Prezzo del petrolio di nuovo sui 40 dollari: 3 scenari su ripresa domanda nei prossimi mesi

Dopo il crollo della domanda di petrolio nel primo semestre del 2020, le stime per il futuro non sono affatto rosee. Preoccupa ancora l’andamento del coronavirus, soprattutto in Asia

Negli ultimi giorni i più importanti stakeholder globali nell’ambito degli idrocarburi hanno rilasciato una serie di report mensili, ognuno con la propria visione del futuro del mercato energetico – e, va d sé, del prezzo del petrolio.

Il primo, mercoledì scorso, quello dell’Eia - Energy Information Administration, il ramo statistico e analitico del Dipartimento dell’Energia Usa. Sono poi seguiti il report mensile dell’Opec, l’organizzazione dei principali paesi esportatori di petrolio, e dell’Iea, l’International Energy Agency (organizzazione internazionale nata nel 1974 in seguito allo shock petrolifero).

Tre previsioni per la domanda di petrolio nel 2020

Ogni istituto ha riportato un’analisi sull’andamento del mercato petrolifero, tutte che prendono in considerazione gli stessi eventi che hanno caratterizzato il 2020: crollo della domanda a cavallo del primo e del secondo trimestre allo scoppio della pandemia di coronavirus (e conseguente blocco dei trasporti e dell’attività industriale), atteso rimbalzo della stessa verso la fine dell’anno, per poi lentamente riavvicinarsi ai livelli pre-crisi a partire dal 2021, in un percorso destinato a durare anni.

  • Le stime dell’Opec

Secondo una delle voci più autorevoli – e di certo la più influente in materia -, quella dell’Opec, nel 2020 la domanda di greggio è destinata a scendere di 9,5 milioni di barili al giorno rispetto all’anno scorso, fermandosi a 90,2 milioni di barili giornalieri.

Alla base della revisione al ribasso dell’Opec c’è la considerazione di un mercato sempre più debole soprattutto in Asia. Ad eccezione della Cina, infatti, il resto delle tigri asiatiche combatte ancora contro il coronavirus, con l’India tra i paesi più colpiti dalla pandemia.

L’andamento del virus, che in India non ha mai davvero allentato la morsa, ha infatti portato con sé una serie di valutazioni in casa Opec. A fronte di un aumento della domanda di circa 100 mila barili al giorno nei paesi Ocse (quelli parte dell'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico), pesa il calo di circa 500 mila barili al giorno che si registra nei paesi non Ocse, India prima di tutti, ma anche il resto del sud-est asiatico.

In linea con le previsioni degli altri organi di monitoraggio del mercato petrolifero, l’Opec si aspetta un rimbalzo della domanda a partire dal 2021, quando la richiesta di greggio tornerà intorno ai 96,9 milioni di barili al giorno – in media: nei primi sei mesi dell’anno prossimo la domanda sarà ancora relativamente contenuta, in considerazione anche del comportamento del virus, ancora per lo più ignoto.

Scopri come fare trading sul petrolio con IG

  • Quelle dell’Iea

In mattinata è uscito anche il report dell’International Energy Agency, focalizzato sull’andamento della pandemia di covid-19 e sulle minacce che pone per il recupero del prezzo del petrolio.

Secondo l’Iea, la domanda globale di petrolio è destinata a scendere di 8,4 milioni di barili al giorno rispetto al 2019, arrivando a un totale di 91,7 milioni di barili giornalieri. Secondo l’Iea, nell’ultimo trimestre dell’anno ormai il rimbalzo della domanda non può che rallentare – “la maggior parte dei guadagni più facili sono già stati osservati”.

  • E infine l’Eia statunitense

Sembra dunque che gli analisti statunitensi siano i più ottimisti al riguardo. L’Energy Information administration Usa stima infatti una flessione della domanda di greggio per il resto del 2020 a 93,1 milioni di barili al giorno, per poi rimbalzare nel 2021 di 7 milioni di barili giornalieri.

Come si sta muovendo oggi il prezzo del petrolio?

Nelle utlime ore il prezzo del petrolio tenta di tornare al di sopra della soglia dei 40 dollari al barile, comunque ancora troppo bassa affinché soprattutto i paesi dell’Opec possano rientrare dei costi di estrazione. Al momento il Wti viene scambiato per 39,11 dollari al barile mentre il Brent oscilla sui 41,30 dollari.

Vuoi iniziare a fare trading tramite CFD, Barrier o Turbo su indici, forex o materie prime? Apri un conto reale o mettiti alla prova con un conto demo su IG in pochi passi:

  1. Crea un contro IG o accedi a un conto già esistente
  2. Inserisci il nome del prodotto su cui vuoi fare trading nella barra di ricerca
  3. Scegli la size della tua posizione
  4. Clicca su “buy” o “sell” nella piattaforma
  5. Conferma l’operazione

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Approfitta della volatilità sulle materie prime

Fai trading sui future delle materie prime e altri 27 mercati senza scadenza fissa.1

  • Ampia selezione di metalli, energie e soft commodities
  • Spread a partire da 0,3 punti sullo Spot Gold, 2 punti sullo Spot Silver e 2,8 punti sul petrolio
  • Utilizza grafici continui, con storico fino a cinque anni

1 Nel caso dei DFB, c'è una scadenza fissa in un momento futuro.

Vedi opportunità sulle materie prime?

Prova il trading senza rischi con il nostro conto demo.

  • Effettua il login
  • Prova il trading senza rischi
  • Scopri se le tue previsioni si rivelano corrette

Vedi opportunità sulle materie prime?

Non perdere la tua occasione. Passa a un conto reale.

  • Analizza i mercati e opera con grafici veloci ed intuitivi
  • Spread a partire da 0,3 punti sullo Spot Gold
  • Leggi le ultime notizie direttamente dalla piattaforma

Vedi opportunità sulle materie prime?

Non perdere la tua occasione. Effettua il login e apri la tua posizione.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading