Indici di Borsa volatili, aperture lievemente positive dopo rimbalzo del petrolio

Secondo Trump, un’intesa tra Russia e Arabia Saudita sarebbe vicina. Intanto, gli Usa contano i nuovi casi di Covid-19 mentre attendono il dato sulle richieste di disoccupazione

Avvio di giornata sui listini globali altamente volatile, con i futures su Wall Street che fanno intuire un leggero recupero. I dati sulla diffusione del coronavirus negli Usa pesano ancora più di tutto sui mercati, per quando in nottata un vento di rialzo sia soffiato sul prezzo del petrolio, dopo l’entrata in scena del presidente Usa Donald Trump nella guerra dei prezzi tra Russia e Arabia Saudita.

Come si è chiusa la giornata in Asia?

In Asia gli investitori cercano di capire per quanto ancora si prolungherà il trend ribassista dei mercati, dopo essersi lasciati il peggio della pandemia alle spalle. Si teme per le tempistiche del ritorno ai ritmi di lavoro pre-Covid, soprattutto riguardo alle fabbriche: chiuse da febbraio, al momento secondo il ministero per l’Industria le piccole e medie imprese sarebbero tornate ad una produttività intorno al 76,8% - un buon risultato, ma ancora lontano dalla piena produttività.

In Cina le Borse hanno registrato rialzi in chiusura: Shanghai +1,69%, Shenzhen +2,04/ e China A50 +1,40%; idem il Kospi coreano, +2,34%, e Hong Kong, con +0,44%. Chiudono in territorio negativo invece i listini giapponesi, con il Nikkei a -1,37% e il Topix a -1,57%.

Cosa aspettarsi dagli Stati Uniti oggi?

Con il coronavirus che continua ad imperversare negli Usa, ormai di gran lunga il paese che conta più contagi al mondo (216.721) e 5.138 decessi, gli occhi dei mercati oggi sono puntati sul dato relativo alle richieste di disoccupazione, atteso per il primo pomeriggio dal Labor Department. Rispetto alla settimana scorsa, quando le richieste iniziali di sussidi hanno raggiunto la cifra (record storico) di 3,283 milioni, oggi si prevede un aumento fino a 3,5 milioni di unità. Il dato tiene conto del fatto che, ormai da settimane, l’80% dei cittadini statunitensi è sotto lockdown, con ricadute sull’economia in grado di provocare la chiusura soprattutto delle piccole attività

In compenso, nelle ultime ore il prezzo del petrolio ha osservato un rimbalzo di oltre dieci punti percentuali, con il Wti a quota 23,68 dollari al barile e il Brent a 27,50 dollari/, dopo l’intervento di Trump nella guerra dei prezzi del greggio tra Russia e Arabia Saudita.

Il presidente Usa ha infatti annunciato che un accordo tra i due paesi, tra i principali produttori di greggio, sarebbe vicino. I vertiti dell’industria petrolifera Usa sono intanto stati invitati alla Casa Bianca, per discutere su come rimettere in sesto il comparto (dall’inizio di marzo, il prezzo del petrolio si è ridotto di quasi due terzi). Tra le opzioni al vaglio, sembrerebbe esserci la possibilità di imporre sanzioni sulle importazioni di petrolio in arrivo dall’Arabia Saudita.

I futures su Wall Street sengnano un rialzo di circa l’1,5% mentre torna a rafforzarsi il dollaro, con il cambio EUR/USD a 1,0940 e GBP/USD a 1,2406.

Come hanno aperto le piazze europee?

Il rimbalzo del petrolio ha trainato al rialzo anche i listini europei che, stamattina, hanno aperto tutti in leggero rialzo. Piazza Affari viaggia a quota +0,97%, spinta appunto dai petroliferi: Saipem (+7,88%), Tenaris (+7,15%), Eni (+6,59%).

Permane volatilità sul resto delle Borse, che viaggiano intorno alla parità: Parigi guadagna lo 0,26%, Francoforte perde lo 0,21%, Londra sale dello 0,20%, Madrid dello 0,23%.

Apri un conto reale con IG per iniziare a fare trading sugli indici o sulle azioni.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Opera sugli indici

Fai trading oggi con i principali indici globali.

  • Puoi negoziare con gli spread più bassi del mercato su Wall Street
  • Spread da 0,4 punto su FTSE 100 e Germany 30
  • Scegli l'unico broker che offre quotazioni H24

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading