Indici di Borsa tentano rimbalzo, Fed inietta liquidità per 1.500 miliardi: le mosse delle Banche centrali

La scarsa fiducia negli Usa contro il coronavirus, ma soprattutto le parole di ieri di Lagarde, hanno fatto crollare gli indici globali come non facevano da oltre trent’anni - e le Banche centrali corrono ai ripari

È il crollo peggiore sulla Borsa statunitense dal 1987: ieri Wall Street ha chiuso in calo di oltre il 9%, con l’epidemia di coronavirus che minaccia i mercati finanziari globali e paventa il rischio della peggior crisi dal 2008.

A nulla sono valse le misure intraprese dalle banche centrali che, dall’esplosione del focolaio in Cina, a fine gennaio, si sono susseguite a catena: prima la Banca centrale cinese, poi la Bank of Australia, il taglio dei tassi a sorpresa della Federal Reserve, seguito da quello della Bank of England e, solo ieri, le decisioni della Banca centrale europea – che però hanno solo acuito i crolli sui listini europei, che ieri hanno chiuso con ribassi a doppia cifra.

Come ha reagito la Fed all’aggravarsi della minaccia coronavirus?

Ieri sera la Federal Reserve ha annunciato un’iniezione di liquidità nel sistema da migliaia di miliardi di dollari, tramite operazioni Repo (pronto contro termine), nel tentativo di assorbire i cali di Wall Street.

L’operazione prevede tre tranche fra oggi e domani. Al momento sono stati resi disponibili 500 miliardi di dollari tramite programmi di riacquisto a tre mesi; altri mille miliardi verranno liberati domani, di cui 500 in operazioni a tre mesi e altri 500 in operazioni a un mese.

Eppure, dopo un timido recupero appena la notizia è iniziata a circolare, presto il Dow Jones è tornato ai valori precedenti l’annuncio, dopo un rimbalzo al -3%; idem l’S&P, – 4,4%, e il Nasdaq, – 4,5%. Alla chiusura, tutti i listini Usa sono tornati a perdite di oltre il 9%.

Restando sempre in nord America, anche la Banca centrale canadese ha seguito l’esempio della Fed. La Bank of Canada ha annunciato un allargamento del programma di riacquisto delle obbligazioni per supportare i prestiti e i prezzi, in partenza da lunedì su base settimanale e valido per tutte le scadenze. La settimana scorsa la Banca centrale aveva già ridotto i tassi di interesse di mezzo punto percentuale.

Cosa programma la Pboc dopo la fase più acuta dell’epidemia di coronavirus?

In Cina intanto la priorità ora è ridurre i costi di finanziamento per le piccole e medie imprese, così da garantire l’occupazione, dopo che l’epidemia si conferma sempre più in recessione. Da ieri in tutto il paese sono stati contati solo otto nuovi contagi. Rimangono tuttavia 4.020 persone in condizioni critiche, mentre il conto totale dei decessi ammonta a 3.176 e i contagiati sono 80.813.

È per questo che ieri, durante una riunione tra i vertici dell’esecutivo, sono stati decisi interventi da parte della Banca centrale (nei confronti solo di determinati istituti di credito) volti a fornire circa 550 miliardi di yuandi liquidità.

Come ha reagito l’Eurozona all’annuncio di ieri della Bce nell’ambito dell’emergenza coronavirus?

La “risposta fiscale ambiziosa e coordinata” invocata dalla presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, alla conferenza stampa con cui ieri ha annunciato le misure per sostenere l’economia dell’Eurozona davanti alla minaccia del coronavirus, ha fatto sprofondare gli indici dell’Eurozona a livelli che in alcuni casi (come Piazza Affari) non si erano mai visti.

Per i mercati, l’allargamento del programma di Quantitative Easing a 120 miliardi di euro e i finanziamenti agevolati alle banche centrali sono misure ancora troppo deboli per far fronte a una crisi che, dal loro punto di vista, è pari per gravità solo a quella del 2008.

Ieri in chiusura sono stati registrati cali a due cifre per quasi tutti i listini: Milano ha registrato il minimo storico, a - 16,9%, ma anche Parigi perde il 12,2%, similmente a Francoforte (- 12,2), mentre Londra chiude a -9,8%. Stamattina gli stessi indici hanno provato un rimbalzo, con rialzi intorno al 3%.

Apri un conto reale con IG per iniziare a fare trading sugli indici globali.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Coronavirus e volatilità sui mercati

Fai trading con IG su oltre 17,000 mercati.

  • Spread ridotti: spread da 0,4 punti sugli indici, da 0,6 sul forex e da 0,3 su materie prime
  • Stop garantiti: imposta un livello a cui chiudere la posizione per tutelarti da eventuali gap di mercato e slippage
  • Assistenza dedicata: avrai a disposizione un team di esperti pronto a supportarti

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading