Quotazioni Ftse Mib in rialzo, sale di nuovo attenzione sulle banche

Azionari europei sopra la parità sulla scia di dati macro contrastanti. Oggi Wall Street aperta per metà seduta, EUR/USD sopra 1,19 con il dollaro sempre più debole

Dopo un’apertura in leggero calo per gli azionari europei nell’ultima sessione della settimana, a quasi due ore gli indici riprendono quota. In rialzo il Ftse Mib, che a alle 10:36 avanza dello 0,42% a 22.294 punti e guida gli azionari europei.

Ftse Mib, i titoli che stanno influenzando le quotazioni

All'avvio della mattinata i rialzi sono guidati dalle azioni Hera (+1,62%, dopo il lancio di un bond a 10 anni da 500 milioni di euro con ordini per circa 1,6 miliardi), Telecom Italia (+1,37%) e Tenaris (+1,26%), con Diasorin a guidare i guadagni a +1,83%.

Male invece gli industriali: Pirelli perde il 2,19%, Leonardo l’1,31% nonostante la firma per l'acquisizione di 31 elicotteri navali multiruolo NH90 MRFH Sea Tiger, le cui attività avranno inizio dal 2025. L’acquisizione è stata effettuata in joint venture con Airbus Helicopters e GKN Fokker – e l'Agenzia NATO NAHEMA (NATO Helicopter Management Agency).

Sulla Borsa di Milano oggi l’attenzione torna anche sul risiko bancario. L’intero settore è sotto i riflettori dopo che, come riporta il Sole 24 Ore, la Bce potrebbe vagliare a dicembre tre ipotesi relative alla questione del blocco dei dividendi bancari: una proroga del congelamento per altri sei mesi, divieti 'ad hoc' caso per caso oppure definire un tetto alla distribuzione dei dividendi.

Nel frattempo Credito Valtellinese fa per reagire all’opa lanciata all’inizio della settimana da Credit Agricole: secondo due fonti a conoscenza della vicenda Creval dovrebbe incaricare Bank of America, Mediobanca e lo studio legale RCCD come advisor per assistere la banca, che comunque sembra non ritenere l’offerta adeguata (ieri le azioni Creval sono arrivate a valere oltre 11 euro l’una, oltre il prezzo offerto da Credit Agricole).

Attenzione anche alle azioni Intesa Sanpaolo, in rialzo dell’1,16% a 1,95 euro nonostante l’Antitrust abbia avviato un'istruttoria nei confronti di Intesa Sanpaolo RBM Salute e di Previmedical per presunte pratiche commerciali scorrette. La banca ha detto che "sta prestando la massima collaborazione all'Autorità" e sottolinea che il periodo oggetto delle contestazioni è antecedente all'acquisto di RBM Salute.

Cosa attendersi dal resto dei mercati finanziari?

Anche oggi giornata a volumi ridotti sui mercati azionari, con Wall Street chiusa per mezza giornata dopo il Giorno del Ringraziamento. In attesa dell’apertura i futures viaggiano in rialzo, con in contratti sul Dow Jones in rialzo dello 0,24%, quelli sul Nasdaq a +0,4% e quelli sull’S&P 500 a +0,24%.

Nel frattempo gli indici europei viaggiano per lo più al di sopra della parità con l’unica eccezione di Londra, in calo dello 0,45%. Quando al resto del Continente, a Parigi il Cac40 avanza dello 0,46%, a Francoforte il Dax guadagna lo 0,30% e a Madrid l’Ibex sale dello 0,33%.

Sul fronte macro bene la lettura preliminare del pil francese trimestrale, in rialzo al 18,7% rispetto al trimestre precedente, mentre in Italia va male l’indice di fiducia nell’economia a novembre, in calo a 90,2 punti lato aziende (a ottobre era a 94,7 punti) e a 98,1 punti lato consumatori (a ottobre si era assestato a 101,7 punti).

Sul fronte valutario una maggiora propensione al rischio continua a penalizzare il dollaro: il dollar index scende a quota 91,84, con movimenti sulle principali coppie valutarie: EUR/USD sale a 1,192, GBP/USD a 1,336, USD/JPY scende a 103,995.

Ritraccia infine il prezzo del petrolio: dopo il balzo in avanti degli ultimi giorni il Brent scende al momento dello 0,02% a 47,79 dollari, il Wti scende più velocemente (-1,58%) a 44,99 dollari al barile.

Inizia a fare trading con i Turbo24

Fai trading su oltre 80 indici tutto il giorno senza interruzioni con i Turbo24 – inclusi Cac40, Dax 30, Dow Jones e Ftse 100. Otterrai un’esposizione sul mercato sottostante solo con un piccolo deposito iniziale.

Apri un conto reale o prova la demo per esercitarti con i Turbo24.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading