Wall Street in rosso dopo annuncio vaccino russo, indici globali al seguito

Ancora nessun accordo su aiuti fiscali Usa, mentre la Russia preme per accaparrarsi l’affare vaccino. Gli azionari europei recuperano terreno dopo un’apertura cauta, Ftse Mib +0,45% grazie a banche

Si chiama Sputnik V, ma con il satellite sovietico che, nel 1957, venne lanciato in orbita (prima volta nella storia dell’uomo), ha in comune solo un fattore: è lo smacco della Russia nei confronti degli Stati Uniti. Lo Sputnik V è infatti il vaccino anti-covid sviluppato nei laboratori russi e che ieri il presidente Vladimir Putin ha annunciato al mondo, battendo sul tempo le centinaia di case farmaceutiche impegnate nella stessa corsa e fermando i rialzi delle Borse globali.

La farmaceutica statunitense Moderna, in pole position per la ricerca di un vaccino, ieri sul Nasdaq ha perso oltre il 5%, con una ricaduta a cascata sugli altri indici di Wall Street.

Restano ancora diversi dubbi da sciogliere. L’Organizzazione mondiale della Sanità e l’intera comunità scientifica internazionale hanno accolto tiepidamente la notizia di un vaccino made in Russia: prevale lo scetticismo su un’adeguata fase di sperimentazione, ancora latente.

Come si è chiusa la giornata sui mercati asiatici?

Sono ancora gli Usa a pressare gli indici asiatici: oltre al calo del Nasdaq, la discussione sul pacchetto di stimoli fiscali, ancora in stallo al Congresso, tiene ancora sulle spine le Borse orientali. La notizia di un possibile vaccino presto disponibile ha contribuito a riportare la propensione al rischio sui mercati, mentre i dati macro vanno in direzione opposta.

In Cina, la contrazione delle scorte di liquidità e dei prestiti concessi dalle banche ha spinto al ribasso la Borsa di Shanghai, che perde lo 0,63%, mentre Shenzhen perde l’1,22% e China A50 lo 0,11%.

Bene invece il Kospi coreano, che chiude in rialzo dello 0,57%, e l’Hang Seng, che viaggia a +1,14%; sale anche il Giappone, dove il Nikkei avanza dello 0,41% e il Topix dell’1,23%, grazie soprattutto a uno yen sempre più debole nei confronti del dollaro, favorendo il comparto industriale.

Fai trading sugli indici asiatici e altri mercati senza rischi con il conto demo di IG

A che punto è il pacchetto di aiuti fiscali Usa?

La notizia del vaccino anti-covid russo ha provocato un’inversione di tendenza su Wall Street proprio quando gli indici statunitensi sembravano lanciati verso i rialzi migliori dai tempi pre-pandemia. L’S&P 500 ha chiuso in calo dello 0,80%, non prima però di essere tornato ai massimi da febbraio, a 3.333 punti; giù anche il Dow Jones, in calo dello 0,38%, ma soprattutto il Nasdaq, che perde l’1,69%.

Eppure i futures Usa promettono un avvio al rialzo: Dj +0,75%, Nasdaq +0,66%, S&P +0,53%.

I mercati guardano attentamente all’andamento delle discussioni al Congresso per il prolungamento degli stimoli fiscali, scaduti a fine luglio, in grado di sostenere le famiglie statunitensi che più hanno accusato l’impatto economico del Covid-19. Ieri è stato il quarto giorno consecutivo senza che i legislatori arrivassero a un accordo.

Sul fronte valutario, prosegue il lento ma stabile rafforzamento del dollaro: il cambio USD/JPY da giorni sale lentamente fino a raggiungere oggi quota 106,75, mentre nei confronti delleuro il biglietto verde viaggia a 1,17. Stabile il cambio EUR/GBP, intorno a 0,90, nonostante i cattivi dati flash sul Pil britannico trimestrale.

In rialzo il petrolio dopo dati sulle scorte Usa migliori del previsto, ieri: il Brent viaggia a 44,87 dollari al barile, il Wti a 41,93; resta alta la volatilità sull’oro, tornato nelle ultime ore a 1.900 dollari l’oncia (minimo da tre settimane) salvo poi risalire al momento a 1.935 dollari/oz.

Cosa si prevede per la giornata sugli indici europei?

Apertura poco tonica per il Vecchio Continente, dove Milano ha aperto in calo dello 0,2%, Francoforte ha perso lo 0,3% e Parigi lo 0,18%. A quasi un’ora dall’apertura si registra un’inversione di tendenza e al momento, ad eccezione del Dax che perde lo 0,10%, gli azionari europei si muovono in territorio positivo – inclusa Londra, che avanza dello 0,66% davanti a un dato sul Pil trimestrale preliminare che fa piombare il Regno Unito in recessione tecnica, con un crollo del 20,4%, ma comunque migliore rispetto alle aspettative, 20,5%.

Oggi su Piazza Affari continua a brillare il comparto bancario, con Bper che avanza del 2,22% a 2,39 euro per azione, Unicredit dello 0,8% a 8,32 euro e Banco Bpm dello 0,50% a 1,40 euro. Dal 24 agosto all’11 settembre si aprirà il periodo di presentazione delle richieste di vendita da parte dei soci Ubi delle azioni che non sono state conferite all'offerta di acquisto e scambio appena conclusa da Intesa Sanpaolo, mentre il delisting di Ubi Banca avverrà il 18 settembre.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Valuta la tua performance di trading

Monitora e analizza i tuoi dati di trading con Trade analytics, disponibile sul conto reale CFD di IG Bank.

  • Ottieni la panoramica dei tuoi dati di trading
  • Visualizza i profitti totali dalle posizioni chiuse
  • Individua gli errori e crea strategie di trading di successo

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading