Quotazioni Ftse Mib recuperano in mattinata, oggi focus su telecomunicazioni

L’indice Mib avanza dello 0,4% dopo un avvio piatto, in linea con il resto degli azionari europei. Tonfo di Pirelli, bene gli industriali. Sterlina debole mentre proseguono negoziati Brexit

Si prospettava un’apertura giù di torno per gli azionari europei, dopo il semi-flop delle negoziazioni Brexit del fine settimana, invece gli indici del Vecchio Continente restano ottimisti. Solo le quotazioni del Ftse Mib hano faticato in apertura a mantenere la parità ma, alle 10:40, avanzano dello 0,3% (abbandonando la quota dei 22 mila punti, a 21.825).

Bene invece il resto dei principali indici europei, con il Dax avanza dello 0,64% e il Cac40 a +0,59%.

Quotazioni del Ftse Mib contrastate, oggi occhi su tlc

Totalmente piatto in avvio il titolo Telecom Italia, slvo poi avanzare dello 0,55% dopo che il governo ha autorizzato l’ingresso di Adia, il più grande fondo sovrano degli Emirati Arabi Uniti, nella rete secondaria di Tim. Lo hanno riferito ieri tre fonti vicine al dossier. L'operazione permetterà ad Adia di detenere una quota indiretta e passiva del 10,3% in Fibercop, intrecciandosi dunque al progetto di costruzione della rete unica nazionale a banda ultralarga, cui partecipano anche il fondo infrastrutturale australiano Kkr e Cdp.

Giù Mediaset (-0,75%): oggi si riunisce il consiglio Agcom per esaminare l'avvio della nuova istruttoria sulle partecipazioni incrociate di Vivendi in Telecom Italia (Tim) e Mediaset. Nel frattempo, l’ultimo report Nielsen fotografa un crollo del mercato pubblicitario a ottobre: la raccolta pubblicitaria della televisione segna un -2,9%, mentre per la stampa i quotidiani calano del 9,7% e i periodici del 37,6%.

In avvio sul Ftse Mib salgono i titoli industriali: Cnh guadagna il 2,5%, bene anche Buzzi a +1,10%, Leonardo a +1,26% e Fiat-Chrysler, in rialzo dell’1,53%. Fa eccezione solo Pirelli, che perde il 3,12% dopo il collocamento di un bond convertibile da 500 milioni di euro con prezzo di conversione fissato a 6,235 euro per azione.

Poco mosse le banche: Banco Bpm sale dello 0,3%, piatta Bper. Fra le big Intesa Sanpaolo sale dello 0,2% e Unicredit dello 0,8%.

Infine Atlantia ritraccia leggermente i rialzi con cui ha aperto la sessione ma continua a muoversi al di sopra della parità (+0,89%). Il cda ha convocato per il 15 gennaio l'assemblea straordinaria per deliberare sul progetto di scissione di Autostrade per l'Italia, mentre il governo si dice fiducioso che Atlantia possa raggiungere un accordo con Cassa Depositi e Prestiti sulla cessione dell'88% di Autostrade per l'Italia prima di metà gennaio, secondo una fonte politica.

Attenzione oggi sul fronte macro al dato sull’inflazione in Italia (-0,2% anno su anno, -0,1% su base mensile). Alle 10:30 l’aggiornamento di Bankitalia sul debito pubblico, a 2.587 miliardi di euro al 31 ottobre.

Mercati finanziari in attesa, timori su Covid e Brexit

Con i casi di covid-19 che non accennano a diminuire, i mercati restano in posizione attendista mentre già il Giappone frena sulla promozione del turismo interno (con nuovi cali sul Nikkei, che stamattina ha chiuso a -0,17%) e il Regno Unito, primo e per ora unico paese al mondo in cui è già partita la campagna di vaccinazione, annuncia un ritorno a misure restrittive più stringenti – sulla scia dei provvedimenti già adottati da Germania e Paesi Bassi.

In rialzo i futures Usa dopo la chiusura contrastata di ieri (quando solo il Nasdaq ha chiuso in rialzo). Al momento i contratti sull’S&P 500 avanzano nel pre-market dello 0,61%, quelli sul Dow Jones vengono scambiati in rialzo dello 0,60% e quelli sul Nasdaq dello 0,42%.

Dollaro ancora debole sul mercato valutario: il cambio EUR/USD resta stabile ai livelli record di 1,21. Perde terreno anche la sterlina che, dopo i rialzi di ieri (sulla scia di un certo ottimismo quanto alle negoziazioni per la Brexit), al momento si indebolisce dello 0,2% sul dollaro (GBP/USD a 1,33) e dello 0,3% sull’euro (l’EUR/GBP avanza a 0,9137).

La recrudescenza dei casi di covid-19 torna a pesare sul prezzo del petrolio. Al momento il Brent riesce a mantenersi al di sopra della soglia dei 50 dollari (50,22), ma perde lo 0,14%. In leggero calo anche il Wti, a 46,95 dollari (-0,09).

Inizia a fare trading con i Turbo24

Fai trading su oltre 80 indici tutto il giorno senza interruzioni con i Turbo24 – inclusi Cac40, Dax 30, Dow Jones e Ftse 100. Otterrai un’esposizione sul mercato sottostante solo con un piccolo deposito iniziale.

Apri un conto reale o prova la demo per esercitarti con i Turbo24.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading