Prezzo azioni settore automotive, focus sulle francesi: Renault divorzia da Nissan, Peugeot tratta con Fca

Psa lavora per aumentare la partecipazione nel gruppo automobilistico in fase di creazione, mentre il colosso giapponese cerca di far fuori il partner francese dopo lo scandalo Ghosn. In calo le quotazioni Psa e Renault

La settimana si apre con una serie di aggiornamenti sul comparto automotive, sia dal punto di vista delle vendite, sia quanto ai piani di fusioni e divorzi interni alle big del settore.

Come stanno proseguendo le trattative Peugeot-Fca?

Da quando, intorno alla metà di dicembre, Fca e Psa hanno raggiunto un accordo di fusione in vista della nascita di un nuovo gruppo automobilistico da 50 miliardi di dollari, l’attenzione attorno alle principali case automobilistiche del gruppo è salita. È di stamattina la notizia secondo cui la famiglia Peugeot ha intenzione di aumentare la propria quota di partecipazione nel nuovo accordo, passando dal 6,25% all’8,75%, in vista della fusione che dovrebbe aver luogo tra 12-15 mesi.

“Appena avremo certezza che la fusione vada a termine, daremo segnali favorevoli in questo senso”, ha affermato Jean-Philippe Peugeot, presidente della holding di famiglia, in un’intervista al giornale francese l’Est Republicain. “Occorre assicurare l’esistenza di Psa e la continuità dell’occupazione industriale in Francia”, ha aggiunto.

L’aumento della quota può essere raggiunto dalla famiglia francese, fino a un massimo del 2,5%, acquistando azioni dalla banca francese pubblica di investimento Bpifrance Participations (in rappresentanza dello stato francese) e da China’s Dongfeng Motors, entrambe azioniste del gruppo. Secondo Peugeot l’intervento dello stato francese, che attualmente detiene delle quote di Psa, sarà necessario fino a quando i posti di lavoro in Francia non saranno effettivamente garantiti, salvo poi poter uscire dal gruppo; quanto alla cinese Dongfeng, invece, la situazione è leggermente più controversa - soprattutto in considerazione delle tensioni commerciali tra Usa e Cina, che riguardano anche il settore automotive e componentistica. Secondo i vertici della famiglia francese, Dongfeng potrebbe tutt’al più ridurre la propria quota in Psa, ma mai uscirne del tutto.

Sul mercato, le azioni Fca hanno registrato una decrescita dello 0,07%, a 12,82 euro per azione, mentre sull’indice francese Psa registra -0,34%, a 20,81 euro.

Perché invece Nissan vuole abbandonare Renault?

Sembra invece che siano stati intensificati “piani segreti di emergenza” per il divorzio tra Nissan e Renault: lo riporta il quotidiano economico britannico Financial Times. La causa principale sarebbe la fuga di Carlos Ghosn, ex amministratore delegato del gruppo fuggito in Libano dal Giappone, dove stava scontando una condanna per reati fiscali e finanziari.

Per i vertici di Nissan, la partnership con Renault si starebbe infatti rivelando sempre meno vantaggiosa. I giapponesi vorrebbero dunque sganciarsi da Renault, per quanto ciò potrebbe porre nuovi problemi per entrambe le aziende sul mercato globale. Da sole, infatti, si troverebbero entrambe nella condizione di dover trovare nuovi partner. In estate era saltato un accordo tra Nissan e Fca, che ora sta dunque ripiegando sui francesi di Psa.

La palla ora passa a Jean-Dominique Senard, presidente di Renault, che dovrà tentare di salvare l’alleanza. Si pensa a una separazione dei comparti di ingegnerie e produzione, che i vertici di Nissan non hanno mai apprezzato.

Nissan Motors ha registrato venerdì sul Nikkei (oggi chiuso per festività) un calo dell’1,15%, mentre sulla Borsa di Parigi Renaultha perso il 3,79%, scendendo a quota 40,26 euro per azione.

Come sta andando il settore automobilistico a livello globale?

Il mercato dell’automotive continua dunque a soffrire, anche nel resto dell’Asia. In Cina, l’Associazione dei produttori nel settore Automobilistico ha previsto una diminuzione del 2% sulle vendite nel 2020, che si somma al calo dell’8,2% dello scorso anno. Nuovi standard sulle emissioni, ma anche la guerra commerciale Cina-Usa, sono stati tra i principali responsabili del calo delle vendite.

Ford ha fatto sapere che le vendite in Cina sono diminuite di oltre un quarto nel 2019, mentre anche General Motors si mostra piuttosto pessimista sulle previsioni per il 2020 (nel 2019, GM ha perso circa il 15%).

Apri un conto reale con IG per iniziare a fare trading sulle azioni Peugeot, Nissan e Fca.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Cogli le opportunità del mercato azionario

Vai long o short su migliaia di titoli globali.

  • Aumenta la tua esposizione nel mercato con la leva
  • Spread a partire da solo 0,1% sui principali indici globali
  • Fai trading con i CFD direttamente nel book di negoziazione con accesso diretto al mercato

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading