Coronavirus, crolla l’indice ZEW tedesco. Listini europei contrastanti, Piazza Affari in cauto rialzo

Il sentiment degli industriali europei sconta in pieno l’impatto economico della pandemia di Covid-19 e si prepara alle perdite nel settore. Slitta la riunione dell’Ecofin, mentre gli indici attendono ulteriori decisioni dall’Ue

Fallisce il rimbalzo delle Borse europee. L’unica a mantenersi in area positiva è Piazza Affari, ma l’emergenza coronavirus non sembra mollare la presa: in Italia oggi i decessi hanno superato quota duemila, sebbene il numero dei nuovi contagi faccia ben sperare – 2.470, in calo rispetto a ieri, che portano il numero complessivo dei contagi a 23.073.

Parte da oggi la chiusura della frontiere esterne dell’Unione Europea, nel tentativo di contenere il diffondersi del virus, che durerà per 30 giorni. Intanto, anche gli altri paesi iniziano a mobilitare risorse economiche: dopo i 25 miliardi di euro annunciati dall’Italia, il ministro delle Finanze francese, Bruno Le Maire, ha annunciato interventi in grado di sbloccare 45 miliardi di euro.

Cosa stanno facendo i vertici Ue per contrastare il coronavirus?

Oggi doveva essere la giornata dell’Ecofin, la riunione dei ministri dell’Economia e della Finanze dei 27, invece ieri sera è stato annunciato un rinvio della riunione a venerdì 20. L’incontro, che generalmente segue l’Eurogruppo (riunito lunedì, sempre in teleconferenza, ma che sembra essersi dilungato), sarebbe slittata in seguito al cambio dell’agenda europea dovuta proprio all’emergenza coronavirus. Previsto per domani un incontro, sempre in via telematica, tra i capi di stato e di governo dell’Eu.

All’ordine del giorno dell’Ecofin avrebbero dovuto esservi le azioni allo studio dei diversi ministeri del Tesoro, per esaminare e varare un pacchetto di misure coordinate a livello comunitario per rispondere alla pandemia.

Cosa prevede l’indice Zew ai tempo del coronavirus?

Intanto, a fornire una fotografia della situazione economica in cui versa l’Unione Europea oggi è l’indice prospettico Zew, stilato dal Zentrum für Europäische Wirtschaftsforschung (il centro europeo per le previsioni economiche) che segnala il sentiment degli investitori istituzionali tedeschi. L’indice sottolinea un drastico crollo della fiducia degli investitori a marzo: gli analisti avevano previsto già un forte calo, dall’8,7 di febbraio a – 26,4 (ben al di sotto dello zero, la soglia tra una dato positivo o negativo per l’euro), ma il risultato finale è stato pari a - 49,5. Il cambio EUR/USD è sceso a quota 1,1034.

Un tracollo che sconta in pieno il risvolto del coronavirus sull’economia europea. Dopo l’Italia, primo paese in cui si è sviluppato il focolaio dell’epidemia in Europa, anche Spagna, Francia e Germania hanno infatti adottato nelle ultime ore misure di lockdown, con ripercussioni sulla produzione industriale dalla durata ancora incerta: si stima che il picco dell’epidemia possa arrivare tra pochi giorni in Italia – che diventeranno settimane nel resto d’Europa – ma ancora non è chiaro fino a quando verranno mantenute le misure.

Cosa ha causato il coronavirus nell’industria europea?

D’altra parte, il mondo dell’industria sta correndo ai ripari già da tempo. Nel settore automotive, l’ultimo ad aver annunciato una chiusura temporanea degli impianti, stamattina, è il colosso tedesco Volkswagen, stabilendo la sospensione entro la fine di questa settimana per gli impianti in Spagna, Slovacchia e Italia. Solo ieri l’italo-americana Fiat-Chrysler ha disposto la chiusura degli impianti fino al 27 febbraio, sia in Italia (Melfi, Pomigliano, Cassino, Mirafiori, Grugliasco e Modena) sia in Serbia e Polonia, per rispondere sia all’emergenza sanitaria, sia al calo della domanda. Idem in Francia per Peugeot, Citroen e Renault.

Come hanno reagito gli indici?

Al tentativo di rimbalzo in apertura degli indici europei si contrappongono a metà seduta leggeri ribassi per tutti i listini – ad eccezione dell’Ibex e del Ftse Mib, rispettivamente in rialzo dell’1,8% e dell’1,14%.

Quanto agli altri, il Dax viaggia in ribasso dello 0,94%, il Cac dello 0,55% e Londra perde l’1,07%.

I listini fanno fatica a segnare rialzi soprattutto dopo il crollo delle ultime ore su Wall Street, che non vedeva ribassi come quelli di ieri dal 1987. Ieri in chiusura il Dow Jones ha chiuso in ribasso di oltre il 12%, al pari dell’S&P 500 e del Nasdaq: a nulla sono serviti l’ulteriore taglio dei tassi e le misure di Quantitative Easing disposti dalla Federal Reserve domenica sera, quando ha portato il costo del denaro a una forbice compresa tra 0 e 0,25%.

Apri un conto reale con IG per iniziare a fare trading sugli indici.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Coronavirus e volatilità sui mercati

Fai trading con IG su oltre 17,000 mercati.

  • Spread ridotti: spread da 0,4 punti sugli indici, da 0,6 sul forex e da 0,3 su materie prime
  • Stop garantiti: imposta un livello a cui chiudere la posizione per tutelarti da eventuali gap di mercato e slippage
  • Assistenza dedicata: avrai a disposizione un team di esperti pronto a supportarti

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading