Prezzo azioni Unicredit in leggero rialzo dopo annuncio piano strategico 2020-23

Ricavi in aumento a 19,3 miliardi, distribuzione agli azionisti del 40% di capitale nel 2019: gli obiettivi per i prossimi quattro anni dell’istituto di Mustier sono ambiziosi (e richiederanno 8 mila posti in meno)

La notizia che colpisce è quella degli esuberi. Il nuovo piano strategico di Unicredit prevede infatti tagli al personale per 8 mila unità, che riguarderà principalmente, Italia, Austria e Germania. Subito dopo, quella sulla redistribuzione di capitale agli azionisti, che ne riceveranno il 50% da qui al 2023, per un totale di 8 miliardi.

Cosa prevede il piano?

Si chiama “Team 23” ed è la strategia con cui l’istituto di credito di Jean Pierre Mustier intende “controllare i costi” e aumentare l’utile. La previsione infatti è quella di un profitto pari a 5 miliardi di euro entro il 2023 e ricavi a 19,3 miliardi, lo 0,8% in più rispetto all’ultimo piano strategico. Secondo una nota, il ritorno sul capitale tangibile sarà “pari o al di sopra dell’8%”. Previsto inoltre un aumento del 12% dell’utile per azione.

Tra le priorità del piano, come si legge nel comunicato di Unicredit, figurano controllo sui costi e cura della customer experience.

Il piano, presentato oggi a Londra, si sviluppa su quattro pilastri: aumento e rafforzamento della base clienti, aumento e massimizzazione della produttività, gestione del rischio e dei controlli, gestione del capitale di bilancio.

Come si sviluppa?

Il piano, che punta a ridurre i costi a 10,2 miliardi di euro, prevede la creazione di 16 miliardi di valore tra il 2020 e il 2023, di cui la metà da distribuire tra gli azionisti. La riduzione dei costi corrisponderà a circa 1 miliardo in Europa occidentale, che in realtà si traduce nella chiusura di circa 500 filiali e la riduzione di 8 mila posti di lavoro tra Italia, Germania e Austria. L’amministratore delegato di Unicredit, Jean Pierre Mustier, ha garantito che si tratta di “tagli fatti in maniera socialmente responsabile” e che l’istituto “sta iniziando i negoziati con i sindacati”.

Il capitale verrà distribuito in diverse fasi. Fino al 2022 la redistribuzione sarà del 40% ed avverrà tramite azioni di pay-out (per il 30%) e buy-back (per il restante 10%). Nel 2023 la fetta per gli azionisti aumenterà fino ad arrivare al 50% del capitale totale, con 6 miliardi di euro erogati tramite pagamento dei dividendi e 2 miliardi ottenuti tramite riacquisto delle azioni da parte della banca.

Unicredit punta anche a mantenere le esposizioni creditizie deteriorate sotto i 20 miliardi entro il 2023. Il rapporto tra le esposizioni deteriorate lorde e i crediti totali lordi a cui puntare è fissato sotto il 3,8%, il costo del rischio a 40 punti base.

Nel comunicato si parla anche di un riassetto del portafoglio dei titoli sovrani nazionali, oltre alla creazione di una subholding (con sede in Italia e non quotata) per le attività internazionali, all’interno della quale saranno concentrate le attività soprattutto di Austria, Germania ed Europa centrale e orientale.

Come si muove il titolo in Borsa?

È da ieri che i mercati tengono d’occhio l’andamento delle azioni UniCredit in Borsa, non appena è stata annunciata l’imminenza del piano strategico. Le quotazioni si presentano attualmente in leggero rialzo, a +0,68% e 12,5 euro per azione. Il titolo è sceso al suo minimo di oggi (12,37 euro) pochi minuti dopo l’apertura di Piazza Affari (due ore dopo la pubblicazione del piano), per poi riprendere quota durante la seduta.

Scopri come fare trading sulle azioni Unicredit e altri mercati con IG.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Cogli le opportunità del mercato azionario

Vai long o short su migliaia di titoli globali.

  • Aumenta la tua esposizione nel mercato con la leva
  • Spread a partire da solo 0,1% sui principali indici globali
  • Fai trading con i CFD direttamente nel book di negoziazione con accesso diretto al mercato

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading