima di prendere una decisione operativa.

Le migliori strategie di trading con Fibonacci

Vediamo di seguito alcune delle strategie di Fibonacci tra quelle più utilizzate, ovvero il ritracciamento shallow (lieve), deep (profondo) e medium (medio).

Ritracciamento lieve (Shallow)

Di norma un pull back lieve è quello che va dal 23,6% al 38,2%. Sono tra i più frequenti che si possono trovare. Esistono, però, anche ritracciamenti meno profondi. Questi ritracciamenti si verificano generalmente quando un mercato è in forte trend. In questi casi, di solito i pull back sono veramente lievi e identificano per lo più una fase di consolidamento. Queste situazioni richiedono una forte abilità per poter essere sfruttate visto che il mercato si muove rapidamente. L'ingresso in un mercato in forte trend può essere quindi non facile per molti operatori, dato che bisogna impostare anche uno stop loss. Generalmente, avrebbe senso impostare lo stop loss al di sotto del precedente minimo di swing in un mercato rialzista o al di sopra del precedente massimo di swing in un mercato ribassista.

Occorre aggiungere anche che quando un mercato è in forte trend, i trader spesso entrano in gioco senza considerare il profilo di rischio-rendimento o l’inserimento dello stop loss. Tuttavia, ha senso entrare durante il consolidamento di un mercato in forte trend, dato che spesso tale consolidamento rappresenterà una pausa di continuazione del trend principale.

Ritracciamento profondo (deep)

La ricerca di posizioni di ingresso all'interno di ritracciamenti di Fibonacci più profondi è un’altra strategia di trading molto utilizzata, soprattutto dai trader più speculativi. Le opportunità di trading in questo caso si hanno con dei pull back importanti del mercato, che arrivano a superare anche il livello del 61,8%. Rispetto ai ritracciamenti lievi, quest’ultimi tendono a verificarsi in trend più maturi e non in forte accelerazione come possono essere quelli in fase iniziale.

È logico pensare che i ritracciamenti più profondi si verifichino in punti in cui vi sono molte opinioni divergenti tra i trader con una prevalenza di operatori che iniziano ad essere scettici sulla prosecuzione del trend.

Ritracciamento medio

Esistono poi anche ritracciamenti a metà tra quelli lievi e profondi, detti ritracciamenti medi. Di solito sono meno frequenti dei ritracciamenti lievi e sono caratterizzati da dei pull back che vanno tra il 38,2% e il 61,8%. Generalmente si hanno in trend ben definito, ma che non ha ancora esaurito la sua forza iniziale. Potremmo dire che nel caso delle onde di Elliott, questo ritracciamento costituisce l’onda numero 4 di correzione che segue subito dopo l’onda impulsiva 3.

Estensioni di Fibonacci

Per completezza chiudiamo con un breve accenno alle estensioni di Fibonacci. Se i ritracciamenti vengono di solito utilizzati come livello di entrata sul mercato, le estensioni sono ideali per determinare i livelli di profitto, dove è possibile chiudere la posizione.

Difatti le estensioni rappresentano i livelli che il mercato può raggiungere una volta che ha ritracciato e sta per ripartire nella stessa direzione del trend principale. Identificano, quindi, quelli che sono i livelli che target una volta ripartito il trend.

Ne esistono diversi: 127,2%, 138,2%, 161,8%, 261,8% e 423,6%, anche se quelli più comuni sono 138,2, 161,8 e 261,8%. Come per i ritracciamenti è possibile inserire dei livelli personalizzati nelle varie piattaforme di trading.


Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è un nostro impegno: saprai sempre costi e commissioni applicati

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.