Prezzo dell’oro in calo: i vaccini anti-covid pesano ancora sul metallo prezioso

Il boom di ottimismo seguito alle notizie di Pfizer e Moderna ha spinto al ribasso le quotazioni dell’oro, che risente anche del Congresso diviso post-elezioni USA

L’ottimismo legato ai vaccini anti-covid si smorza, il dollaro torna a rafforzarsi e, di contro, il prezzo dell’oro si riavvicina ai minimi della settimana scorsa – quando, lunedì 9, Pfizer ha dato l’annuncio del primo vaccino.

Prezzo dell’oro: quali fattori incidono sul calo oggi?

Regna su tutto il timore sull’andamento della seconda ondata di covid-19 non solo in Europa, ma anche negli Stati Uniti. Da una parte l’ottimismo per i nuovi vaccini in fase di sperimentazione finale, dall’altro l’ombra di restrizioni sempre più pesanti, rendono i mercati altamente volatili.

Nonostante le notizie sui nuovi vaccini non siano ancora sufficienti a far tornare l’ottimismo sugli azionari globali, riescono dunque a pesare ancora sulle quotazioni dell’oro. Il rialzo del dollaro che ne è scaturito, infatti, rende per gli investitori più costoso l’oro. Al momento, il Dollar Index viaggia a quota 92,49.

Il picco di inizio agosto, quando il metallo giallo raggiunse il record storico di 2.075 dollari l’oncia, è ormai lontano. Al momento, l’oro viaggia sui 1.860 dollari/oz, un calo di oltre il 10% in poco più di tre mesi. Eppure il covid non è l’unico fatto che sta spingendo al ribasso le quotazioni durante la sessione europea di oggi.

Rileva anche il miglioramento del mercato occupazionale in Australia (a ottobre sono stati segnalati 178 mila nuovi posti di lavoro, rispetto a un calo atteso di 30 mila unità, per un tasso di disoccupazione in calo al 7%), che ha portato al rialzo il cambio USD/AUD – per quanto non sia durato troppo: al momento, la coppia valutaria viaggia in calo dello 0,64% a 0,7259.

Focus anche sull’andamento per i negoziati sulla Brexit. Fino a due giorni fa un certo ottimismo aveva portato il capo negoziatore da parte britannica, David Frost, a ipotizzare un accordo entro la prossima settimana. Eppure Bruxelles non si sbilancia: fonti vicine al dossier hanno lasciato trapelare che l’Unione Europea starebbe già lavorando su una proposta per una no-deal Brexit, visti i pochi progressi degli ultimi giorni.

Quale effetto dopo le elezioni Usa?

L’andamento del prezzo dell’oro resta inoltre legato al destino del pacchetto di stimoli fiscali in lavorazione al Congresso Usa. Ma il pacchetto è rimasto temporaneamente in stand-by mentre gli elettori statunitensi si recavano alle urne per votare e, poi, mentre gli scrutinatori terminavano il conteggio delle schede (mai così lungo, a causa dei milioni di voti arrivati per posta).

Il risultato finale, a due settimane dal voto, vede il democratico Joe Biden presidente eletto, mentre il Congresso Usa resta ancora diviso tra la Camera dei Rappresentanti in mano democratica e il Senato ai repubblicani.

Cattiva notizia per il programma di aiuti fiscali in funzione anti-crisi, che continua a fronteggiare una ferma opposizione repubblicana, ma anche per il prezzo dell’oro, considerato tradizionalmente un asset in grado di coprire il rischio nel caso di svalutazione della valuta – scenario che si verrebbe a creare nel momento dell’approvazione di uno stimolo fiscale.

D’altra parte, non c’è stato tempo per il metallo prezioso di assorbire gli effetti del cambio di guardia: l’annuncio del vaccino Pfizer, a una settimana dal voto Usa, e il picco di ottimismo che ne è derivato sui mercati, hanno fatto comunque precipitare l’oro di quasi il 5%.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Cogli le opportunità

Fai trading sui principali indici globali.

  • Opera su mercati al rialzo e al ribasso
  • Spread a partire da 1 punto sul FTSE 100, 1,2 sul Germany 30 e 0,4 punti sull'US 500
  • Trading sui principali indici disponibile H24

Vedi opportunità sugli indici?

Prova il trading senza rischi con il nostro conto demo.

  • Effettua il login
  • Prova il trading senza rischi
  • Scopri se le tue previsioni si rivelano corrette

Vedi opportunità sugli indici?

Non perdere la tua occasione e passa a un conto reale.

  • Spread a partire da 1 punto sul FTSE 100, 1,2 sul Germany 30 e 0,4 punti sull'US 500
  • Trading sui principali indici disponibile H24
  • Analizza i mercati e opera con grafici veloci ed intuitivi

Vedi opportunità sugli indici?

Non perdere la tua occasione. Effettua il login e apri la tua posizione.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading