Prezzo del petrolio in calo, Russia contro taglio a produzione petrolio per fronteggiare coronavirus

L’allarme epidemia ha spinto al ribasso il prezzo del greggio, accelerando le pressioni interne dell’Opec per un aumento dei tagli alla produzione

I nuovi tagli alla produzione petrolifera, di cui si è parlato nell’ultima riunione dell’Opec+ (l’organizzazione delle nazioni esportatrici di petrolio, allargata agli alleati) nel tentativo di provocare un rialzo del prezzo del greggio, potrebbero trovare ulteriore motivazione con l’espandersi del coronavirus.

Se ne è parlato durante la riunione dell’organizzazione nel quartier generale di Vienna, durante la quale un panel ha suggerito ulteriori tagli alla produzione giornaliera pari a 600 mila barili. Tuttavia quello che si è riunito ieri è stato solo il Comitato tecnico congiunto, formato dai rappresentanti dei paesi membri dell’organizzazione senza poteri decisionali, in grado solo di girare raccomandazioni ai rispettivi capi di stato e di governo.

Questi ultimi avrebbero dovuto riunirsi il 5 marzo, ma è probabile che la riunione venga anticipata a febbraio. D’altra parte, l’idea di proseguire con ulteriori tagli alla produzione del petrolio nel 2020 sarebbe comunque stata all’ordine del giorno, sulla base della nuova strategia predisposta nella riunione del 5 dicembre 2019.

Sembra però che l’espandersi del coronavirus abbia fornito l’occasione all’Arabia Saudita per fare ancora più pressioni sugli altri membri dell’organizzazione (allargata anche agli alleati, prima fra tutti la Russia) e tornare a chiedere ulteriori tagli alla produzione, oltre a un prolungamento della durata della misura.

Perché la Russia non vuole ulteriori tagli?

Il ministro dell’Energia russo, Aleksander Novak, ha tuttavia dichiarato che servirebbe ancora tempo per capire il reale impatto del coronavirus sul mercato delle materie prime, soprattutto a causa del blocco dei trasporti in Cina, prima di intraprendere qualsiasi misura.

Sembra che, a riunione conclusa, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov abbia dichiarato di “supportare l’idea”, salvo poi ricordare, poche ore dopo, che comunque già nella riunione di inizio dicembre Mosca si era dichiarata a favore dell’estensione dei correnti tagli (che dovrebbero concludersi a giugno), ma non di un aumento degli stessi – tutt’altro: la principale preoccupazione di Putin è fare in modo che nel conteggio delle quote da ridurre non vengano inclusi anche i condensati, un particolare tipo di idrocarburi particolarmente diffuso in Russia, la cui riduzione delle esportazioni potrebbe impattare notevolmente sull’economia russa.

Quali danni sta provocando all’economia il coronavirus?

La Cina importa circa due terzi del petrolio prodotto dai paesi dell’Opec+. Tuttavia, con l’esplosione del coronavirus e il blocco dei trasporti (anzitutto nella megalopoli di Wuhan, dove si è sviluppato il focolaio, ma poco dopo anche del traffico aereo in entrata e in uscita), ha provocato un calo della domanda di petrolio e un conseguente abbassamento del prezzo.

È di poche ore fa la notizia che S&P ha previsto un rallentamento dell’economia cinese nel primo trimestre di ben due punti percentuali, passando dal 7% al 5% di crescita mentre le Borse asiatiche stamattina hanno chiuso in rosso, dopo quella che sembrava una lenta ripresa.

Come ha reagito il prezzo del petrolio?

Il rallentamento economico della seconda potenza economica mondiale ha dunque provocato un ribasso del prezzo del petrolio.

D’altro canto, proprio in questi giorni assistiamo a un aumento della domanda, a causa delle tensioni in Libia: gli attacchi da parte del generale Khalifa Haftar ai siti petroliferi della Tripolitania, a inizio gennaio, hanno infatti provocato blocchi alla produzione, è scesa da circa 1,3 milioni di barili al giorno a 300 mila. A risentirne è stata anche e soprattutto Eni, le cui azioni stamattina aprono in area negativa dopo l’annuncio del dimezzamento della produzione, passata da 300 mila barili al giorno a circa 150 mila.

Al momento, il Wti segna un calo, a 50,84 dollari al barile, mentre anche il Brent è sceso a quota 54,80 dollari al barile.

Scopri come fare trading sul petrolio con IG.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Investi sulle materie prime

Fai trading sui future delle materie prime e altri 27 mercati senza scadenza fissa.

  • Ampia selezione di principali metalli, energie e soft commodities
  • Spread a partire da 0,3 punti sull'oro spot, 2 punti sull'argento spot e 2,8 punti sul petrolio
  • Utilizza grafici continui, con storico fino a cinque anni

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading