Indici mondiali in rialzo, le parole di Powell più forti della recessione del Giappone

Il presidente della Fed “non scommetterebbe contro l’economia Usa” e spinge al rialzo gli azionari globali. Bene l’Europa nel giorno della riapertura post-coronavirus, Milano guadagna l’1,32%

Le Borse europee danno il via a una sessione tonica nel giorno di riapertura dal lockdown da coronavirus in Italia e Spagna. La giornata promette bene persino per Piazza Affari, dove oggi staccano il dividendo 11 società quotate sul Ftse Mib. I timori di ribassi, spinti da cedole in calo fino allo 0,69% (come quella di Eni), sono stati infatti spazzati via dall’effetto del discorso di stanotte (ora italiana) del presidente della Federal Reserve Jerome Powell, il quale “non scommetterebbe contro l’economia degli Stati Uniti”.

Quali conseguenze in Asia sul Pil dopo la crisi coronavirus?

I futures Usa in rialzo sono riusciti a bilanciare anche l’effetto negativo del crollo del Pil trimestrale in Giappone, i cui dati preliminari, pubblicati stamattina hanno evidenziato un calo rispetto all’ultimo trimestre 2019 dello 0,9%: meno rispetto al risultato previsto (-1,2%), ma comunque abbastanza per far entrare la terza economia mondiale ufficialmente in recessione tecnica dopo che anche lo scorso trimestre aveva segnato un ribasso rispetto al precedente dell’1,9%.

Anno su anno, l’economia giapponese nel primo trimestre si è contratta del 3,4%, rispetto al risultato precedente, -7,3%. In chiusura comunque il Nikkei ha segnato un rialzo dello 0,48%, mentre il più ampio Topix ha chiuso a +0,38%.

Chiusura contrastata invece per la Cina, con Shanghai che segna un rialzo dello 0,24% mentre Shenzhen perde lo 0,40%. Guadagna lo 0,46% invece l’indice China A50.

Cosa ha detto Powell?

In un’intervista al programma serale “60 minutes”, il presidente della Banca centrale Usa ha lasciato intendere che l’economia statunitense ha davanti a sé delle prospettive di ripresa – sebbene osservabili nel medio-lungo termine e solo nel momento in cui venisse trovato un vaccino contro il Covid-19.

Powell ha sottolineato come il tasso di disoccupazione, che si prevede possa sfiorare il 25%, e la contrazione dell’economia Usa nel secondo trimestre (presumibilmente intorno al 30%), potrebbero costituire il picco della crisi. Entro tre-sei mesi le misure fiscali disposte dal Congresso cominceranno a dare i propri frutti ed, entro il 2021 e previa scoperta di un vaccino, si potrebbe assistere a un rimbalzo.

“Penso che ci siano buone possibilità che vi sia una crescita positiva nel terzo trimestre. E penso che sia una previsione plausibile che ci sarà crescita nella seconda metà dell’anno”, ha dichiarato il presidente della Fed. “Direi che non torneremo velocemente ai livelli a cui eravamo. Non ritorneremo a quei livelli prima della fine dell’anno”.

Nel frattempo, il cross EUR/USD, dopo una timida ripresa, torna a scendere a quota 1,0813, mentre nei confronti della sterlinail cambio segna 1,211; la coppia valutaria USD/JPY segna 107,177.

L’ottimismo per le parole di Powell, insieme alla ripesa delle attività in quelli che nelle ultime settimane sono stati considerati tra i focolai più virulenti del coronavirus (Italia, ma anche Spagna e New York) hanno inoltre contribuito a spingere al rialzo il prezzo del petrolio, che torna al di sopra dei 30 dollari al barile con il Wti che guadagna oltre il 5% e arriva a quota 31,01 dollari al barile, mentre il Brent sale del 4,03% a 33,81 dollari.

Impennata di acquisti anche sull’oro, che raggiunge i massimi da sette anni a 1.763 dollari l’oncia.

Come si prospetta la giornata sulle Borse europee?

In una giornata povera di dati macro, gli azionari europei viaggiano al rialzo sulla scia dell’ottimismo in arrivo dagli Usa e della ripresa delle attività economiche in alcuni dei paesi più colpiti dal virus. Francoforte osserva i rialzi maggiori, a +2,74%, mentre Parigi guadagna il 2,41% e Londra segna +2,33%. Madrid guadagna l’1,98% mentre arranca, ma sempre in territorio positivo, Milano con l’1,29%.

Apri un conto reale con IG per iniziare a fare trading sugli indici.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Coronavirus e volatilità sui mercati

Fai trading con IG su oltre 17,000 mercati.

  • Spread ridotti: spread da 0,4 punti sugli indici, da 0,6 sul forex e da 0,3 su materie prime
  • Stop garantiti: imposta un livello a cui chiudere la posizione per tutelarti da eventuali gap di mercato e slippage
  • Assistenza dedicata: avrai a disposizione un team di esperti pronto a supportarti

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading