Quotazioni Ftse Mib oggi in calo sulla scia di Wall Street e timori coronavirus

Gli azionari europei ritracciano i guadagni di ieri e anche la Fed torna a mettere in dubbio la ripresa economica Usa. Schizza il dollaro (EUR/USD a 1,16), su Piazza Affari occhio alle azioni Atlantia nel giorno del cda su Aspi

  • Alle 10:10 il Dax perde lo 0,49%, il Cac40 lo 0,51%, Londra scende dello 0,64%.
  • Quotazioni sul Ftse Mib in calo dello 0,26% a 18.881 punti. Azioni Atlantia + 1,61%, bene anche le azioni Fca che recuprano un +0,10%
  • Il rialzo del dollaro dopo commenti Clarida della Fed pesa sul prezzo del petrolio: Wti 39,64 dollari, Brent a 41,49 dollari

Apertura in calo per gli indici azionari europei e per le quotazioni sul Ftse Mib, che oggi scontano l’aumento esponenziale dei nuovi casi di coronavirus nel mondo – nel Regno Unito i contagi sono passati dai poco più di mille martedì a oltre seimila, ieri, mentre in Germania i ministri Heiko Maas e Peter Altmaier sono in quarantena, dopo essere entrati a contatto con una persona risultata positiva.

Come hanno aperto gli indici di Borsa europei?

È così che, a quasi mezz’ora dall’apertura, la Borsa di Francoforte apre in calo dello 0,65%, nel giorno dei dati dell’istituto Ifo sulla fiducia delle aziende a settembre (93,4 punti, in rialzo di quasi un punto sul valore di agosto ma non tanto quanto le aspettative); Parigi perde lo 0,71%, Londra lo 0,95%, Madrid lo 0,72%.

Sugli azionari europei pesa anche la debolezza con cui ieri hanno concluso la giornata gli indici di Wall Street, spinto al ribasso soprattutto dal comparto tecnologico.

Male anche le quotazioni sul Ftse Mib, in calo dello 0,68%, al di sotto della soglia dei 19 mila punti (18.800 alle 9:20).

Quali azioni tenere d’occhio oggi sul Ftse Mib?

Sale l’attenzione sulle azioni Atlantia. Oggi si riunisce il consiglio d’amministrazione della holding per decidere le sorti della controllata Autostrade per l’Italia: da una parte l’ipotesi scissione, dall’altra la vendita dell’88% della sua partecipazione a Cassa Depositi e Prestiti – ipotesi che era già stata accantonata a luglio e che ora torna a minacciare di far saltare il tavolo delle trattative. Secondo indiscrezioni stampa già Wren House, fondo britannico che rappresenta la divisione per gli investimenti in infrastrutture del Fondo sovrano del Kuwait, si sarebbe fatto avanti per acquisire una quota in Autostrade.

Al momento, le quotazioni Atlantia avanzano dello 0,29% - tra i pochi titoli in rialzo sul Ftse Mib oggi.

Occhi anche sulle azioni Mediaset dopo che, ieri, l’Agcom ha fatto sapere di aspettare la pronuncia del Tar del Lazio (prevista per il 16 dicembre) prima di decidere in merito alla delibera che ha congelato i due terzi dei diritti di voto di Vivendi nell'ambito del progetto paneuropeo Media For Europe, messa in discussione dalla Corte Ue. Al momento il titolo Mediaset perde l’1,60% e scende a 1,73 euro per azione.

In calo anche le azioni Fca a -0,64% (10,32 euro l’una). Il gruppo italo-statunitense ha annunciato la conclusione dell’utilizzo del contratto di solidarietà per i dipendenti dei poli di Mirafiori e Grugliasco, i quali torneranno tutti operativi. Continuano i movimenti in vista della fusione con la francese Psa (-1,09%), che starebbe procedendo al riacquisto di 10 milioni di azioni proprie da Dongfeng Motor Group – azionista cinese del gruppo.

Scopri come fare trading sulle azioni e altri mercati con IG

Come si prospetta la giornata per gli indici di Wall Street?

Chiusura negativa ieri per gli indici di borsa statunitensi, i cui futures continuano a viaggiare in territorio negativo: i contratti sul Dow Jones perdono lo 0,20%, quelli sull’S&P 500 scendono dello 0,22%, peggiori di tutti quelli sul Nasdaq, -0,31%.

I commenti del vice presidente della Federal Reserve statunitense Richard Clarida hanno scatenato il pessimismo tra gli investitori Usa. Per Clarida, l’economia Usa resta in una “profonda fossa” di disoccupazione e domanda debole e ha sottolineato come “i legislatori non hanno neanche iniziato a pensare” alla possibilità di alzare i tassi di interesse sul dollaro fino a quando l’inflazione non avrà raggiunto il 2%.

È stato abbastanza per far tornare il dollaro ai massimi da due mesi, con il cambio EUR/USD che da ieri sera non riesce a risalire al di sopra di 1,17 – al momento viaggia a quota 1,167. Continua a scendere invece il rapporto dollaro/yen, a 105,224.

Dollaro forte che si traduce in effetti negativi sul mercato delle materie prime, in particolare sul prezzo del petrolio, già vessato dai timori per l’effetto della pandemia di covd-19 sulla domanda e sulla ripresa economica. Al momento in cui si scrive le quotazioni del Wti viaggiano in calo dello 0,80%, a 39,61 dollari al barile, mentre quelle sul Brent perdono lo 0,77% a 41,45 dollari al barile.

Scopri come fare trading sul petrolio con IG

Come si è chiusa la sessione sui mercati asiatici?

Sulla scia della cattiva performance degli indici di Wall Street anche l’Asia chiude in calo, con le Borse cinesi tra le peggiori: Shanghai perde l’1,72%, China A50 l’1,67% e Shenzhen lascia sul terreno fino al 2,24%.

Male anche Hong Kong, che perde l’1,73%, e il Kospi coreano, -2,59%. Perdite relativamente contenute per il Giappone, dove il Nikkei ha chiuso in calo dell’1,11% e il Topix dell’1,08%.

Interessato al trading su indici internazionali, forex e azioni? Apri un conto gratuito Turbo24 o aggiungi un conto Turbo24 sul tuo account IG: avrai la possibilità di fare trading 24 ore al giorno con un prodotto quotato e regolamentato, che ti consentirà di avere il pieno controllo del rischio e della leva finanziaria.

Scopri la nuova guida e inizia subito la tua attività di trading. Apri un conto reale o mettiti alla prova con un conto demo su IG in pochi passi:

  1. Crea un contro IG o accedi a un conto già esistente
  2. Inserisci il nome del prodotto su cui vuoi fare trading nella barra di ricerca
  3. Scegli la size della tua posizione
  4. Clicca su “buy” o “sell” nella piattaforma
  5. Conferma l’operazione

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading