Azioni Mediaset in rally dopo decisione Corte di Giustizia EU

I legislatori europei danno ragione a Vivendi nella battaglia legale per il riconoscimento nel progetto Media for Europe. Risvolti positivi nella sentenza: le quotazioni di Mediaset volano oltre l’8%

Nella giornata in cui il Ftse Mib prosegue al rialzo, trainato per lo più dal settore bancario, sul Ftse Mid Cap spiccano le quotazioni Mediaset, in rally a oltre l'8% nonostante, ieri, la Corte di Giustizia europea abbia accolto il ricorso presentato da Vivendi contro la norma italiana che ha imposto a Vivendi di mantenere una partecipazione in Mediaset inferiore al 10% dei diritti di voto rispetto al 29,9% detenuto.

Cosa ha deciso la Corte europea sulla diatriba Mediaset-Vivendi?

L’azienda di telecomunicazione francese Vivendi, seconda azionista nel capitale Mediaset, aveva inoltrato un ricorso al Tar del Lazio, che a sua volta si è rivolto alla Corte di Giustizia europea, impugnando il Tusmar, il Testo Unico sui servizi di media audiovisivi e radiofonici all’interno del quale l’articolo 43, comma 11, impedisce a Vivendi di acquisire il 28% del capitale Mediaset (“Le imprese, anche attraverso società controllate o collegate, i cui ricavi nel settore delle comunicazioni elettroniche (…) sono superiori al 40 per cento dei ricavi complessivi di quel settore, non possono conseguire nel sistema integrato delle comunicazioni ricavi superiori al 10 per cento del sistema medesimo”).

Ieri il principale organo giurisdizionale comunitario ha dato ragione a Vivendi, giudicando che la norma è contraria al diritto dell’Unione Europea.

L’articolo 43 del Tusmar obbligava infatti Vivendi a congelare parte della propria quota in Mediaset, a fronte della presenza dei francesi nell'azionariato di Telecom Italia, di cui Vivendi è secondo azionista al 23,95%, mentre in Telecom è primo azionista con il 23,9% del capitale.

Ma la sentenza apre ora nuove prospettive per il Biscione, che punta gli occhi sul progetto di rete unica a in fibra nazionale.

La vicenda Vivendi-Mediaset in 5 punti

Il pomo della discordia tra Mediaset e Vivendi ruota attorno al progetto di creazione di una rete televisiva europea a guida Mediaset, che includerebbe anche la controllata spagnola Mediaset Espana e l’emittente tedesca ProSiebenSat.1, all’interno della quale la scalata di Mediaset prosegue dal maggio 2019 – al momento ne detiene il 24,9%.

  1. Il progetto non piace a Vivendi, che detiene il 29% delle azioni Mediaset e lamenta un’eccessiva penalizzazione degli azionisti di maggioranza all’interno di Media for Europe, la holding con sede legale in Olanda che si verrebbe a creare. Proprio per le suddette ragioni dettate dall’Agcom, infatti, Vivendi aveva spostato il 19,9% delle proprie azioni Mediaset in capo al fondo Simon Fiduciaria – al quale Mediaset non riconosce diritti di voto.
  2. Al via dunque alla battaglia legale: Vivendi si è appellata prima alla Corte di Madrid e poi a quella di Amsterdam. Proprio lo scorso martedì il tribunale olandese ha accolto l'appello di Vivendi contro il progetto di Mediaset di raggruppare le attività italiane e spagnole del gruppo nella holding olandese Media for Europe - parere che ricalca quello rilasciato lo scorso 30 luglio dai giudici di Madrid.
  3. Tra le due sentenze, un tentativo di alzare bandiera bianca da parte di Vivendi che non è andato a buon fine. A inizio agosto infatti l’azienda francese aveva notificato con una lettera la propria intenzione di raggiungere un accordo, dicendosi pronta a sostenere i progetti internazionali del gruppo.
  4. Richiesta che tuttavia i vertici di Mediaset hanno giudicato insufficiente e “fuori tempo massimo”. “Se Vivendi è davvero intenzionata a trattare su basi concrete e orientate agli interessi di tutti gli azionisti, compresi quelli di maggioranza, Mediaset è pronta ad aprire un tavolo di confronto in cui verificare il nuovo, positivo, approccio”, si legge nella risposta di Cologno Monzese. Che, negli stessi giorni, prendeva atto dell’impossibilità di procedere con la fusione delle attività italiane e spagnole entro la fine dell’anno, a causa della pronunciazione della Corte di Madrid di fine luglio.
  5. La battaglia legale ha dunque portato a richieste di risarcimento da parte di Mediaset, che già verso la metà di agosto ha fatto sapere di non essere intenzionata a prender in considerazione alcuna proposta di tregua da parte di Vivendi che non includesse anche il pagamento di detti risarcimenti. “L’unica proposta pervenuta da Vivendi consiste nella rinuncia reciproca e senza esborsi a tutte le cause in atto", si legge in un comunicato del 12 agosto. "Mediaset ribadisce invece la massima disponibilità a esaminare proposte concrete che siano di interesse per tutti gli azionisti di Mediaset, senza tuttavia rinunciare al risarcimento".

Come hanno reagito le azioni Mediaset?

Nonostante il parere sfavorevole della Corte di Giustizia europea, dall’inizio della seduta di Borsa le quotazioni Mediaset sono arrivate a guadagnare oltre l’8%, proprio per le nuove prospettive che Corte di Giustizia Ue ha aperto con la sentenza di ieri.

La società del Biscione “valuterà con il massimo interesse ogni nuova opportunità in materia di business Tlc già a partire dai recenti sviluppi di sistema sulla rete unica nazionale in fibra”, si legge infatti in una nota rilasciata ieri dall’azienda media.

Al momento le quotazioni Mediaset viaggiano in rialzo dell’8,21%, a 1,71 euro per azione.

Scopri come fare trading sulle azioni Mediaset e altri mercati con IG

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Esplora i mercati finanziari

Scopri come funzionano le azioni e l'ampia selezione di mercati disponibili con il corso di introduzione ai mercati finanziari di IG Academy.

Esercita le tue conoscenze di trading

Metti in pratica quello che hai imparato da questo articolo con il nostro conto demo e fai trading sulle azioni senza rischi.

Vuoi fare trading sulle azioni?

Perché non utilizzare le informazioni di questo articolo per iniziare a fare trading? Passare a un conto reale è facile e veloce.

  • Fai trading su oltre 12.000 azioni globali
  • Proteggi il tuo capitale con gli strumenti di gestione del rischio
  • Reagisci prontamente alle novità con il trading fuori dagli orari di negoziazione per oltre 70 azioni USA

Vuoi fare trading sulle azioni?

Metti in pratica quello che hai imparato da questo articolo. Effettua il login e inizia subito a fare trading.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading