Quotazioni Ftse Mib in calo al terzo giorno dalle elezioni Usa senza presidente

Ancora testa a testa Biden/Trump, nel frattempo perde terreno il dollaro. Indice Mib in calo a -0,82%, crollo azioni Leonardo di oltre il 7%

  • Alle 11:31 il Ftse Mib perde oltre lo 0,8% e scende a 19.570 punti, dopo aver messo da parte l’euforia post-voto Usa.
  • Giù anche il resto degli azionari europei: Dax -0,91%, Cac40 -0,78%, Ftse 100 -0,16%.
  • EUR/USD sopra quota 1,18, dollaro debole mentre l’attesa per il nuovo inquilino della Casa Bianca si fa sempre più carica. Biden sorpassa Trump in Georgia

Continua il testa a testa tra i democratico Joe Biden, favorito alla Casa Bianca con 253 voti di grandi elettori, e l’avversario repubblicano Donald Trump (213 voti). L’incertezza fa aprire in calo il Ftse Mib di Milano e il resto degli indici europei che, a tre giorni dal voto, tornano a guardare con preoccupazione ai problemi interni – ovvero all’emergenza coronavirus.

A più di un’ora dall’apertura della sessione europea gli azionari del Vecchio Continente mettono da parte l’entusiasmo del post-voto Usa e, nel frattempo, tornano a scontare l’emergenza interna del covid-19.

Alle 10:30 il Cac40 perde lo 0,72%, il Dax lo 0,96%, a Londra il Ftse 100 lascia sul terreno lo 0,29% e a Madrid l’Ibex scende dello 0,93%.

Ftse Mib in calo, giù azioni Leonardo dopo conti trimestrali

A quasi un’ora dall’apertura l’indice Mib di Milano perde lo 0,22% e scende a 19.668 punti, dopo aver archiviato le quattro sessioni precedenti con un rialzo del 10%, sulla scia dell’euforia del voto Usa, ed esser tornato ai massimi di settembre.

Male le azioni Leonardo, che scendono del 5,41% dopo aver archiviato il terzo trimestre con un utile netto in discesa a 76 milioni (da 115 milioni) e un deciso deterioramento a -2.596 milioni di euro del free operating cash flow a fine settembre.

Giù anche le quotazioni Nexi, - 1,4%, dopo i recenti rialzi provocati dalle notizie circa la creazione di un gruppo europeo di pagamenti digitali (dopo l’italiana Sia, Nexi ha messo gli occhi sulla danese Nets).

Fallisce il rialzo invece per le quotazioni Mediaset. All’inizio di settembre una sentenza della Corte europea sul caso Mediaset-Vivendi ha accolto il ricorso presentato da Vivendi contro la norma italiana che aveva imposto alla società francese di mantenere una partecipazione in Mediaset inferiore al 10% dei diritti di voto rispetto al 29,9% detenuto.

Ora il ministero dello Sviluppo economico sta preparando un dispositivo, da inserire nel decreto anti-Covid all'esame oggi del Consiglio dei ministri, che assegna all'Autorità di garanzia per le comunicazioni il compito di valutare se le acquisizioni nel settore media possano compromettere il pluralismo dell'informazione.

Alla notizia le azioni Mediaset hanno osservato un timido rialzo, salvo poi allinearsi al resto del listino e scendere, alle 10:10, dell’1,15%.

Nel frattempo, il rendimento dei titoli di stato italiani si aggira attorno ai minimi storici. Lo spread Btp/Bund scende a 126 punti (-0,64%), con il rendimento dei Btp a 10 anni in calo del 3,61%, a 0,615, e tasso pari allo 0,63%.

Wall Street promette apertura in calo, è testa a testa fra Biden e Trump

Negli Usa ormai la partita si gioca su una manciata di voti, soprattutto in Georgia e Pennsylvania: voti che però potrebbero arrivare con giorni, fino a una settimana, di ritardo, a causa dei rallentamenti causati dal conteggio dei voti per corrispondenza e delle diverse norme stati al riguardo.

È degli ultimi minuti la notizia del sorpasso di Biden in Georgia, conquistando 16 seggi. Il candidato democratico, che mercoledì era in ritardo di oltre 100mila voti, è ora in vantaggio di 917 voti rispetto al presidente in carica.

Negativi i futures su Wall Street: i contratti sul Nasdaq viaggiano in calo dell’1,11, quelli sul Dow Jones dello 0,76% e quelli sull’S&P 500 dello 0,84%.

Sul fronte valutario debole il dollaro: l’EUR/USD viaggia sopra quota 1,18 e il biglietto verde perde quota contro lo yen, con l’UUSD/JPY a 103,390. Ancora in flessione il prezzo del petrolio, con il Brent a 40,48 dollari al barile (-1,10%) e il Wti a 38,32 dollari (-1,21%).

Inizia a fare trading con i Turbo24

Fai trading su oltre 80 indici tutto il giorno senza interruzioni con i Turbo24 – inclusi Cac40, Dax 30, Dow Jones e Ftse 100. Otterrai un’esposizione sul mercato sottostante solo con un piccolo deposito iniziale.

Apri un conto reale o prova la demo per esercitarti con i Turbo24.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading