Accordo Usa-Cina: torna l'appetito al rischio. Bene il forex: vola NZD/USD. GBP nelle mani della Brexit

Trump apre alla possibilità di slittare l'aumento dei dazi oltre il 1 marzo. Vendite su USD a favore di dollaro neozelandese e australiano. Recupera terreno la sterlina sul posticipo del voto sulla Brexit: serve più tempo.

Fonte: Bloomberg

Le speranze di una svolta commerciale tra Stati Uniti e Cina e la miglior accondiscendenza di Donald Trump ad esser flessibile sul termine del 1 marzo (data a seguito della quale, in assenza di un accordo, l’America sbloccherà il rialzo dei dazi dal 10 al 25%) hanno riacceso l’attenzione degli investitori, tornati a posizionarsi attivamente sui mercati. Risultato: minore interesse per la divisa statunitense ed un ritorno degli acquisti sulle altre principali valute.

USD contro AUD, USD, CAD

A beneficiare delle posizioni buy, il dollaro australiano, spesso considerato barometro della propensione al rischio globale, salito dello 0,4 percento in area $0,7130, e il dollaro neozelandese. Nel particolare, il kiwi è cresciuto nella notte dell’1,6% (a $0,6837) dopo che la Reserve Bank of New Zealand è risultata meno accomodante di quanto i mercati si aspettassero in termini di politica monetaria.

Meno netto l’apprezzamento dell’euro contro il biglietto verde, che dopo esser tornato ieri ad un massimo di giornata a 1,1340, quota oggi attorno alla parità in area 1,1315-1,1330. Il primo livello di supporto è rappresentato da 1,13, seguito a stretto giro dal target a 1,1260, sui minimi di ieri.

Il biglietto verde è invece diminuito dello 0,2 percento rispetto al dollaro canadese, recuperando però la quasi totalità del terreno perso (attualmente il cambio USD/CAD si muove a 1,3230, dopo un minimo al test di 1,32). Il loonie è stato sostenuto dall’aumento dei prezzi del petrolio delle scorse ore (col crude tornato poco sotto i $54 al barile), a sua volta sospinto da un ribasso del biglietto verde e da un miglioramento del sentiment economico e della propensione al rischio.

Donald Trump apre all'accordo con la Cina

L'appetito al rischio dei mercati si è ravvivato dopo che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha annunciato la disponibilità a spostare più avanti il termine del 1 marzo, ultimo giorno utile per trovare un accordo prima dello scatto tariffario su 200 miliardi di dollari di beni cinesi. Il Tycoon ha aggiunto che preferirebbe non farlo e che si aspetta di incontrare il presidente cinese Xi Jinping per chiudere le negoziazioni prima della data stabilita.

L'attenzione principale si concentra questa settimana sui colloqui di alto livello in Cina, dove la delegazione americana si confronterà con l’altra maggiore economia al mondo. Le tensioni tra le due hanno peggiorato il sentiment degli operatori non solo in termini di limitazioni per la crescita mondiale, ma anche in merito al rallentamento della locomotrice cinese.

Sterlina volatile, spinta da Brexit e no-deal

Leggero apprezzamento infine, della sterlina contro dollaro, con la coppia GBP/USD riportatasi al di sopra del livello a 1,29 dopo che la premier, Theresa May, ha rimandato il voto parlamentare sul testo che dispone l’uscita dall’Unione, prendendosi un po’ più di tempo per riaprire il dialogo con l’Europa.

Tendenzialmente, la volatilità sulla sterlina si confermerà nelle settimane a venire: al momento, il Regno Unito è sulla buona strada per lasciare l'Unione senza un accordo il prossimo 29 marzo, a meno che il primo ministro non riesca a persuadere Bruxelles (e la maggioranza inglese) con un accordo modificato rispetto a quello inizialmente proposto.

Trova un articolo

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sul forex

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sulle azioni

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

Scopri di più sugli indici

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.