Europa in rosso, Ftse Mib debole. Il tris d'assi? Fitch, Huawei e Brexit

Piazza Affari in rosso, al pari di tutti i listini europei. Sull'Italia pesa il giudizio dell'agenzia Fitch, che ha abbassato le stime di crescita del Pil 2018 da 1,2% a 1%. Male Dax e Cac40, sui quali pesa il ritorno dei timori di guerra commerciale Cina-Usa, dopo l'arresto della figlia del fondatore di Huawei.

fiches poker
Fonte Bloomberg

FTSE Mib in territorio negativo e sotto la soglia dei 19.000 punti, con ribassi di giornata nell’ordine del -2%. Ad impattare negativamente sull’indice italiano è stata la decisione resa nota ieri da Fitch di tagliare le stime sul Pil 2018 di 0,2 punti, dal precedente 1,2%, ad un attuale 1%. Non meglio le attese per l’anno 2019, passate dall’1,2% all’1,1% a causa dell’incertezza politica domestica e dei timori legati alle tensioni commerciali. A poco conterebbe quindi l’eventuale realizzazione di un piano di stimolo fiscale.

In un giornata negativa per gli indici di tutte le principali piazze finanziarie mondiali, sono molteplici i fattori che impattano sui corsi di borsa. Tra questi, il timore degli effetti che la guerra commerciale Cina – Stati Uniti avrà sull’economia nel suo complesso.

L’arresto della direttrice finanziaria del gruppo Huawei in data 1 dicembre (quando i due presidenti Xi Jinping e Donald Trump hanno deliberato l’avvio della tregua commerciale) pone nuovi dubbi sulla veridicità delle comunicazioni fatte dalle due potenze (e sul futuro di uno dei settori più ambiti del mercato, quello tecnologico). A questo, si aggiungono gli effetti che l’imposizione delle tariffe Usa avranno nel medio termine su alcuni dei più importanti settori al mondo, quale quello auto.

Mentre Dax di Francoforte e Cac40 di Parigi perdono oltre due punti percentuali, il listino di Milano risente in mattinata dei pesanti ribassi di STMicroelectronics (-4,5%), Fiat e CNH Industrial (rispettivamente in rosso del -3,7% e -3,2%). Negativo anche il settore bancario, che sconta l’instabilità europea (non solo per via dell'incertezza sulla manovra italiana, ma anche e soprattutto per le questioni che ruotano attorno alla Brexit): i princiapli istituti dle comparto dle credito registrano oggi cali superiori al -2%. Tra i titoli migliori di giornata, alcuni nomi appartenenti al comparto energetico: è il caso di Enel e Terna, che si muovono su livelli compresi tra -0,10% e -0,30%.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.