Aston Martin: tutto pronto per l’IPO

Il prezzo di quotazione è stato fissato a 19 sterline per azione. Attesa per il lancio di lunedì 8 ottobre

BG_aston_martin_cars_car_HP
Fonte Bloomberg

Un prezzo di 19 sterline per azione, per una valorizzazione complessiva di 4,33 miliardi di sterline. Sono questi i numeri di Aston Martin, che attende ora il giorno della prima quotazione sulla borsa di Londra, fissato per lunedì 8 ottobre. La notizia, giunta nella mattinata di oggi dopo che il gruppo ha concluso il periodo di collocamento sui mercati internazionali, conferma un prezzo all’interno del range fissato tra 18,5 e 20,00 sterline.

La casa automobilistica di lusso compie dunque un passo decisivo della sua storia, dopo il primo ritorno all’utile realizzato lo scorso anno dal 2010 ed un passato turbolento che ha visto in sette occasioni il fallimento della società.

Tra gli azionisti di Aston Martin che cederanno una parte della loro partecipazione al capitale in sede di Ipo, i principali portano il nome di Investindustrial, fondo di Andrea Bonomi (37,5%), e di Tejara Capital , gruppo di investitori del Kuwait (56%). Il 5% in mano a Daimler resterà invece intoccato.

Secondo quanto previsto, Aston Martin dovrebbe fare il suo ingresso sul London Stock Exchange all’interno dell’indice FTSE 100, come prima società automobilistica nel benchmark britannico delle blue-chip, dopo Jaguar. La società venderà circa un quarto delle sue partecipazioni esistenti, senza raccogliere nuovi fondi.

A gestire l’ingresso in borsa della casa di macchine sportive saranno chiamate Deutsche Bank, Goldman Sachs e Jp Morgan in qualità di global coordinator. Lazard agirà invece come Advisor finanziario.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.