Prezzo del petrolio in calo, pesano le cattive notizie sulla crescita globale

Male il settore manifatturiero in Usa e Ue, situazione in Medio Oriente più distesa e il greggio scende

Giù il prezzo del petrolio, che arriva a toccare -2,26% (ETFS Brent Crude a 57,40 dollari al barile) e -2,51% (ETFS WTI 2mth Oil Securities a 52,25 dollari al barile). Si tratta dei livelli più bassi da inizio settembre e si inseriscono in un trend negativo che prosegue da settimane, risultato di una serie di concomitanze politico-economiche succedutesi negli ultimi giorni. Dai massimi del 16 settembre i corsi dell’oro nero hanno evidenziato un ribasso di quasi 20 punti percentuali, ricoprendo totalmente il gap apertosi dopo l’attacco alle infrastrutture di Saudi Aramco.

Il rallentamento della crescita economica fa scendere il prezzo del petrolio

Gli ultimi dati macroeconomici hanno consegnato un’immagine delle principali economie globali particolarmente negativa. I dati sull’indice ISM manifatturiero statunitense, sceso a 47,8 punti (ben al di sotto delle aspettative, che prevedevano almeno 50 punti), hanno seguito di pochi giorni quelli sul comparto manifatturiero europeo, soprattutto quello tedesco: una performance da 41,7 punti, deludente rispetto ai 43,5 di agosto. Si tratta del valore più basso dal 2009 e ha trainato dietro di sé il resto del Vecchio Continente: nell’area euro, l’indice finale di settembre si assesta a 45,7, a fronte dei 47 punti di agosto.

Quanto ha inciso l’attacco ai giacimenti in Arabia Saudita?

Tale rallentamento dell’economia globale si è tradotto in un forte abbassamento del prezzo del greggio. Ricordiamo, tuttavia, come le quotazioni del WTI Light Crude erano schizzate a oltre 63 dollari al barile dopo gli attacchi della seconda metà di settembre ai due principali siti di produzione del petrolio dell’Arabia Saudita. Il prezzo del greggio, aumentato di oltre il 10% nelle ore immediatamente successive all’attacco, in realtà è rientrato nell’arco di pochi giorni. La compagnia petrolifera governativa, Saudi Aramco, sembra stia infatti riuscendo a recuperare i danni, così da non dover attingere in maniera massiccia alle riserve strategiche – nei giorni immediatamente successivi all’attacco, si parlava di attingere a circa la metà di tali risorse per scongiurare un aumento incontrollato del prezzo del greggio.

La strategia a lungo termine della Norvegia

Nel frattempo, è di ieri la notizia che il Fondo sovrano norvegese ha dato il via libera per iniziare a disinvestire su alcune compagnie attive nei siti di produzione del Mare del Nord. Si tratta in realtà di una strategia già annunciata nel 2017, in vista di un graduale passaggio dall’estrazione di idrocarburi a fonti di energia alternative. Un grande passo per uno stato che deve gran parte della propria ricchezza, che ha reso possibile l’implementazione di politiche sociali assunte a modello globale, proprio grazie all’estrazione del petrolio. Al momento, il governo norvegese ha annunciato il ritiro della propria partecipazione da 95 compagnie petrolifere, liberando così circa 5,4 miliardi di euro.

Scopri come fare trading sul petrolio con IG.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading