Piazza Affari apre il 2019 in rosso: sul FTSE Mib pesano le banche

Per l'indice italiano il 2018 è stato l'anno peggiore dal 2011. Tra i titoli in rosso, Ubi e Bper. Entra intanto nel vivo la Manovra di Bilancio 2019.

Fonte: Bloomberg

Nuovo anno, stessa storia per il principale indice italiano, che avvia la prima giornata di contrattazioni del 2019 con un ribasso dell’1,7%. Per il listino tricolore, la performance 2018 è stata la peggiore dal 2011, con un ribasso superiore al 17% rispetto ai livelli d’inizio anno ed un calo del 24% rispetto ai massimi di gennaio.

Latitando sulla soglia dei 18000 punti, il primo supporto di riferimento resta il minimo del 26 dicembre, quando il mercato è tornato a tastare area 17600. Solo un ritorno sopra i 19000 si potrà ripristinare la fiducia in un movimento positivo.

Manovra di Bilancio 2019: i punti chiave

Come da attese, sullo scadere del 2018 è arrivato il via libera definitivo alla Manovra di Bilancio 2019, che ha ottenuto la fiducia alla Camera, non senza pesanti polemiche dalle opposizioni.

Tra i principali punti della disposizione, l’introduzione della web tax al 3% sui colossi digital e la flat tax al 15% per autonomi e professionisti a partita Iva (fino a 65mila euro).

E' stato inoltre disposto il taglio delle pensioni d’oro fino al 40%, lo stop all’aumento dell’Iva per l’anno 2019, sgravi per l’assunzione di giovani eccellenze, il taglio delle tariffe Inail e il raddoppio dell’Ires (per enti no profit).

Chiudono il quadro la tassa sui Suv in base alle emissioni e le agevolazioni per le auto meno inquinanti, nonché il saldo e stralcio Isee (fino a 20 mila euro).

Per l’entrata in vigore delle due disposizione chiave della manovra, reddito di cittadinanza e quota 100, si dovrà invece attendere ancora qualche settimana.

Piazza Affari: avvio di 2019 in rosso

E’ il rosso il colore predominante sui listini europei in avvio di 2019, con gli indici FTSE Mib, Cac 40 e Dax che si contendono il titolo di peggior paniere. Ad appesantire le borse, i bruschi cali registrati dai mercati dell'area Asia/Pacifico.

Passate le feste, i timori del 2018 sul mercato italiano sono tornati a farsi largo in maniera amplificata. A risentire dei ribassi sono stati anzitutto i titoli del settore bancario, con l’indice FTSE Italia All Share Banks in calo del 2,5%, appesantito dal -3,7% di Ubi Banca e Bper Banca e il -3,2% di Banco Bpm.

Tra i pochi titoli di giornata ad alzare la testa, la neo ingressa del FTSE Mib, Juventus, e le reti di distribuzione Snam e Terna. Sulla soglia della neutralità anche Enel.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.