Dow Jones in calo insieme al resto di Wall Street, deludono dati su disoccupazione

La situazione occupazionale negli Usa è in stallo, in attesa di una svolta politica. Male anche il settore edile, in calo i nuovi permessi di costruzione. Dow Jones -0,91%

Gli indici di Wall Street proseguono al ribasso nella giornata post-Federal Reserve, con il Dow Jones che perde al momento lo 0,91%, il Nasdaq il 2,11% e l’S&P 500 l’1,44%.

A trainare al ribasso gli indici l’orientamento annunciato ieri dalla Banca centrale Usa: tassi invariati prossimi allo zero sul dollaro, che non si muoveranno quindi dalla forbice 0-0,25% almeno per i prossimi tre anni – o anche fino a quando l’inflazione negli Stati Uniti non sarà risalita oltre il 2% dopo che, a fine agosto, il presidente della Fed Jerome Powell ha ammesso lo sforamento del suddetto limite nel tempo.

Quali novità dal fronte dei dati macro?

Nel frattempo, oggi i dati settimanali elaborati dal Department of Labor Usa segnalano un aumento delle richieste di disoccupazione di 860 mila unità: sempre al di sotto della soglia psicologica di un milione e in ribasso rispetto al dato precedente (890 mila unità), ma superiori rispetto alle attese degli analisti (850 mila).

Continuano comunque a migliorare le richieste di disoccupazione continua, ovvero i cittadini statunitensi che continuano a percepire un sussidio di disoccupazione per più di una settimana – in altre parole, quelli che continuano a non trovare impiego: 12,63 milioni (dato aggiornato al 4 settembre), in calo rispetto agli oltre 13,4 dell’ultima rilevazione.

In calo anche la media a quattro settimane delle richieste di sussidi: 912 mila, quando fino alla scorsa settimana la curva era ferma a 973 mila.

È la terza settimana di seguito che le richieste di disoccupazione si mantengono al di sotto del milione, ma comunque restano a livelli record dall’inizio della pandemia di coronavirus. È proprio la grave crisi occupazione che ha condotto la Fed a puntare tutto sulla scommessa al rialzo dell’economia, nella speranza che un nuovo slancio possa riattivare anche il circuito occupazionale – il raggiungimento della piena occupazione è tra i due obiettivi principali della Fed, insieme all’inflazione al 2%.

A tal proposito, rilevano anche i dati sul settore edilizio Usa, cartina al tornasole della ripresa economica. Oggi il Census Bureau ha rilasciato i dati sulle concessioni edilizie rilasciate ad agosto e, per la prima volta da maggio, si segnala una leggera contrazione del dato: da 1,483 milioni a 1,47, in netta controtendenza rispetto alle stime degli analisti che si attendevano una correzione al rialzo – almeno 1,5 milioni di permessi.

Nessuna mossa politica all’orizzonte

Sembra dunque che gli Usa siano arrivati a una situazione di stallo: il peggio della crisi da coronavirus è passato ma, senza adeguati supporti fiscali, non riescono a rilanciare l’occupazione.

Sale infatti anche il numero dei cittadini che continuano a ricevere gli aiuti fiscali del Pandemic Unemployment assistance program, destinato proprio ai liberi professionisti: 14,5 milioni di richieste dall’inizio della pandemia, che si aggiungono ai 13 milioni di statunitensi che, fino a quando ci sono stati, hanno usufruito di sussidi statali.

Sussidi però scaduti alla fine di luglio e da allora mai più reintrodotti – è altamente probabile che, ormai, sarà necessario attendere le elezioni del 3 novembre per vedere una luce in fondo al tunnel in tal senso, considerando gli scontri tra Democratici e Repubblicani all’interno del Congresso.

Interessato al trading sugli indici Usa? Apri un conto gratuito Turbo24 o aggiungi un conto Turbo24 sul tuo account IG: avrai la possibilità di fare trading 24 ore al giorno con un prodotto quotato e regolamentato, che ti consentirà di avere il pieno controllo del rischio e della leva finanziaria.

Scopri la nuova guida e inizia subito la tua attività di trading.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading