Le migliori tecniche di scalping per il tuo trading online

Lo scalping rimane una tra le più diffuse tecniche di trading che attira sempre di più l’attenzione degli operatori che vogliono realizzare tanti piccoli e costanti profitti.

Cos'è lo scalping?

Prima di addentrarci nelle varie strategie di trading definiamo per bene cos’è e come funziona. Lo scalping è una tecnica di trading che consiste nell’apertura e nella chiusura di una posizione in un arco di tempo molto limitato. Non esiste una regola certa che definisce questo arco temporale. Di norma, la maggior parte delle operazioni rimangono in essere per un lasso di tempo che va da pochi secondi sino a un massimo di 15 minuti. In maniera un po’ forzata si tende ad associare allo scalping anche operazioni che rimangono in essere per più di un’ora, anche se questa risulta essere una forzatura. Data la natura dell’operazione, potremmo dire che le lo scalping è una sottocategoria del day trading, ovvero il trading intraday che prevede l’apertura e la chiusura dell’operazione durante la seduta. I trader che operano con questa modalità vengono definiti scalper.

Due sono gli elementi che contraddistinguono lo scalping:

  • da un lato, questo tipo di operatività sfrutta la pubblicazione dei dati o eventi macroeconomici in grado di portare volatilità e liquidità sui diversi mercati. Dato che l’operazione rimane in essere per pochi secondi (o al massimo qualche minuto) i trader cercano di operare al ridosso di eventi macro importanti, puntando a cogliere le opportunità che si dovessero presentare in caso di aspettative disattese;
  • dall’altro, sfrutta le potenzialità della leva finanziaria, uno strumento indispensabile che permette di amplificare i potenziali profitti (o le perdite), investendo solo una parte del nozionale dell’operazione. In questo modo, gli investitori cercano di “catturare” anche piccoli movimenti del mercato che potrebbero generare un profitto importante (così come le perdite!).

Possiamo così concludere che questa tecnica mira a fare tanti piccoli profitti durante una seduta di trading. Un presupposto importante, a completezza di quanto detto, è che le commissioni (o spread) siano basse affinché sia più facile realizzare un profitto netto.

Un passaggio chiave per gli scalper riguarda la gestione di una posizione. Nonostante la scelta sia del tutto arbitraria, di norma gli scalper preferiscono dividere l’operazione in più fasi. In particolare:

  1. se stiamo realizzando un profitto, chiudiamo una parte della nostra operazione, spesso i 2/3. In questo modo metteremo al sicuro una parte del guadagno;
  2. attendere gli sviluppi della restante parte dell’investimento (1/3). Se il mercato inizia ad andarci contro è preferibile chiudere per evitare di mettere al rischio il guadagno realizzato.

Tecniche di Scalping: consigli utili per avere successo

Oltre a quanto già detto ci sono poi dei consigli che è bene seguire per evitare spiacevoli sorprese. Il primo di questi è senz'altro di natura psicologica e suggerisce di non farsi mai prendere dal panico. Dato che lo scalper fa così tante operazioni durante il giorno è inevitabile che alcune non vadano a buon fine. In queste situazioni non è mai buona cosa lasciarsi sopraffare dalle emozioni, dato che potrebbero influenzare negativamente la nostra operatività. In secondo luogo, è opportuno utilizzare degli stop loss non molto vicini al livello d’ingresso, poiché si rischierebbe di vedersi chiudere le posizioni anzitempo. Infine, non bisogna mai trascurare l’analisi grafica di più lungo periodo. Pertanto, è sempre importante guardare il grafico con un time frame più ampio, analizzando la direzione delle trend line, i supporti e le resistenze strategiche.

Vantaggi e svantaggi dello scalping

Esistono diversi vantaggi legati allo scalping:

  • conseguire tanti piccoli guadagni, in modo tale da ottenere un profitto nel complesso soddisfacente;
  • limita fortemente le perdite dato che le operazioni rimangono aperte solo per poco tempo. È bene comunque utilizzare gli strumenti di riduzione del rischio, come lo stop loss, al fine di evitare spiacevoli sorprese;
  • piena autonomia operativa, con la possibilità di operare più volte durante la giornata.

Come ogni strategia che si rispetti, anche lo scalping presenta dei svantaggi:

  • su tutti spicca lo stress causato dalle frequenti e veloci operazioni;
  • non bisogna lasciarsi prendere dall’emotività. Questo problema viene superato con l’automatizzazione delle strategia, in modo tale che sarà la macchina ad agire per noi;
  • è una strategia time consuming, ovvero che richiede molto tempo e bisogna essere costantemente presente sul mercato. Anche in questo caso, l’automatizzazione della strategia permette di superare questo limite.

Tecniche di scalping sul forex

Sicuramente il forex è il mercato più adatto per operare con lo scalping. La ragione risiede principalmente nell’elevata liquidità che contraddistingue questo mercato. È importante quindi selezionare i cross valutari che sono liquidi (come Eur/Usd, Gbp/Usd, Usd/Jpy ed Eur/Jpy). Non solo. Affinché l’operazione sia profittevole, è importante che lo spread sia più basso possibile, in modo da poter essere recuperato anche con piccoli movimenti di mercato. A tal fine, è bene operare sui cross valutari in determinati orari della giornata, quando i mercati di riferimento sono aperti. Per esempio, per l’Eur/Usd il momento migliore rimane tra le 14 e le 18, mentre per l’Eur/Jpy dalle 9 alle 12.

Una delle tecniche che meglio si adattano al mercato forex è lo Sling Shot, che riesce a catturare piccoli e frequenti guadagni nell’arco di una singola seduta. La strategia prevede l’utilizzo di un grafico a barre (o a candele) dato che necessita delle informazioni fornite dal grafico dei prezzi, ovvero apertura, chiusura, massimo e minimo.

Entrando più nel dettaglio, per una strategia rialzista il primo passo prevede l’identificazione di una barra di setup, ovvero quella barra che ha una distanza fra massimo e minimo di almeno 15 pips. Una volta individuata la barra di setup, i passi successivi sono:

  • la barra successiva a quella di setup deve aprire in prossimità della chiusura della barra precedente (senza gap importanti);

  • i prezzi inizialmente dovranno scendere al di sotto del minimo della barra di setup, per poi invertire la direzione e risalire sopra il prezzo di chiusura della barra di setup;

  • si posiziona un ordine in acquisto uno o due pip sopra il prezzo di chiusura della barra di setup, mentre lo stop viene posizionato uno o due pip al di sotto del minimo della barra di entrata;

  • La posizione verrà chiusa al termine della barra.

L'immagine sotto rappresenta quanto detto.

Scalping Graph IT

Ovviamente, vale l’inverso per la strategia short. Dopo aver identificato la barra di setup (distanza massimo-minimo di almeno 15 pip), la barra successiva apre in prossimità della chiusura di questa. Se il prezzo supera prima il massimo della barra di setup e poi torna a scendere, allora inseriremo un ordine sell uno o due pip sotto la chiusura della barra di setup. Anche in questo caso lo stop viene posizionato qualche pip sopra del massimo della barra di entrata, mentre la posizione verrà chiusa al termine della barra.

Applicare lo scalping ai vari mercati

Sebbene lo scalping si adatti meglio al mercato forex, negli ultimi anni l’utilizzo di questa tecnica è stata esteso anche agli altri mercati, come le criptovalute e alle azioni. Scopri su quali mercati puoi fare trading applicando la tecnica dello scalping, e come puoi pianificare e gestire il rischio nel tuo trading.


Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è un nostro impegno: saprai sempre costi e commissioni applicati

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.