Quotazioni Ftse Mib sopra la parità, ottimismo nella sessione pre-natalizia

Sbloccati i collegamenti tra Francia e Regno Unito, incertezza per Brexit e per aiuti fiscali Usa, ma gli azionari europei proseguono sui rialzi della vigilia

Azionari europei in rialzo oggi nonostante la mossa a sorpresa del presidente Usa Donald Trump, che ha accennano alla possibilità di non firmare il pacchetto di stimoli fiscali approvati ieri dal Congresso in funzione anti-pandemica.

A guidare i guadagni in pertura è il Ftse Mib, salvo poi rallentare a +0,48% (21.948 punti) a metà mattina. L'indice di borsa europeo Stoxx 600 ha aperto in rialzo dello 0,21%, il Ftse britannico cede lo 0,18%, il Dax avanza dello 0,3%, il francese Cac 40 guadagna lo 0,10% e lo spagnolo Ibex è a +0,18% all’avvio della sessione.

Ftse Mib: cosa sta muovendo le quotazioni?

Mentre sale l’incertezza politica (ieri l’incontro tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e Italia Viva, che sembra intanto aver scongiurato la crisi di governo), l’indice Mib conferma i rialzi intorno al mezzo punto percentuale, grazie soprattutto alla buona performance delle bancheBanca Generali avanza del 2,02%, Banca Mediolanum dell’1,71%, Bper del 2,18%.

Attenzione anche alle quotazioni Atlantia: oggi Cdp Equity, insieme a Blackstone Infrastructure Partners (Blackstone) e Macquarie Infrastructure and Real Assets (Mira), presenta alla holding dei Benetton una nuova proposta non vincolante per rilevare l'88,06% di Autostrade per l'Italia (Aspi) e chiede più tempo per arrivare a una offerta vincolante, dice una nota di Cdp dopo il via libera ieri del suo cda.

Secondo indiscrezioni stampa, la revisione proposta da Cdp configurerebbe una valutazione della quota oggetto di offerta nel range 8-9 miliardi, circa 400 milioni in meno della precedente. Al momento in titolo Atlantia sul Ftse Mib perde lo 0,58%.

Acquisti nel settore delle utilities, con Enel che avanza dell’1,09% a un’ora dall’apertura, e nell’automotive: le azioni Fca guadagnano l’1%, il titolo Pirelli l’1,54%.

Fuori dal listino principale male il titolo Juventus, che perde il 2,62% dopo la prima sconfitta in campionato.

Attesa oggi per il voto della Camera sulla legge di bilancio, atteso nel primo pomeriggio.

Mercati finanziari in balia del covid

Nelle ultime ore sono tornati a circolare i tir bloccati tra Francia e Regno Unito dopo la chiusura dei confini, alla luce della nuova variante di covid-19 rilevata in UK che ha innalzato ancora di più l’allerta sanitaria. Il timore, in ogni caso, è che il blocco possa presentarsi di nuovo: è praticamente certo che accada nel momento in cui, entro il 31 dicembre, Londra e Bruxelles non abbiano trovato un accordo per regolare i commerci tra le due sponde della Manica all’indomani della Brexit.

Tra virus e incertezza politica, continuano la sterlina torna lentamente a guadagnare terreno: il cross euro-sterlina perde al momento lo 0,22% e scende a 0,9082, mentre il cambio GBP/USD sale di quasi mezzo punto percentuale rispetto a ieri, a 1,342.

Oggi il governo britannico deciderà sull’opportunità di introdurre misure di lockdown più rigorose. Robert Jenrick, ministro per l'Edilizia abitativa, ha dichiarato di non aspettarsi cambiamenti prima di Natale. “ma il numero dei casi è in aumento e la variante si sta diffondendo in altre parti del Paese, pertanto cercheremo di capire se sia necessario fare di più", ha dichiarato Jenrick alla Bbc.

Usa, colpo di coda di Trump su aiuti fiscali

In leggero recupero i futures Usa, che virano in positivo nonostante la mossa a sorpresa del presidente Usa Donald Trump. Il Tycoon avrebbe infatti posto dubbi sulla sua approvazione del pacchetto da quasi 900 miliardi di dollari approvato all’inizio della settimana dal Congresso Usa.

A non piacere sarebbe l’entità dei pagamenti diretti ai cittadini statunitensi (600 dollari), che Trump vorrebbe aumentare.

D’altra parte, come la stessa notizia dell’approvazione dei sussidi fiscali è stata messa in ombra dalla preoccupazioni per la nuova variante di covid, così anche i nuovi dubbi non sembrano influire più di tanto sull’andamento dei mercati.

Il dollaro nel frattempo torna a perdere terreno, con il cambio EUR/USD in rialzo a 1,21, mentre l’USD/JPY scende a 103,431.

Ancora sotto pressione il prezzo del petrolio, di nuovo sotto quota 50 dollari al barile: il Wti viene scambiato per 46,51 dollari, il Brent per 49,95.

Inizia a fare trading con i Turbo24

Fai trading su oltre 80 indici tutto il giorno senza interruzioni con i Turbo24 – inclusi Cac40, Dax 30, Dow Jones e Ftse 100. Otterrai un’esposizione sul mercato sottostante solo con un piccolo deposito iniziale.

Apri un conto reale o prova la demo per esercitarti con i Turbo24.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading