EUR/USD ai minimi da un mese dopo crollo indice Ifo tedesco

L’indice sulle condizioni aziendali della zona euro restituisce dati allarmanti, con il coronavirus che ha affossato le prospettive di crescita. In calo il cambio EUR/USD, complice anche il Consiglio europeo di ieri

L’epidemia di coronavirus, che finora ha provocato oltre 2,6 milioni di contagiati e 180 mila vittime in tutto il mondo, continua a tenere sotto pressione l’economia dell’Eurozona. Stamattina i dati fotografati dall’indice Ifo (Information und Foschung) sul sentiment e sulle condizioni aziendali ha toccato un nuovo minimo storico: 74,3 punti, in ribasso rispetto al dato di marzo, per altro rivisto al ribasso da 86,1 a 85,9.

Cosa ci dice il dato Ifo sulle condizioni economiche dell’Eurozona?

L’indagine, condotta su oltre 9 mila aziende, misura il clima di fiducia (o sfiducia) per il mese corrente nel settore aziendale. Nello specifico, le aspettative riguardo alle aziende si è abbassata a 69,4 punti, mentre il sub-indice che misura solo le condizioni attuali scende a 79,5 – a fronte di un’aspettativa rispettivamente di 75 e 81 punti.

Secondo quanto dichiarato dall’istituto, a pesare sul dato sono soprattutto le stime sulla situazione economica attuale, che a marzo avevano raggiunto 92 punti: un calo di 20 punti, indice dell’impatto della pandemia di coronavirus sull’economia tedesca. “Le aziende non sono mai state così pessimiste” commenta Clemens Fuest, presidente dell’istituto Ifo.

Ad aprile il settore manifatturiero ha toccato il minimo dal 2009; ma è il settore servizi ad essere crollato a livelli mai visti prima, a causa dello stop forzato alle attività richiesto dalle misure di distanziamento sociale, nel tentativo di contenere i nuovi casi di coronavirus. Quanto a commercio e costruzioni, ad aprile si assiste al calo più bruco mai registrato, sebbene a quanto risulta dalla ricerca le compagnie edili tedesche siano ancora abbastanza fiduciose nel futuro.

Come ha reagito il cambio EUR/USD?

Subito dopo la pubblicazione del dato Ifo, l’euro è sceso ai minimi da un mese nei confronti del dollaro. La valuta unica ha perso infatti circa il 20%, scendendo a 1,0727, complice anche il Consiglio Europeo di ieri non del tutto soddisfacente.

La riunione di ieri dei capi di stato e di governo dell’Unione europea si è infatti conclusa con un accordo di massima sulle misure da intraprendere per trainare fuori l’Ue dalla crisi economica in cui è piombata a causa delle misure di lockdown rese necessarie per contrastare l’espansione del coronavirus, ma per i dettagli di rimanda all’incontro della Commissione europea anticipato, a causa dell’urgenza della situazione, al 6 maggio.

Tra le misure, la più controversa è il ricorso al cosiddetto “Recovery Fund”, un fondo garantito a livello europeo – i cui costi non ricadrebbero, dunque, sui singoli stati – di cui però restano ancora in dubbio il volume (si parla di 1.500 miliardi di euro) e i dettagli tecnici circa il funzionamento e la durata dei prestiti (il commissario europeo per gli Affari Economici e Finanziari, Paolo Gentiloni, ha ipotizzato prestiti a 30-40 anni).

D’altro canto, l’euro è tornato a rafforzarsi già in tarda mattinata e, al momento, viaggia a quota 1,0785 EUR/USD, mentre il cambio EUR/GBP segna 0,8742.

Come hanno reagito gli indici di Borsa?

Continuano a perdere quota le Borse europee, con Francoforte in calo dello 0,87%, Parigi che perde lo 0,86% e Milano vicina alla parità, ma comunque in territorio negativo, a -0,07%.

Fai trading sul forex e altri mercati senza rischi con il conto demo di IG.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Coronavirus e volatilità sui mercati

Fai trading con IG su oltre 17,000 mercati.

  • Spread ridotti: spread da 0,4 punti sugli indici, da 0,6 sul forex e da 0,3 su materie prime
  • Stop garantiti: imposta un livello a cui chiudere la posizione per tutelarti da eventuali gap di mercato e slippage
  • Assistenza dedicata: avrai a disposizione un team di esperti pronto a supportarti

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading