Quotazioni petrolio in balia dei contrasti in sede Opec+, riunione rinviata

I paesi riottosi (e ripresi) puntano i piedi: o tutti si adeguano agli accordi, o si torna ai livelli di produzione non regolati. Riad cerca di rinserrare i ranghi mentre la Russia preme per un graduale allentamento dei tagli

Sembrava che fossero tutti d’accordo: la recrudescenza della pandemia di covid-19 minaccia la ripresa della domanda di petrolio, l’alleggerimento dei tagli alla produzione dovrà aspettare.

Eppure, la seconda giornata di riunioni dell’Opec+ è stata rimandata di 48 ore, da martedì 1 dicembre a giovedì 3 - domani. Segno di contrasti all’interno dell’organizzazione dei principali paesi esportatori di petrolio che, nel frattempo, pesano sulle quotazioni del greggio – seppur in maniera risibile: al momento il Brent perde lo 0,21% e viene scambiato per 47,32 dollari al barile, il Wti scende dello 0,31% a 44,41 dollari al barile.

Cosa sta succedendo all’interno dell’Opec+?

A dicembre i membri dell’Opec nella sua formazione allargata a Russia e alleati avrebbero dovuto decidere se prolungare i tagli alla produzione attuali (7,7 milioni di barili al giorno) anche ai primi mesi del 2021, oppure se proseguire con il piano originario (passare a 5,8 milioni di barili al giorno in meno, aumentando gradualmente la quantità di greggio in circolazione a discapito del prezzo).

Qualcosa però è andato storto. Secondo fonti d’intelligence, ad aver scatenato le ritorsioni sarebbero state le riprese da parte dell’Arabia Saudita agli Emirati Arabi, responsabili, secondo Riad, di non aver rispettato la quota di tagli alla produzione di petrolio. Ma non è solo Abu Dhabi a non rispettare i patti: tra maggio e agosto infatti il totale di paesi inadempienti avrebbe accumulato un surplus di 2,4 milioni di barili al giorno.

Secondo Iea (International Energy Agency), gli Emirati avrebbero sforato la propria quota producendo 420 mila barili in più al giorno a luglio e 520 mila al giorno ad agosto. L’Arabia Saudita aveva dato tempo fino a settembre per rientrare nei ranghi, scadenza poi slittata a dicembre.

A rallentare il processo decisionale dell’Opec+ sono stati i paesi messi più in difficoltà dai tagli alla produzione, capeggiati proprio dagli Emirati Arabi. Tre condizioni per proseguire con il regime dei tagli alla produzione: che questi vengano approvati all’unanimità, che gli ammanchi vengano recuperato in tempi brevi e un rinnovato impegno al rispetto del 100% delle quote.

Allo stesso tempo l’Arabia Saudita preme per estendere i tagli ad ogni condizione, mentre la Russia (tra i paesi che più volte sono venuti meno agli accordi) spinge per attenersi al piano originario e tornare gradualmente a immettere più petrolio sul mercato.

A chi convengono davvero i tagli?

La risposta alla domanda è apparentemente semplice: a tutti. Il prezzo del petrolio al momento è ancora troppo basso rispetto al livello di breakeven fiscale, ovvero il prezzo a cui ciascuno stato deve vendere il petrolio estratto per rientrare del costo di estrazione e creare profitto.

Al momento il prezzo del greggio tenta di raggiungere quota 50 dollari al barile (soglia che non vede dallo scorso febbraio, prima della pandemia e della guerra dei prezzi tra Russia e Arabia Saudita). Troppo poco per la maggioranza dei membri dell’Opec: gli Emirati Arabi avrebbero bisogno di venderlo almeno a 70 dollari al barile, l’Arabia Saudita a 83 dollari, l’Iran addirittura a 194 dollari.

Di contro, tra i paesi più riottosi ai tagli alla produzione vi sono l’Iraq, il cui breakeven price si assesta intorno ai 60 dollari al barile, mentre al Qatar, che non fa più parte dell’organizzazione da due anni, ne bastano 45,7 (i dati sono aggiornati al 2020).

Il principio alla base dei tagli alla produzione è esattamente ridurre l’offerta per far aumentare il prezzo del petrolio. Tuttavia, gli introiti provenienti dal greggio per diversi paesi rappresentano ancora la prima fonte di entrata per l’economia nazionale.

È il caso dell’Iraq (nel 2019 le esportazioni di petrolio sono ammontate a 80 miliardi, su esportazioni complessive di 82,3 miliardi) e della Libia - non a caso, quest’ultima ha chiesto e ottenuto di essere lasciata fuori dal regime dei tagli, anche e soprattutto per via della guerra civile che ancora dilania il paese, almeno fino a quando la produzione non sarà tornata sopra i 2,7 milioni di barili al giorno.

A che livello sono le scorte di petrolio?

Nel frattempo, in attesa delle decisioni dell’Opec+, a far recuperare terreno al prezzo del petrolio intervengono le scorte settimanali calcolate dall’Eia, l’Energy Information Administration statunitense, che oggi le ha aggiornate con i dati al 27 novembre.

Il livello delle scorte di greggio Usa è diminuito di 317 mila barili, in rallentamento rispetto alla settimana precedente quando il calo era stato pari a 1,7 milioni di barili.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Approfitta della volatilità sulle materie prime

Fai trading sui future delle materie prime e altri 27 mercati senza scadenza fissa.

  • Ampia selezione di metalli, energie e soft commodities
  • Spread a partire da 0,3 punti sullo Spot Gold, 2 punti sullo Spot Silver e 2,8 punti sul petrolio
  • Utilizza grafici continui, con storico fino a cinque anni

Vedi opportunità sulle materie prime?

Prova il trading senza rischi con il nostro conto demo.

  • Effettua il login
  • Prova il trading senza rischi
  • Scopri se le tue previsioni si rivelano corrette

Vedi opportunità sulle materie prime?

Non perdere la tua occasione. Passa a un conto reale.

  • Analizza i mercati e opera con grafici veloci ed intuitivi
  • Spread a partire da 0,3 punti sullo Spot Gold
  • Leggi le ultime notizie direttamente dalla piattaforma

Vedi opportunità sulle materie prime?

Non perdere la tua occasione. Effettua il login e apri la tua posizione.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading