Fmi: economia globale in contrazione del 3% per crisi coronavirus, in Italia il crollo peggiore (-9,1%)

Secondo il World Economic Outlook, nel 2020 l’economia globale si contrarrà del 3%: “È necessaria un’azione multilaterale”. Nel frattempo, i paesi del G7 si dicono disposti a sospendere il pagamento dei debiti

L’ultimo report del Fondo Monetario Internazionale sulle stime di crescita dell’economia globale era uscito a gennaio. Al tempo, il nuovo ceppo di coronavirus che si è sviluppato a Wuhan, nella provincia cinese dell’Hubei, già aveva provocato le prime vittime (il virus ha iniziato a girare verso le fine del dicembre 2019), ma solo verso la fine del mese il governo di Xi Jinping ha dichiarato lo stato di emergenza, quando le vittime, almeno secondo i dati riportati da Pechino, erano poche decine.

Cosa dicono i dati dell’Fmi?

I dati pubblicati oggi sono invece la fotografia di una delle recessioni più gravi da quella dell’inizio del XX secolo.

Il Fondo parte dal presupposto che la maggior parte delle nazioni nel mondo sconteranno il picco degli effetti di contenimento della pandemia (oltre che delle misure di supporto implementate dai governi per far fronte all’emergenza) nel secondo trimestre 2020, che si è appena aperto, mentre le perdite potrebbero iniziare a contrarsi già dalla seconda metà dell’anno. In generale, l’Fmi prevede una contrazione dell’economia globale del 3% - a gennaio, le previsioni erano per una crescita aggregata del 6,3%; nel 2009, le stime davanti alla crisi economico-finanziaria ammontavano a una contrazione dell’1%.

D’altra parte, il Fmi tiene in conto anche l’effetto delle misure volte al salvataggio delle varie economie nazionali: entro il 2021 le operazioni di immissione di liquidità per le piccole e medie imprese, per la cassa integrazione e per il sostegno al sistema finanziario permetteranno un rimbalzo del 5,8%.

Come saranno distribuite le perdite?

L’Italia è il paese che subirà la contrazione peggiore non solo tra i paesi dell’Eurozona, ma a livello globale: con una previsione di crescita a -9,1%, conquista la maglia nera di paese più colpito (a livello economico) dalla pandemia.

Seguono Spagna (-8%), Francia (-7,2%) e Germania (-7%), mentre il Regno Unito si stima perderà intorno al 6,5%. Dall’altro lato dell’Atlantico, il Canada subirà una contrazione del 6,2%, mentre gli Stati Uniti perderanno il 5,9%.

Passando invece alle economie dei paesi in via di sviluppo, i numeri sono più contenuti. Si passa dal -5,5% della Russia e il -6,6% del Messico ai valori positivi (ma comunque in forte contrazione, rispetto a quelli pre-Covid) di India e Cina, rispettivamente +1,2% e +1,9%. Fatte salve queste eccezioni, è la prima volta dalla crisi del 1929 che ad essere in recessione sono sia i paesi industrializzati che nelle economie in via di sviluppo: nel 2009, per quanto in contrazione queste ultime non erano mai scese in territorio negativo.

Il virus accentuerà la distanza tra il nord e il sud del mondo?

Il Fondo Monetario Internazionale, nel pubblicare il report, ha sottolineato come la cooperazione multilaterale sarà essenziale nella ripresa dell’economia globale. Nello specifico, l’appello è alla concessione di moratorie sui pagamenti e sulle ristrutturazioni dei debiti pubblici, soprattutto per supportare la spesa nei paesi in via di sviluppo. Il Fmi richiama anche l’accesso a linee di swap tra le banche centrali, come d’altra parte sta già succedendo.

Da parte sua, il Fondo ha predisposto una linea di credito da mille miliardi di dollari a supporto delle economie più vulnerabili, tramite finanziamenti di emergenza e servizi di alleggerimento del debito. Attraverso il Catastrophe Containment and Relief Trust (Ccrt), il Fondo ha approvato la riduzione del debito per 25 paesi.

E la riunione del G7?

Proprio oggi si sono riuniti anche i governatori delle banche centrali e i ministri di Economia e Finanza delle sette principali economie globali. Secondo quanto affermato dal Dipartimento del Tesoro Usa in una nota rilasciata alla conclusione dell’incontro, “i Paesi membri del G7 sono favorevoli alla sospensione temporanea dei pagamenti sul debito da parte dei Paesi più poveri se c’è accordo con i Paesi membri del G20”. Sempre secondo la nota, “i ministri e governatori si impegnano a utilizzare tutte le risorse disponibili per raggiungere una crescita che sia forte, sostenibile, inclusiva e bilanciata”.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Coronavirus e volatilità sui mercati

Fai trading con IG su oltre 17,000 mercati.

  • Spread ridotti: spread da 0,4 punti sugli indici, da 0,6 sul forex e da 0,3 su materie prime
  • Stop garantiti: imposta un livello a cui chiudere la posizione per tutelarti da eventuali gap di mercato e slippage
  • Assistenza dedicata: avrai a disposizione un team di esperti pronto a supportarti

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading