Apple in attesa della trimestrale. Si chiude il capitolo FAANGs

Dopo gli utili positivi di Facebook, la crescita dei profitti di Amazon, l’incremento degli utenti di Netflix e le mancate aspettative di fatturato di Google (ma non solo), stasera a contrattazioni ferme sarà la volta di Apple. Indipendentemente dai numeri, gli analisti si schierano per un mantenimento delle posizioni.

Apple
Fonte Bloomberg

Tutto è pronto per le trimestrali di Apple. Dopo quattro trimestri consecutivi di utili sopra le attese, non è da escludere che il gigante tech riesca a inanellare il quinto successo consecutivo, che andrebbe a rafforzare il prosieguo del movimento a rialzo della quotazione. Nel trimestre luglio – settembre Apple è cresciuta sul listino maericano del 27%. Rispetto ai valori d’inizio anno la quotazione è salita del 37%; +50% se si guarda la variazione anno su anno a fine settembre.

Trimestrali FAANG: Apple chiude il cerchio

Dopo gli utili positivi di Facebook, la crescita dei profitti di Amazon, l’incremento degli utenti di Netflix e le mancate aspettative di fatturato di Google (ma non solo sue), stasera a contrattazioni ferme sarà la volta di Apple.

Da attese, il colosso californiano dovrebbe annunciare un miglioramento dei guadagni e delle entrate. Una prima cartina tornasole sul grado di apprezzamento degli ultimi modelli di iPhone potrebbe quindi essere queste, assieme ad un’anticipazione di quello che potrebbe accadere nel trimestre di Natale.

Fin dalle origini del gruppo, è sugli iPhone che si calibra la performance della società e che ha permesso ad Apple di passare dall'essere una società vicina alla bancarotta, alla più grande azienda quotata al mondo.

In linea con le direttive di Steve Jobs, l'azienda è rimasta al passo con i cambiamenti epocali e continua a guidare l'innovazione degli smartphone. Il prossimo passaggio alla tecnologia wireless 5G dovrebbe rafforzare questa tendenza nel tempo.

Apple: un titolo da tenere in portafoglio

Indipendentemente dai numeri che riporterà la compagnia, gli analisti si schierano a favore di un mantenimento delle proprie posizioni sul titolo Apple.

Lo scorso trimestre Wall Street ha previsto un utile a 2,78 per azione. Se tale livello fosse confermato, ciò determinerebbe un aumento del 34,3% rispetto allo scorso anno, quando la società ha registrato utili trimestrali a $2,07 per azione.

Il mercato si attende inoltre entrate per $61,57 miliardi di dollari, pari ad un aumento trimestrale del 17,1% rispetto all'anno scorso (a 52,58 miliardi).

Negli ultimi cinque anni, il titolo AAPL ha raggiunto una crescita media annua di quasi il 13,5%. La società ha registrato un anno eccezionalmente forte nel 2018, con ricavi netti complessivi attesi in crescita del 28%. Gli analisti prevedono che tale crescita a due cifre continuerà nei prossimi cinque anni.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.