Wall Street chiude domani per il Ringraziamento (e si prepara per la stagione degli acquisti)

Nasdaq, Dow Jones e gli altri indici Usa a riposo domani per il Thanksgiving. Grande attesa per il rush natalizio di fine anno

In occasione della festa più tipicamente statunitense (ma ormai nota in tutti i suoi dettagli al mondo intero), il giorno del Ringraziamento, domani Wall Street resterà chiusa.

Gli indici Usa, che nelle ultime settimane hanno toccato risultati da record, si prenderanno infatti una pausa, in attesa dell’ultimo rush finale prima della fine dell’anno: la stagione degli acquisti natalizi. Venerdì l’avvio ufficiale, come da prassi subito dopo il Ringraziamento, non a caso universalmente noto come “Black Friday”. Una tradizione nata proprio nei magazzini Usa all’inizio degli anni Duemila, più recentemente rilanciata da Amazon con i mega sconti offerti dalla piattaforma di acquisti online – e in breve traslata a qualunque altra tipologia di prodotti e servizi.

Una vera e propria prova del nove per le principali aziende, prime fra tutte quelle del settore tech, per le quali si apre l’ultima possibilità di strappare buoni (o ancora migliori) risultati prima della fine dell’anno finanziario, che per la maggior parte delle aziende si conclude a dicembre 2019.

Come stanno andando gli indici statunitensi?

Il volume degli scambi domani sui mercati internazionali si attende ovviamente molto più contenuto, a causa della chiusura di Wall Street. Al momento, il Nasdaq 100 è in rialzo di quasi mezzo punto percentuale, a +0,55%, il risultato migliore tra gli indici Usa. Seguono S&P500 (+0,25%) e Dow Jones (sulla parità).

Gli indici godono dell’ormai solito e cauto ottimismo in relazione alla guerra commerciale tra Cina e Usa. Dopo una telefonata, avvenuta martedì, tra il vicepremier cinese Liu He e i capi-negoziatori per gli Usa, il segretario al Tesoro Stephen Mnuchin e il rappresentante per il Commercio Robert Lighthizer, infatti, sembra che le questioni più scottanti (gestione della proprietà intellettuale, riduzione reciproca dei dazi e acquisto da parte della Cina di prodotti agricoli Usa) siano vicine a una risoluzione.

Cosa prevedevano le aziende per la stagione degli acquisti natalizi?

Il giorno del Ringraziamento e, soprattutto, il seguente Black Friday, segnano un momento importante per le aziende americane. I conti trimestrali pubblicati finora non hanno infatti potuto tenere conto dell’andamento delle vendite in queste e soprattutto nelle prossime settimane, quando si attendono picchi in grado non solo di confermare l’andamento dell’anno appena passato, ma anche il posizionamento di nuovi prodotti: è il caso di Apple e del nuovo iPhone, uscito il 20 settembre scorso. Un risultato particolarmente atteso, quest’ultimo, soprattutto all’indomani del flop dello scorso gennaio – quando le vendite non rispettarono le previsioni.

Parte già prevenuta Amazon, che già nei primi nove mesi del 2019 ha dovuto scontare l’impatto di nuove spese strutturali e, dunque, anche calcolando gli acquisti della stagione natalizia si aspetta risultati operativi in calo, tra 1,2 e 2,9 miliardi e ricavi tra 80 e 86,5 miliardi.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Cogli le opportunità del mercato azionario

Vai long o short su migliaia di titoli globali.

  • Aumenta la tua esposizione nel mercato con la leva
  • Spread a partire da solo 0,1% sui principali indici globali
  • Fai trading con i CFD direttamente nel book di negoziazione con accesso diretto al mercato

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading