Le 3 azioni principali da monitorare sul Ftse Mib ad agosto

Non solo Covid-19: durante l’estate diversi appuntamenti potrebbero far alzare la volatilità sulle quotazioni di Mediaset, Intesa Sanpaolo e Fca

Parlare di ripresa economica è ancora difficile. La divergenza tra l’andamento dei mercati finanziari e quello dell’economia reale, palese durante l’estate post-lockdown, sembra essersi attenuata con l’arrivo dei conti del secondo trimestre.

Dalla seconda metà di luglio, quando il Ftse Mib è tornato ai massimi da febbraio (21.138 punti il 21 luglio), l’indice di Milano ha perso oltre il 9%, mettendo a segno fino a cinque giorni consecutivi di chiusura in rosso (dal 22 al 28 luglio).

Allo stesso tempo, le previsioni allegate ai comunicati sono concordi nel dichiarare che il punto più basso della crisi sia ormai alle spalle – salvo eventuali seconde ondate di contagi da Covid-19, niente affatto scontate con l’arrivo dell’autunno e in assenza di un vaccino.

Ma da settimane ormai non è più solo il coronavirus a determinare la maggiore o minore volatilità delle quotazioni sugli indici azionari. Di seguito una serie di titoli da monitorare, in attesa di appuntamenti in grado di determinare una migliore o peggiore performance durante il mese di agosto.

Mediaset

Lo spiraglio di luce che si è aperto nella vicenda Mediaset-Vivendi promette di ravvivare la volatilità sul titolo.

Dopo l’apertura della partner francese sul progetto Media for Europe (una rete televisiva continentale, contando sulle partecipate Mediaset Espana e sulla tedesca ProSiebenSat.1), il consiglio di amministrazione di Mediaset ritiene non soddisfacente e "fuori tempo massimo" la lettera in cui Vivendi si dice pronta a sostenere i progetti di sviluppo internazionale del gruppo.

"Se Vivendi è davvero intenzionata a trattare su basi concrete e orientate agli interessi di tutti gli azionisti, compresi quelli di maggioranza, Mediaset è pronta ad aprire un tavolo di confronto in cui verificare il nuovo, positivo, approccio", si legge nella nota rilasciata dal gruppo.

La mossa di Vivendi arriva dopo che, lo scorso 30 luglio, la Corte di Madrid ha giudicato legittima la sua richiesta di bloccare la nascita di Mfe – i soci di minoranza francesi lamentavano difetti di rappresentanza all’interno della nuova holding e non sono bastate le modifiche allo statuto di Mfe, elaborate sia da Mediaset che sa Mediaset Espana, per far cambiare idea ai giudici spagnoli.

I risultati di Mediaset nel secondo trimestre 2020 saranno resti noti a settembre. Nel frattempo il target price del titolo oscilla tra 1,4/1,5 (rispettivamente, Kepler Cheuvreux ed Equita sim) e 1,85 (Banca Akros); l’ultimo giudizio in ordine di tempo è quello di Morgan Stanley, underperform, a 0,90 euro.

Intesa Sanpaolo

L’Offerta pubblica di scambio e acquisto lanciata da Intesa Sanpaolo a Ubi Banca, andata in scena per tutto il mese di luglio, nelle ultime settimane ha fatto da padrona sull’azionario italiano.

Le adesioni sono state pari al 90,203% delle azioni oggetto di offerta e al 90,184% del capitale, Il pagamento del corrispettivo è avvenuto lo scorso 5 agosto, per un corrispettivo totale pari a 588,2 milioni.

Intesa Sanpaolo ha chiuso il secondo trimestre con un utile netto sopra le attese, nonostante la flessione dei ricavi e le maggiori rettifiche su crediti per gli impatti previsti dal Covid-19, e promette una maggiore distribuzione di cash agli azionisti dopo l'acquisizione di Ubi.

In rialzo il target price e i giudizi delle principali banche di investimento all’indomani dell’operazione: il 5 agosto Kepler Cheuvreux, Equita sim, Jp Morgan e Jefferies hanno tutte confermato il giudizio Buy sul titolo, con target price da 2,10 (Jefferies) a 2,30 (Equita).

Fiat-Chrysler

Tra i settori più colpiti dal coronavirus c’è quello automobilistico. Nel periodo più grave della crisi, quando i concessionari sono stati costretti a restare chiusi al pari di tutte le altre attività economiche non indispensabili, le immatricolazioni in Europa sono scese di oltre il 90%, con picchi del 95%-97%.

La strada per la ripresa è ancora lunga, ma basta che sia in ripresa per riportare un po’ di ottimismo sulle quotazioni di Fca. La casa automobilistica italo-statunitense ha pubblicato i conti del secondo trimestre lo scorso 31 luglio, registrando una perdita netta di 1,048 miliardi di euro e una perdita netta adjusted di 1,039 miliardi. I ricavi sono scesi del 56% a 11,707 miliardi.

Continuano a scendere anche le immatricolazioni, ma la curva va appianandosi. Nel mese di luglio 2020 Fca ha immatricolato in Italia 31.044 vetture, in calo dell'8,96% rispetto alle 34.098 unità del mese di luglio del 2019: un risultato comunque migliore del mercato, sceso dell'11,01%.

D’altra parte, il governo sta già correndo ai ripari: nel decreto di agosto contenente misure espansive a sostegno dell'economia post Covid, Palazzo Chigi pensa anche a ulteriori 500 milioni a sostegno del settore automotive nel 2020.

Non è un caso che il target price sia infatti comunque salito: Equita Sim lo fissa a 10,20 euro, Intesa Sanpaolo a 10,70, Kepler Cheuvreux a 14 euro e Jefferies a 10,50; per tutte le banche d’affari il giudizio sale a Buy.

Apri un conto reale con IG per iniziare a fare trading sulle azioni Mediaset, Intesa Sanpaolo o Fca

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Cogli le opportunità del mercato azionario

Vai long o short su migliaia di titoli globali con i CFD.

  • Aumenta la tua esposizione sul mercato con la leva
  • Spread a partire dallo 0,1%
  • Fai trading con i CFD direttamente nel book di negoziazione con accesso diretto al mercato

Vedi un'opportunità sulle azioni?

Prova il trading senza rischi con il nostro conto demo.

  • Accedi al tuo conto demo
  • Apri una posizione
  • Scopri se le tue previsioni erano corrette

Vedi un'opportunità sulle azioni?

Non perdere la tua occasione e passa a un conto reale.

  • Fai trading su una vasta selezione di azioni
  • Analizza i mercati e opera con grafici veloci ed intuitivi
  • Leggi le ultime notizie direttamente dalla piattaforma

Vedi un'opportunità sulle azioni?

Non perdere la tua occasione. Effettua il login e apri la tua posizione.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading