Azioni Fca in forte ribasso, dubbi dell’Antitrust su fusione con Psa

Il colosso automobilistico che nascerebbe dalla fusione potrebbe occupare ben più di un terzo della quota di mercato nel settore minivan: è su questo che l’Antitrust Ue intende indagare, minacciando uno slittamento del matrimonio

Neanche la pandemia di coronavirus era riuscita a dissuadere i vertici di Fiat-Chrysler e Peugeot dal proseguire dritti sulla via della fusione tra le due aziende leader nel settore automotive, il cui stretto calendario prevede l’aggregazione dei due gruppi entro il primo trimestre del 2021.

Potrebbe invece riuscirci l’Antitrust europea, intenzionata ad aprire un’indagine intorno al settore di mercato a livello comunitario che il colosso in formazione potrebbe occupare, una volta completata la fusione.

Su cosa si sta concentrando l’Antitrust?

I dubbi dell’autorità per la concorrenza riguardano nello specifico il settore veicoli commerciali leggeri che, nel caso di completamento degli accordi tra le case automobilistiche, potrebbe arrivare ad occupare più del 30% del mercato europeo. Le perplessità in tal senso sono state sollevate dalla presenza della joint venture Fca-Psa “Sevel Sud”, attiva nel settore dl 1978.

Il prossimo appuntamento in calendario sarà quello del 17 giugno, davanti alla Commissione europea. Le due case automobilistiche avrebbero dovuto presentare un piano per la futura regolamentazione del settore di mercato in oggetto, ma sembra che finora non sia stato prodotto nulla – il che potrebbe portare la Commissione a dare il via a un’istruttoria, le cui indagini potrebbero durare fino a quattro mesi.

Come hanno reagito le azioni Fca e Psa?

Dopo una breve sospensione per eccesso di ribassi, le quotazioni Fca al momento lasciano sul terreno il 5,84%, a 8,24 euro. Non va meglio sul listino francese Psa, che viaggiano in ribasso del 6,37% a 13,45 euro, dopo aver toccato un minimo a metà mattinata a 13,24 euro.

Secondo Findentiis, "il rischio di un'indagine antitrust completa è il possibile ritardo nella tempistica della fusione. Questa notizia è negativa, ma non è una totale sorpresa perché era noto che il settore dei veicoli commerciali leggeri è il più a rischio da un punto di vista antitrust a causa della sua alta quota di mercato aggregata in Europa". Negativa alla prospettiva di un’indagine anche Banca Imi: "la procedura Antitrust Ue potrebbe mettere a rischio la tempistica della fusione, la cui finalizzazione è attesa nella prima metà del 2021. Questo potrebbe tenere il titolo sotto pressione".

L’annuncio di una fusione tra l’italoamericana Fca e la francese Psa risale allo scorso ottobre. In ballo c’è la nascita di un colosso automobilistico da 45 miliardi di euro, in grado di arrivare a posizionarsi quarto tra i più grandi costruttori al mondo (dopo Volkswagen, Toyota e il gruppo Renault-Nissan).

Come sta reagendo Fca alla crisi coronavirus?

Dall’inizio anno, le azioni Fca hanno perso il 37,5%. Il comparto automotive è stato tra i più colpiti dalla pandemia di Covid-19 (e, in Italia, la stessa sorte è toccata proprio a Fiat-Chrysler), prima con lo stop dell’arrivo dalla Cina delle componenti necessarie all’industria – quando Pechino ha iniziato a disporre la chiusura delle attività non essenziali, ancora a febbraio -, poi con la chiusura degli impianti (solo in Europa durante i mesi di lockdown la produzione totale di veicoli è scesa di 2,446,344 unità, di cui 157,933 in Italia), infine con la chiusura dei concessionari per quasi tre mesi (300 mila auto non vendute solo in Italia).

Ad aprile le vendite di auto sono crollate in Italia del 97,5%, con proprio Fiat-Chrysler che ha subito i ribassi più forti. Quanto all’intero settore, proprio stamattina l’Istat ha pubblicato i dati relativi ala produzione industriale di aprile: il settore della fabbricazione di mezzi di trasporto ha registrato un crollo del 74%.

L’intero indice destagionalizzato della produzione industriale sarebbe diminuito del 19,1% rispetto a marzo, che diventa il 23,2% in media tra febbraio e aprile.

Scopri come fare trading sulle azioni Fca e altri mercati con IG.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Cogli le opportunità del mercato azionario

Vai long o short su migliaia di titoli globali.

  • Aumenta la tua esposizione nel mercato con la leva
  • Spread a partire da solo 0,1% sui principali indici globali
  • Fai trading con i CFD direttamente nel book di negoziazione con accesso diretto al mercato

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading