Indice Ftse Mib in calo dopo annuncio passo indietro di Di Maio dal M5s

L’annuncio ufficiale arriverà nel pomeriggio. Intanto si fanno strada ipotesi sul futuro del Movimento, che arriverà alle elezioni di domenica senza un capo politico

Si sta svolgendo in queste ore a Palazzo Chigi la riunione tra ministri, viceministri e sottosegretari del Movimento 5 stelle, dopo che ieri si sono rincorse indiscrezioni sul ritiro di Luigi Di Maio, ministro degli Esteri dell’attuale governo Conte, da leader del Movimento.

Per quanto le riunioni di gabinetto del leader politico con i suoi colleghi e funzionari di partito siano prassi, più fonti hanno confermato che oggi la posta in gioco potrebbe essere la stessa leadership del partito. La notizia arriva a pochi giorni dall’appuntamento elettorale in Emilia Romagna e Calabria dove, domenica prossima, si voterà per il rinnovo dei consigli regionali.

Ieri alla Farnesina Di Maio si è trattenuto per ore con i colleghi di partito, per poi annunciare con una nota che, nella giornata di oggi, avrebbe rilasciato un “annuncio importante”. Sembra che il leader del M5s lascerà anche il suo ruolo di responsabile della delegazione al Senato.

Cosa succederà ora?

La mossa arriva con particolare tempismo. A pochi giorni dalle elezioni regionali in Emilia Romagna e Calabria, infatti, Di Maio ha disdetto tutti gli appuntamenti previsti, soprattutto nella regione rossa per eccellenza.

Si fanno largo diverse ipotesi sul dopo-Di Maio. La reggenza del partito dovrebbe passare a Vito Crimi, membro anziano del comitato di garanzia, che già sarebbe stato allertato. Quanto alla successione, sembra che per Di Maio l’ideale sia un “triumvirato”, insieme alla sindaca di Torino Chiara Appendino e Alessandro Di Battista. Sono stati avanzati anche i nomi del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e di quello per lo Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli.

D’altra parte, che il Movimento avesse bisogno di una riorganizzazione era già chiaro alle alte sfere e, infatti, tra le altre ipotesi c’è quella che Di Maio resti in carica (come dimissionario) fino agli Stati generali del partito, di fatto il primo congresso del Movimento, che si terrà a Torino dal 13 al 15 marzo.

Di Maio potrebbe arrivare a una decisione nelle prossime ore, per poi ufficializzarla nell’incontro di oggi, alle 17 a al Tempio di Adriano, dove è in programma la presentazione dei nuovi facilitatori regionali (un figura disegnata ad hoc, di fatto coordinatori regionali per allargare la base del Movimento sul territorio).

Quanto alle motivazioni del passo indietro del leader pentastellato, regna il riserbo più assoluto – solo illazioni. Si parla di timore per l’erosione del consenso elettorale (il che rende gli appuntamenti di domenica ancora più delicati), ma anche di mal di pancia interni di chi vorrebbe una differenziazione più netta tra cariche di partito e di governo.

Il vuoto di potere potrebbe ora aprire nuovi scenari per Lega e Partito Democratico, entrambi in lotta per spartirsi l’elettorato pentastellato presto orfano di un leader politico. Il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, ha rifiutato di commentare quelle che, per ora, sono ancora “indiscrezioni”, sottolineando però l’importanza di “ricostruire un campo largo, essere alleati e non avversari”.

Come ha reagito Piazza Affari?

La notizia, ancora da confermare ma data praticamente per certa, in base alle fonti da cui è trapelata, ha fatto virare verso il basso l’indice di Milano, che ha aperto in area positiva, a 23.887 punti, salvo poi scendere e segnare -0,54%, in controtendenza rispetto ad altri listini europei.

Stamattina infatti Francoforte segna +0,08% e Londra +0,20%, mentre Parigi viaggia sulla parità e Madrid perde lo 0,38%.

Ad apertura di sessione lo spread tra Btp e Bund tedeschi ha sfiorato i 170 punti, con il rendimento del Btp salito all’1,44%. Lo spread è poi tornato scendere a 167 punti (7,1 in più rispetto alla chiusura precedente).

Apri un conto reale con IG per iniziare a fare trading sul Ftse Mib.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Esplora i mercati finanziari con i nostri corsi online gratuiti

Scopri come fare trading su una vasta selezione di mercati – o approfondire le tue conoscenze – con i webinar, le lezioni interattive e i video di IG Academy.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading