Danone punta alla Cina. PBoC svaluta lo yuan contro dollaro

Danone affamata sul mercato: l'acquisto del 49% della sussidiaria di Yashili può rafforzare la sinergia tra le due realtà e le reciproche opportunità di crescita. Intanto, la Banca popolare cinese ha confermato le prime avvisaglie di rallentamento del Dragone, ribadendo il proprio sostegno all'economia di Pechino.

PBoC
Fonte Bloomberg

Nuova operazione di mercato in casa Danone: il produttore di generi alimentari francesi ha acquistato il 49% di Yashili New Zealand Dairy, sussidiaria indiretta di proprietà della Yashili International Holdings quotata a Hong Kong e specializzata in latte in polvere e prodotti per l’infanzia. Intanto torna in campo la PBoC: ribadendo il rischio di un rallentamento della crescita legato alle tensioni di carattere commerciale, l'istituto centrale cinese ha confermato il proprio sostegno al credito, ribilanciando contestualmente il cambio contro dollaro.

L’ammontare complessivo versato da Danone per l'acquisizione della quota di Yashili si attesta a $318 milioni di dollari circa. Danone aveva firmato un memorandum d'intesa per l'acquisizione già lo scorso a giugno. Il prezzo di acquisto sostenuto dalla francese include il 49% del "profitto totale alla data di chiusura" ed il 51% della voce "importo forfetario delle perdite". Yashili, che ha richiesto tali condizioni, non ha però fornito ulteriori dettagli.

La vendita della quota in esame dovrebbe rafforzare la partnership strategica tra le due realtà, accrescendone le sinergie. Yashili intenderebbe spendere i $107,13 milioni di proventi netti ottenuti dalle operazioni di vendita in attività di brand building.

In mattinata, intanto, la PBoC, la Banca popolare cinese, ha dichiarato che la contro globalizzazione ed il protezionismo commerciale hanno creato maggiori sfide ed incertezze per l'economia cinese La stessa banca si farà però carico di assicurare una ragionevole crescita del credito e dei finanziamenti sociali. L'istituto ha quindi modificato dello 0,23% il livello di riferimento per lo yuan contro dollaro (a 6,8908 contro il fixing di venerdì a 6,8750).

Atteso, in tal senso, sarà il discorso che il presidente cinese, Xi Jinping terrà martedì in occasione del 40° anniversario della riforma cinese. Massima attenzione, quindi, su quanto deciderà la Federal Reserve nel meeting di mercoledì.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.