Borse europee in calo, mattinata di dati macro e trimestrali: Unicredit perde 2,7 miliardi

Le prospettive di cattivi dati Pmi sui servizi e i dati del primo trimestre 2020, che già scontano l’effetto coronavirus, mettono sotto pressione gli azionari europei. Ordini all’industria in Germania -15,6%

Torna la tensione sui mercati europei in apertura, in attesa dei dati sugli indici Pmi di aprile relativi ai servizi, per cui si prevede un collasso analogo a quanto accaduto per il settore manifatturiero. Intanto, resta congelata la tensione tra Cina e Usa sulle responsabili per la diffusione del coronavirus, dopo che il presidente Usa Donald Trump ha invitato Pechino ad agire con più trasparenza.

Come si è chiusa la giornata in Asia?

Mentre in Giappone la Borsa è ancora chiusa per festività, gli investitori cinesi tornano attivi e scontano la pioggia di accuse – e ritrattazioni – arrivate negli ultimi due giorni dal presidente Usa Donald Trump. È da domenica infatti che Trump, spalleggiato dal segretario di Stato Usa Mike Pompeo, accusa Pechino di aver deliberatamente creato il coronavirus in un laboratorio di Wuhan, di cui avrebbe successivamente perso il controllo, scatenando la pandemia che ha messo in ginocchio l’economia globale.

Secondo Pompeo vi sarebbero “prove evidenti” di quanto dichiarato (per quanto l’Organizzazione Mondiale della Sanità abbia fatto sapere di non aver ancora ricevuto nulla al riguardo), ma già ieri un membro dell’amministrazione Trump ha chiarito come gli Usa non sarebbero intenzionati a proseguire con rappresaglie economiche.

È così che Shanghai chiude in leggero rialzo, guadagnando lo 0,63%, mentre Shenzhen segna un rialzo dell’1,41% e China A50 si muove sulla parità. Regge anche l’Hang Seng di Hong Kong, in rialzo dell’1,50%.

Quali sono le ultime notizie dagli Usa?

La sessione di ieri a Wall Street, terminata al rialzo, ha tuttavia subito un rallentamento nel momento in cui, alla chiusura dei mercati, le parole del vice presidente della Federal Reserve, Richard Clarida, hanno annunciato che i dati economici raggiungeranno valori ancora più bassi prima di poter osservare un recupero.

Tornano a scendere i prezzi del petrolio, dopo cinque giorni di rally. Il Wti viaggia a 24,22 dollari al barile, in ribasso dell’1,38%, mentre il Brent regge sopra i 30 dollari al barile, perdendo solo mezzo punto percentuale.

Sul mercato valutario l’euro resta debole nei confronti del dollaro, a 1,0827, dopo che ieri la Corte Costituzionale tedesca si è espressa sul Quantitative Easing giudicandolo legittimo, fintantoché la Banca centrale europea riesca a dimostrarne la proporzionalità – e dandole tre mesi per farlo, prima che la Bundesbank si ritiri dal programma.

Cosa si prevede oggi sui mercati europei?

La giornata nel Vecchio Continente è iniziata con il crollo degli ordini all’industria di marzo in Germania, scesi del 15,6% (il livello più basso dal 1991), a fronte di previsioni ferme a un calo del 10%. Il dato getta un’ombra sulla produzione industriale tedesca, per cui si teme una contrazione ancora più profonda del 5% stimato dagli analisti.

Nel frattempo, gli indici viaggiano leggermente sotto lo zero, in attesa dei dati Pmi di aprile per il settore dei servizi: Parigi perde lo 0,47%, Francoforte lo 0,23%, Milano lo 0,27% e Madrid lo 0,78%. Unica positiva Londra, in rialzo dello 0,18%.

Su Piazza Affari prosegue la carrellata dei dati trimestrali. Stamattina è la volta di Enel e Snam, ma soprattutto delle banche Bper, Creval e Unicredit, che ha già pubblicato i risultati del primo trimestre: con 2,7 miliardi di perdita netta e la prospettiva di una revisione del piano strategico, le azioni Unicredit viaggiano in ribasso dell’1,22%.

Apri un conto reale con IG per iniziare a fare trading sugli indici.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Coronavirus e volatilità sui mercati

Fai trading con IG su oltre 17,000 mercati.

  • Spread ridotti: spread da 0,4 punti sugli indici, da 0,6 sul forex e da 0,3 su materie prime
  • Stop garantiti: imposta un livello a cui chiudere la posizione per tutelarti da eventuali gap di mercato e slippage
  • Assistenza dedicata: avrai a disposizione un team di esperti pronto a supportarti

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading