Alphabet al test trimestrali: dopo Facebook, Apple, Amazon e Netflix, Wall Street guarda a Google

Lunedì a mercati chiusi Alphabet rivela i risultati dell'ultimo trimestre 2018 e mette il punto all'acronimo FAANG. Azioni Alphabet positive in pre-market (+0,5%). Il titolo allunga quindi a Wall Street (+1,5%).

Fonte: Bloomberg

Si torna a parlare di tecnologia a stelle e strisce, ancora una volta con una delle big di settore. Dopo i risultati di Apple, Microsoft, Facebook ed Amazon in calendario la scorsa settimana, oggi è la volta di Alphabet. In attesa della pubblicazione dei conti trimestrali, le azioni Alphabet sono cresciute dello 0,5% in fase di pre-market, salendo quindi a mercati aperti alla volta del +1,5%.

Trimestrali tech: i conti delle big americane

Apple sconta il calo cinese con dati sotto i suoi standard, ma sopra le attese riviste; bene i servizi.

Microsoft manca le attese di ricavo; cala il business dei pc, mentre trionfano gaming e cloud computing.

Facebook supera scandali, accuse e sfiducia a Mark Zuckerberg; risultati oltre le attese grazie alla pubblicità.

Amazon oltrepassa i propri record grazie alle divisioni cloud ed advertising; prospettive 2019 in calo.

Pioniera della stagione trimestrale, Netflix, con numero di utenti in crescita ed una nuova paura: non l’offerta dei diretti competitors, ma il boom dell’entertainment.

Cosa rivelerà questa sera Google?

Per la pubblicazione dei risultati trimestrali, questa sera a mercati chiusi, il consensus della piazza si attesta a 10,82 dollari per azione. I ricavi dovrebbero invece salire del 20%. L’attenzione degli analisti si concentrerà anzitutto sulla divisione cloud, rivelatasi una delle forze trainanti delle più grandi aziende tecnologiche al mondo (tra cui anche la cinese Alibaba), e su eventuali notizie legate alla piattaforma di streaming numero uno al mondo: YouTube (facente parte di quel “entertainment” tanto temuto da Netflix).

Dopo un 2018 altalenante, rispetto ai minimi di dicembre in area 985 dollari per azione, le azioni Alphabet di classe A (aventi diritto di voto e prezzate circa 10 dollari sopra le azioni classe C, senza diritto di voto) ha recuperato il 15% del proprio valore tornando a quotare a ridosso dei $1130.

Alla pubblicazione delle trimestrali, Wall Street cercherà di capire se il recente recupero dei prezzi sia da leggersi come un breve rally d’inizio anno o se come un recupero che è preludio ad un 2019 potenzialmente ricco di nuovi spunti.

Nel quarto periodo 2018 quasi la metà delle aziende dell’indice S&P500 hanno registrato guadagni; il 70,9% del totale ha battuto le aspettative degli analisti, nonostante il 72% abbia mostrato risultati sotto la media degli ultimi quattro trimestri.

Trova un articolo

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sul forex

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sulle azioni

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

Scopri di più sugli indici

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.