Forex, rally euro dollaro: di nuovo verso quota 1,20?

Il miglioramento nel sentiment degli investitori porta il biglietto verde ai minimi da oltre due anni. Schizza la coppia euro dollaro, nonostante le pressioni sulla moneta unica

Nella giornata di oggi gli azionari globali procedono la sessione frazionati e anche Wall Street apre al ribasso, ma alla resa dei conti novembre si conferma come il mese del grande rimbalzo: il Dow Jones mette a segno un aumento del 12,9%, il risultato migliore dal 1987, l’S&P 500 è avanzato dell’11,3% e il Nasdaq dell’11,9%.

Sul forex la ventata di ottimismo si traduce in un crollo del dollaro: il Dollar Index torna ai minimi del 2018, mentre le valute a più alto rendimento sono miste. Balza in avanti il cambio euro dollaro, che al momento viaggia a 1.1996.

Cosa sta muovendo il dollaro?

Le notizie in arrivo nelle ultime settimane hanno fatto precipitare le quotazioni del dollaro. Il risultato delle elezioni Usa ha galvanizzato i mercati finanziari, con l’elezione del democratico Joe Biden in grado di far pensare a una collaborazione con il Congresso più efficace – e, dunque di prospettare l’arrivo di aiuti fiscali per i cittadini colpiti dalla crisi economica scatenata dal coid-19.

Allo stesso tempo, le notizie sempre migliori sui vaccini in arrivo da Pfizer-Biontech, ma soprattutto da Moderna, fanno vedere la luce in fondo al tunnel proprio riguardo la propagazione del virus: presumibilmente già dall’inizio del 2021 si inizia a pensare alla fine delle restrizioni, con conseguente ritorno a livelli normali di consumi e scambi commerciali.

Due fattori, le elezioni e i vaccini anti-covid, che in poco tempo hanno fatto scattare gli investitori verso asset più rischiosi, abbandonando il dollaro (ma anche l’oro: nelle ultime ore le quotazioni del metallo prezioso sono scese dello 0,61%, a 1.776 dollari l’oncia).

Ecco allora che il dollaro si avvia a chiudere novembre con la perdita maggiore su base mensile contro un paniere di valute dallo scorso luglio, mentre il dollaro neozelandese si avvia a chiudere il mese con il maggior rialzo da fine 2013, anche sulla scia della percezione che le prospettive economiche globali riducano il rischio di tassi negativi.

Bene anche lo yuan, che si avvia verso la più lunga serie di guadagni mensili da sei anni a questa parte, spinto dalla ripresa economica cinese e dall'ingresso stabile di capitali. Proprio stamattina i dati macro in arrivo da Pechino hanno certificato un indice dei direttori agli acquisti nel settore manifatturiero in rialzo a 52,1 punti, oltre le aspettative degli analisti.

Come ha reagito il cambio euro dollaro?

Nel frattempo l’euro è salito dello 0,29% rispetto al dollaro, sfiorando quota 1,20 – che non si vedeva dallo scorso 31 agosto, pochi giorni dopo l’annuncio del cambio degli obiettivi strategici da parte della Federal Reserve Usa.

Il cambio euro dollaro è aiutato soprattutto dalla particolare debolezza del biglietto verde. I dati sull’inflazione infatti non aiutano: l’indice dei prezzi al consumo oggi in Germania si è abbassato a -0,8%, in calo sia rispetto alle previsioni degli analisti 8-0,7%) sia, soprattutto, rispetto alla lettura della settimana precedente, quando era riuscita a mantenersi allo 0,1%.

Il cambio euro dollaro si appresta dunque a chiudere il mese con un rialzo di quasi tre punti percentuali (al momento è in rialzo dal primo novembre del 2,88%), preparandosi così a un dicembre tra i cui appuntamenti più importante c’è la riunione della Banca centrale europea, quella in cui Francoforte annuncerà nuove misure di stimolo in risposta alla crisi pandemica. E, come a settembre, è altamente probabile che la Bce cerchi anche di contenere il rally dell’euro.

Inizia a fare trading con i Turbo24

Fai trading sul forex tutto il giorno senza interruzioni con i Turbo24 – troverai le principali coppie valutarie: EUR/USD, EUR/GBP, USD/JPY. Otterrai un’esposizione sul mercato sottostante solo con un piccolo deposito iniziale.

Apri un conto reale o prova la demo per esercitarti con i Turbo24.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading